Bonus carburante autotrasporto 2022: a chi spetta e come funziona

La guida su cosa prevede il bonus carburante autotrasporto 2022, a chi spetta, a quanto ammonta e come fare per richiederlo

patente, autotrasporto, camion

Ancora qualche giorno per presentare le domande per il bonus carburante autotrasporto 2022. C’è tempo fino al 19 ottobre per fare richiesta tramite la piattaforma dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli per fare richiesta.

Il bonus consente le imprese del settore dell’autotrasporto delle merci per conto terzi di usufruire di un credito d’imposta pari al 28% delle spese sostenute nel primo trimestre del 2022 per l’acquisto di carburante impiegato su mezzi di categoria Euro 5 o superiore.

In questa guida vi spieghiamo come funziona il bonus carburante autotrasporto 2022, a chi spetta e come si richiede.

BONUS CARBURANTE AUTOTRASPORTO 2022, COS’È

Il bonus carburante per l’autotrasporto 2022 è un credito d’imposta pari al 28% delle spese sostenute nel primo trimestre del 2022, al netto dell’IVA, per l’acquisto di carburante impiegato su mezzi di categoria Euro 5 o superiore. L’obiettivo di questa misura è mitigare gli effetti economici dell’aumento del prezzo del gasolio a causa della guerra in Ucraina.

Destinato alle imprese del settore dell’autotrasporto delle merci per conto terzi, è stato istituito con l’articolo 3 del Decreto Aiuti convertito in Legge ed è disciplinato dal Decreto Ministeriale 13 luglio 2022 firmato dal Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.183 del 06-08-2022. Per questa misura il Governo ha stanziato per il 2022, 497 milioni di euro e la piattaforma per le domande sarà attiva dal 12 settembre e per i 30 giorni successivi (fino quindi al 12 ottobre 2022).

A CHI SPETTA

Il bonus carburante istituito dal Decreto Aiuti spetta alle imprese del settore dell’autotrasporto delle merci per conto terzi aventi sede in Italia, indicate all’articolo 24-ter, comma 2, lettera a), del Testo unico delle accise approvato con Decreto Legislativo 26 ottobre 1995, n. 504, ovvero che svolgono attività con veicoli di massa massima complessiva pari o superiore a 7,5 tonnellate esercitata da:

  • persone fisiche o giuridiche iscritte nell’Albo nazionale degli autotrasportatori di cose per conto di terzi;
  • imprese stabilite in altri Stati membri dell’Unione Europea, in possesso dei requisiti previsti dalla disciplina dell’Unione europea per l’esercizio della professione di trasportatore di merci su strada;
  • persone fisiche o giuridiche munite della licenza di esercizio dell’autotrasporto di cose in conto proprio e iscritte nell’elenco appositamente istituito.

A QUANTO AMMONTA

Il credito d’imposta destinato al settore autotrasporto ammonta al 28% della spesa effettuata per l’acquisto di carburante, provato con fattura d’acquisto. Il testo normativo inoltre:

  • stabilisce che il bonus vale al netto dell’imposta sull’IVA;
  • non prevede l’applicazione di limiti sulla compensazione;
  • stabilisce che il bonus non concorre alla formazione del reddito d’impresa, né della base imponibile dell’imposta regionale sulle attività produttive e non rileva ai fini del rapporto degli interessi passivi.

COME FUNZIONA IL BONUS CARBURANTE AUTOTRASPORTO 2022

Il bonus carburante per l’autotrasporto 2022 viene erogato sotto forma di credito d’imposta pari al 28%, fruibile esclusivamente in compensazione. Vale come “rimborso compensativo” della spesa sostenuta nel primo trimestre dell’anno 2022 per l’acquisto del gasolio impiegato dalle imprese del trasporto conto terzi per i veicoli di categoria Euro 5 o superiore. Per ottenerlo è necessario che:

  • i mezzi interessati siano utilizzati per l’esercizio dell’attività di autotrasporto;

  • la spesa sia comprovata mediante le relative fatture d’acquisto risalenti al periodo compreso tra gennaio e marzo 2022.

COME PRESENTARE DOMANDA

La domanda per accedere all’agevolazione va presentata attraverso l’apposita piattaforma predisposta dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli raggiungibile da questo indirizzo. Lo strumento è attivo dalle ore 15.00 del 12 settembre 2022 sino al 19 ottobre 2022. Il credito d’imposta riconosciuto alle imprese beneficiarie dell’agevolazione avviene, in ogni caso, nei limiti delle risorse disponibili e secondo l’ordine di arrivo delle richieste. Al portale si accede attraverso le credenziali SPID, CNS o CIE. Per ciascun azienda si può presentare una sola istanza. L’utente seleziona il soggetto per cui intende operare:

  • per se stesso, ossia per le aziende di cui è titolare (ditta individuale);

  • per le aziende di cui è rappresentante legale o incaricato.

Non si può delegare altri soggetti alla presentazione dell’istanza. Le domande contengono gli identificativi SDI delle fatture di acquisto in Italia del gasolio relativamente al primo trimestre dell’anno 2022.

COME VIENE RICONOSCIUTO IL BONUS

Il contributo riconosciuto è utilizzabile esclusivamente in compensazione tramite presentazione del modello F24 attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle entrate.

CUMULABILITÀ

Come definito dall’articolo 3 del Decreto Aiuti convertito in Legge, il bonus è cumulabile con altre agevolazioni che abbiano ad oggetto i medesimi costi, a condizione che tale cumulo, tenuto conto anche della non concorrenza alla formazione del reddito e della base imponibile dell’imposta regionale sulle attività produttive, non porti al superamento del costo sostenuto.

RIFERIMENTI NORMATIVI

Testo coordinato del Decreto Aiuti convertito in Legge (Pdf 877 Kb) e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.164 del 15-07-2022;

Decreto Ministeriale 13 luglio 2022 (Pdf 106 Kb) pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.183 del 06-08-2022.

ALTRI AIUTI E AGGIORNAMENTI

Vi invitiamo a leggere anche questo articolo sugli incentivi per l’acquisto di camion e il nostro approfondimento sugli incentivi auto 2022. Vi consigliamo poi di leggere la guida sul bonus patente nazionale 2022.

Per scoprire altri bonus e agevolazioni disponibili per famiglie e lavoratori è possibile visitare la nostra pagina dedicata agli aiuti alle persone. Inoltre per conoscere tutte le agevolazioni a favore dei datori di lavoro è possibile visitare la nostra pagina dedicata agli aiuti alle imprese. Consigliamo inoltre di iscriversi gratis alla nostra newsletter, per ricevere tutti gli aggiornamenti, e al nostro canale Telegram, per avere le notizie in anteprima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.



Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti