Banca d’Italia: 4 borse di ricerca per economisti


Questo articolo fa parte del nostro archivio, i contenuti potrebbero non essere aggiornati.

Dal 2007 la Banca d’Italia mette a concorso periodicamente borse di ricerca per economisti da fruire a Roma presso l’Area Ricerca Economica e Relazioni Internazionali. E’ stato appena emanato un nuovo bando per assegnare 4 borse di ricerca destinate a soggetti in possesso del Ph.D / Dottorato o in procinto di ottenerlo. Le borse hanno una durata di 12 mesi rinnovabili per ulteriori 12 mesi e sono del valore di 4.000 Euro mensili lordi.

La selezione è rivolta a giovani economisti con interesse ed esperienze nell’ambito della ricerca economica applicata e delle sue implicazioni di policy. Nel corso del periodo di fruizione della borsa, i vincitori dovranno sviluppare un progetto di ricerca da loro stessi proposto in una delle macro-aree della classificazione JEL dell’American Economic Association.

I borsisti dottorandi saranno collocati presso una delle Strutture dell’Area Ricerca Economica e Relazioni Internazionali della Banca d’Italia. Saranno chiamati ad interagire e collaborare con i ricercatori dell’Istituto, nell’ambito delle tematiche di loro competenza, contribuendo alle analisi di policy rilevanti per la Banca d’Italia.

Al termine del primo anno di fruizione della borsa di studio, i giovani economisti potranno partecipare ad una selezione per l’assunzione a tempo indeterminato nel grado iniziale della carriera direttiva. In caso si esito positivo della selezione, potranno lavorare all’interno di una delle strutture della Banca d’Italia presenti in tutto il Paese.

Per maggiori informazioni vi invitiamo a scaricare e leggere attentamente il BANDO (Pdf 29Kb) di concorso per l’assegnazione di 4 borse di ricerca.

COME CANDIDARSI
La candidatura deve essere presentata esclusivamente online, tramite l’applicazione raggiungibile da questa pagina web, entro le ore 18.00 del giorno 25 novembre 2011.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - E' VIETATA QUALSIASI FORMA DI PUBBLICAZIONE DEI CONTENUTI DEL SITO

Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.
Redazione: Max Arteconi