Ministero della Giustizia: concorso pubblico per 360 magistrati ordinari, ecco il bando


Questo articolo fa parte del nostro archivio, i contenuti potrebbero non essere aggiornati.

Il Ministero della Giustizia ha indetto un concorso pubblico, per esami, finalizzato alla copertura di 360 posti di magistrato ordinario. La domanda di partecipazione al concorso deve essere presentata entro il giorno 23 dicembre 2010, data di scadenza del bando.

REQUISITI
Per essere ammessi al concorso per 360 magistrati ordinari è necessario che il potenziale candidato possieda i seguenti requisiti:
a) sia cittadino italiano;
b) abbia l’esercizio dei diritti civili;
c) sia di condotta incensurabile;
d) sia fisicamente idoneo all’impiego a cui aspira;
e) sia in posizione regolare nei confronti del servizio di leva;
f) non sia stato dichiarato per tre volte non idoneo nel concorso per esami alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda;
g) rientri, senza possibilità di cumulare le anzianità di servizio previste come necessarie nelle singole ipotesi, in una delle seguenti categorie:
1. magistrati amministrativi e contabili;
2. procuratori dello Stato;
3. dipendenti dello Stato, con qualifica dirigenziale o appartenenti ad una delle posizioni dell’area C, con almeno 5 anni di anzianità nella qualifica, che hanno costituito il rapporto di lavoro a seguito di concorso per il quale era richiesto il possesso del diploma di laurea in giurisprudenza;
4. appartenenti al personale universitario di ruolo docente di materie giuridiche in possesso del diploma di laurea in giurisprudenza;
5. dipendenti con qualifica dirigenziale nella P.A. con almeno 5 anni di anzianità nella qualifica, che hanno costituito il rapporto di lavoro a seguito di concorso per il quale era richiesto il possesso del diploma di laurea in giurisprudenza;
6. abilitati all’esercizio della professione forense e, se iscritti all’albo degli avvocati, non incorsi in sanzioni disciplinari;
7. coloro i quali hanno svolto le funzioni di magistrato onorario per almeno sei anni senza demerito;
8. laureati in giurisprudenza (4 anni) + diploma conseguito presso le scuole di specializzazione per le professioni legali;
9. laureati in giurisprudenza (4 anni) + dottorato di ricerca in materie giuridiche;
10. laureati in giurisprudenza (4 anni) + specializzazione in una disciplina giuridica, al termine di un corso di studi della durata non inferiore a 2 anni;
11. laureati in giurisprudenza (4 anni) iscritti al relativo corso di laurea anteriormente all’anno accademico 1998 – 1999;
Per tutte le categorie elencate è indispensabile che i soggetti non siano incorsi in sanzioni disciplinari.

PROVE D’ESAME
I candidati ammessi a pertecipare al concorso per 360 magistrati ordinari dovranno affrontare una prova scritta (tre elaborati teorici vertenti su diritto civile, diritto penale e diritto amministrativo) e una prova orale che verificherà le conoscenze in materia di diritto in aggiunta a conoscenze di elementi di informatica giuridica e conoscenza di una lingua straniera a scelta tra inglese, francese, spagnolo e tedesco.

BANDO DI CONCORSO
Per maggiori informazioni vi invitiamo a scaricare e leggere attentamente il BANDO DI CONCORSO (Pdf 51Kb) indetto dal Ministro della Giustizia con decreto ministeriale del 12 ottobre 2010 e finalizzato alla copertura di 360 posti di magistrato ordinario. Mettiamo a vostra disposizione anche il decreto del 19 ottobre 2010 (Pdf 26Kb) che modifica il n. 6 dell’art. 2, lettera g del decreto 12 ottobre 2010.

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE
La domanda di partecipazione al concorso deve essere presentata entro il giorno 23 dicembre 2010 per via telematica, redatta compilando l’apposito modulo disponibile sul sito internet del Ministero della Giustizia, www.giustizia.it seguendo il percorso: Strumenti/Concorsi, esami, assunzioni.
Dopo aver completato la procedura online il sistema informatico rilascia una ricevuta che contiene il codice a barre identificativo; tale file deve essere stampato e conservato dal candidato, nonchè esibito per la partecipazione alle prove scritte. Inoltre, il candidato deve stampare la domanda firmarla e recarsi entro il termine di scadenza del bando alla Procura della Repubblica presso il Tribunale nel cui circondario è residente, per la validazione a cura del funzionario preposto; in alternativa, può, entro lo stesso termine, spedire la domanda, debitamente firmata, alla Procura suddetta, a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA - E' VIETATA QUALSIASI FORMA DI PUBBLICAZIONE DEI CONTENUTI DEL SITO

Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.
  • giovanni

    E’ assurdo che al concorso per 360 posti di magistrati ordinari possano partecipare candidati: laureati in giurisprudenza iscritti al relativo corso di laurea ANTERIORMENTE al 1998-1999 ( punto 11 delle categorie ). E I LAUREATI PIU’ GIOVANI E PIU’ PREPARATI NON POSSONO PARTECIPARE!
    NON CI SONO PAROLE PER COMMENTARE – TALE INGIUSTIZIA!