Barberino Outlet: 300 nuovi posti di lavoro

Barberino Designer Outlet ha ottenuto dal Comune di Barberino di Mugello, in provincia di Firenze, l’autorizzazione per l’avvio dei lavori che porteranno all’apertura di circa 30 – 35 negozi in più e alla conseguente creazione di 300 nuovi posti di lavoro. La superficie di vendita, dagli attuali 21.000 mq raggiungerà i 27.000 mq, entro la fine del prossimo anno.

Barberino Outlet è stato inaugurato nel 2006 ed è uno dei cinque Designer Outlet di McArthurGlen in Italia. Il suo successo è stato confermato negli anni sia in termini di presenze che di vendite. Il 2010 si è chiuso con oltre 3,3 milioni di visitatori, tra cui molti stranieri, primi fra tutti russi e cinesi. Questi risultati da record hanno incentivato la catena che gestisce l’outlet ad estendere l’area commerciale. I 35 nuovi punti vendita si aggiungeranno ai 100 già esistenti e saranno ampliati anche servizi e parcheggi.

Dal punto di vista occupazionale, saranno creati circa 300 nuovi posti di lavoro, che porteranno complessivamente i dipendenti a sorpassare quota mille. Le assunzioni interesseranno principalmente le figure professionali necessarie all’interno dei nuovi negozi: addetti alla vendita, store manager, responsabili e commessi. Ferrè, Calvin Klein, D&G, Guru, Furla, Guess, Les Copains, Missoni, Trussardi, Pinko, Richmond, Roberto Cavalli, Timberland sono alcuni tra i brand già presenti nell’outlet, ai quali se ne aggiungeranno molti altri. Gli interventi di ampliamento dovrebbero concludersi entro la fine di settembre 2012, ma sapremo molto prima quali marchi decideranno di assicurarsi una vetrina nell’outlet. L’avvio delle selezioni di personale andrà di pari passo. I nuovi posti di lavoro saranno resi noti nella pagina lavora con noi del sito web del Barberino Designer Outlet.

Ricordiamo che Barberino outlet è di proprietà di European outlet Mall Fund (Eomf) di Henderson global investors, che vede McArthurGlen in veste di co-investitore nel centro nonchè nell’Eomf. L’outlet è stato inaugurato nel 2006 da McArthurGlen e acquistato dall’Eomf nel 2009. La seconda fase di sviluppo del centro rifletterà gli alti standard della prima, come si legge nella nota diffusa dall’azienda, e il relativo progetto architettonico sarà ispirato alle ville rinascimentali del Mugello.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments