Aumento stipendio docenti e ATA: 120 euro in più in busta paga con rinnovo CCNL

scuola, banchi, classe, insegnare, aula

Il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) per il comparto scuola porterà un aumento dello stipendio di docenti e ATA fino a 120 euro.

In media si stima che ci saranno tra i 90 e i 100 euro in più in busta paga per il personale scolastico, mentre solo alcuni insegnanti avranno un incremento maggiore della retribuzione.

Vediamo nel dettaglio tutte le novità sugli stipendi per il personale docente e il personale ATA in arrivo con il nuovo CCNL, e quali sono gli aumenti previsti.

AUMENTO STIPENDIO DOCENTI E ATA ULTIME NOTIZIE

La contrattazione per il rinnovo del contratto scuola è giunta alla fase finale ed è stata sottoscritta la parte comune del CCNL 2019/2021 relativa al rinnovo del contratto delle aree Scuola, Università, Afam e Ricerca per la parte economica (tutte le informazioni qui). Con il nuovo CCNL scuola ci saranno degli incrementi delle retribuzioni degli insegnanti e del personale ATA.

Infatti, con il nuovo contratto scuola docenti e ATA potranno avere fino a 120 euro lordi in più in busta paga. Tuttavia l’aumento degli stipendi dei docenti sarà leggermente maggiore rispetto all’aumento degli stipendi del personale ATA. Inoltre non tutti gli insegnati potranno avere gli aumenti massimi previsti. Questo perchè la Legge di Bilancio 2022 ha introdotto delle modifiche per premiare la professionalità degli insegnanti, dunque gli importi potranno variare anche in base a questo.

AUMENTI PREVISTI

Dunque, di quanto aumenta lo stipendio dei docenti e del personale ATA con il rinnovo del contratto scuola? Gli aumenti degli stipendi per il personale scolastico previsti si aggirano in media tra i 90 e i 100 euro lordi. Si tratta di un incremento di circa il 25% rispetto agli 80 euro lordi del contratto 2016-2018 attualmente in vigore. Per conoscere gli aumenti netti previsti per ciascun profilo professionale potete leggere questo approfondimento.

Con l’aumento degli stipendi arriva anche il pagamento degli arretrati ai docenti, che possono raggiungere i 3.000 euro. Inoltre, grazie al taglio del cuneo fiscale, che dovrebbe arrivare fino a 35 mila euro e, quindi, riguardare la maggior parte degli insegnanti, potrebbe esserci un ulteriore aumento tra i 25 e i 30 euro.

FONDI DISPONIBILI

L’aumento dello stipendio di ATA e docenti è finalizzato ad avvicinare le condizioni di lavoro del personale scolastico agli standard europei e ad adeguare le retribuzioni, attualmente regolate da un contratto vecchio di 4 anni, all’aumento del costo della vita. Per rinnovare il contratto del comparto scuola sono stati stanziati 2 miliardi di euro. A questi si aggiungono altri 300 milioni di euro aggiuntivi che, su richiesta dell’ex Ministro dell’istruzione, Patrizio Bianchi, alla Funzione Pubblica sono stati destinati all’aumento degli stipendi sottraendoli dalle risorse del fondo MOF (Fondo per il miglioramento dell’offerta formativa). Inoltre, ulteriori fondi per l’aumento degli stipendi di docenti e ATA sono previsti dalla Legge di Bilancio 2023 (tutti i dettagli qui).

DECORRENZA

Da quando decorrerà l’aumento dello stipendio dei docenti e del personale ATA? A partire dal mese di dicembre 2022.

IL CONTRATTO ATTUALMENTE IN VIGORE

Attualmente gli stipendi dei docenti e del personale ATA sono determinati in base al CCNL Istruzione e Ricerca 2016-2018 (Pdf 1,88Mb) del 19 aprile 2018.

ULTERIORI INFORMAZIONI E AGGIORNAMENTI

Continuate a seguirci per restare informati e visitate la nostra sezione riservata alla scuola e le nostre pagine dedicate a docenti e ATA, dove trovate tutte le informazioni aggiornate su concorsi, graduatorie, normative e contratti per il personale scolastico.

Iscrivetevi gratuitamente alla nostra newsletter e  al canale Telegram per essere avvisati su tutte le novità. Sono disponibili anche il gruppo Telegram dedicato esclusivamente ai docenti e aspiranti docenti e il il gruppo Telegram dedicato al personale ATA, utili per confrontarsi e chiedere consigli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.



Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti