Decreto MIUR aggiornamento GPS 2022: domande da maggio, cosa prevede la bozza

scuola, aula, classe

Il Ministero dell’Istruzione ha presentato ai sindacati la bozza del decreto MIUR per l’aggiornamento delle GPS 2022. Le domande potrebbero aprirsi a inizio maggio.

Le organizzazioni sindacali chiedono diverse modifiche del provvedimento, soprattutto per le tempistiche della procedura concorsuale e il conferimento delle supplenze attraverso la procedura informatizzata. E’ confermato, invece, l’inserimento degli specializzandi TFA in graduatoria.

Il Consiglio di Stato ha esaminato lo schema di ordinanza ministeriale per il rinnovo delle GPS. Vediamo nel dettaglio cosa prevede la bozza del decreto MIUR per l’aggiornamento delle graduatorie provinciali per le supplenze e le richieste dei sindacati.

BOZZA DECRETO MIUR AGGIORNAMENTO GPS

Il MIUR ha incontrato, infatti, lo scorso 5 aprile, le organizzazioni sindacali di settore per l’informativa sulla bozza di ordinanza per l’aggiornamento delle graduatorie provinciali per le supplenze (GPS). Si tratta delle graduatorie per il conferimento degli incarichi di supplenza a lungo termine ai docenti, introdotte dall’ordinanza ministeriale n. 60 del 10 luglio 2020 per il biennio scolastico 2020/2022 e che saranno rinnovate per il biennio 2022/2024 grazie al decreto sostegni ter, che ne ha previsto l’aggiornamento nel 2022.

Il Ministero ha dunque presentato ai sindacati lo schema del regolamento in base al quale saranno aggiornate le GPS che sostituiranno quelle attualmente in vigore (GPS 2020/2021 e 2021/2022). Il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione (CSPI) ha pubblicato il parere del 22 aprile 2022 sull’ordinanza ministeriale in arrivo, che contiene la bozza del bando per l’aggiornamento delle GPS. Anche le nuove graduatorie avranno durata biennale, dunque il nuovo aggiornamento è finalizzato alla costituzione delle GPS 2022/2023 e 2023/2024.

Per quanto riguarda il bando per l’aggiornamento delle GPS potrebbe uscire già nei prossimi giorni, dato che l’intenzione del MIUR sarebbe di aprire le domande da maggio. E’ slittata, dunque, la tempistica ipotizzata inizialmente per presentare le istanze (dal 19 aprile al 9 maggio 2022). Resta inoltre da scoprire se il Ministero deciderà di accogliere la richiesta dei sindacati di concedere 30 giorni di tempo, e non 20, per l’inoltro della domanda. Del resto, anche il CSPI ha chiesto al Ministero di estendere il periodo di tempo previsto per la presentazione delle domande. C’è da considerare, inoltre, che anche il Consiglio di Stato ha riscontrato diverse criticità nell’analisi del testo proposto dal Ministero dell’Istruzione e, pertanto, ha sospeso il proprio parere in attesa che il MIUR fornisca i chiarimenti richiesti ed effettui le modifiche proposte.

Ma andiamo con ordine e vediamo, prima di tutto, cosa prevede la bozza del decreto MIUR per l’aggiornamento delle GPS.

IL NUOVO REGOLAMENTO

Ecco le principali novità previste dall’ordinanza per aggiornare le GPS:

  • ci sono 20 giorni di tempo per presentare le domande;

  • le graduatorie hanno valenza biennale, dunque sono valide per l’a.s. 2022/23 e per l’a.s. 2023/24;

  • sono previste prima e seconda fascia per tutti gli ordini e i gradi di scuola, compresa primaria e infanzia;

  • nella seconda fascia per la scuola primaria e dell’infanzia possono iscriversi gli studenti iscritti al terzo, quarto o quinto anno del corso di laurea in Scienze della Formazione primaria, purchè abbiano conseguito, rispettivamente, almeno 150, 200 e 250 CFU entro la scadenza per presentare le domande;

  • possono iscriversi alla seconda fascia delle GPS per il sostegno i docenti privi del titolo di specializzazione che hanno maturato 3 annualità di insegnamento su posto di sostegno nel relativo grado entro l’a.s. 2021/22;

  • gli specializzandi del VI ciclo TFA sostegno possono iscriversi nelle GPS con riserva e scioglierla se conseguono il titolo entro il 20 luglio 2022;

  • le nomine sono informatizzate e l’attribuzione delle supplenze è utilizzata la stessa procedura già impiegata lo scorso anno;

  • non è previsto il completamento mediante il frazionamento di cattedre intere ma solo tramite l’accorpamento di spezzoni;

  • è possibile dichiarare i contratti in essere, sia quelli al 30 giugno che quelli con altra scadenza, nella domanda di inserimento/aggiornamento nelle GPS, con possibilità poi di confermare o meno quanto dichiarato attraverso un’apposita domanda le cui tempistiche e modalità saranno indicate in seguito dal MIUR;

  • sono irrigidite le sanzioni per la mancata presa di servizio e l’abbandono. Chi non prende servizio dopo la nomina su una sede indicata come preferenza non può accedere a supplenze fino al termine delle attività (30 giugno) o dell’anno scolastico (30 agosto) per tutto l’anno scolastico. Invece, chi abbandona il servizio perde la possibilità di accedere a incarichi fino al 30 giugno o al 31 agosto per l’intero biennio di validità delle GPS.

Per avere certezza delle nuove disposizioni bisogna comunque attendere la pubblicazione dell’ordinanza MIUR definitiva per l’aggiornamento delle GPS 2022/2024.

LE RICHIESTE DEI SINDACATI

La bozza del decreto per l’aggiornamento delle GPS ha destato diverse perplessità nei sindacati, che hanno presentato delle richieste di modifica al Ministero. Tra queste:

  • l’estensione a 30 giorni, invece di 20, del tempo utile per presentare le istanze;

  • la pubblicazione di tutti i posti disponibili prima dell’avvio delle scelte delle sedi;

  • la possibilità di completamento anche mediante frazionamento di posto intero per chi ottiene lo spezzone;

  • minori sanzioni per chi rinuncia alla nomina per giustificato motivo.

COME RESTARE AGGIORNATI

Per tutte le informazioni sull’aggiornamento delle GPD 2022 potete leggere questo approfondimento. Inoltre, visitando la nostra sezione dedicata alle assunzioni nella scuola e la nostra pagina riservata ai docenti potete trovare tutte le informazioni su concorsi, assunzioni, graduatorie, contratto e normative.

Continuate a seguirci per restare informati, iscrivendovi gratuitamente alla nostra newsletter e al nostro canale Telegram per ricevere tutti gli aggiornamenti e avere le notizie in anteprima. E’ disponibile anche il gruppo Telegram dedicato esclusivamente ai docenti e aspiranti docenti, utile per confrontarsi e chiedere consigli.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti