Decreto Sud 2023: spiegazione di cosa prevede in 11 punti

Cosa prevede il Decreto Sud in materia di politiche di coesione e per il rilancio dell’economia nelle aree del Mezzogiorno del Paese. Ecco i dettagli

governo, decreto, legge, palazzo chigi
Photo credit: MC Mediastudio / Shutterstock

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Sud, contenente misure finalizzate alla crescita e al consolidamento economico del Mezzogiorno. Dopo l’ok della Camera, ora il Decreto approda al Senato.

Il testo ha previsto l’istituzione, dal 1° gennaio 2024, della Zona Economica Speciale per il Mezzogiorno, cd. “ZES unica”, con l’obiettivo di rendere le aree del Sud Italia più idonee per lo sviluppo e per la crescita dimensionale del sistema produttivo, e nuove assunzioni nel settore pubblico.

In questa guida vi spieghiamo, in modo chiaro e preciso, cosa prevede il Decreto Sud per il rilancio del Mezzogiorno.

COSA PREVEDE IL DECRETO SUD

Il Decreto Sud è stato convertito in legge e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.268 del 16-11-2023 ed è entrato in vigore il 16 novembre 2023.

Nel corso della conversione il legge nel testo, vi sono state alcune piccole modifiche, ma soprattutto, è intervenuta la Legge di Bilancio 2024 che ha potenziato le misure per il Mezzogiorno, garantendo di fatto dal prossimo 1° gennaio, quanto annunciato nel Decreto.

Il Decreto rende il Sud Italia una Zona Economica Speciale (ZES) “unica” (ovvero: dal prossimo dal 1° gennaio 2024, tutto il Sud sarà una ZES unica). Inoltre, introduce anche altre novità per il Mezzogiorno del Paese. In questo articolo vi spieghiamo, per punti, cosa prevede il Decreto ZES al Sud convertito in Legge.

Vediamo nel dettaglio e per punti cosa prevede il Decreto Sud convertito in Legge.

1) 2.200 ASSUNZIONI NEI COMUNI E NELLE REGIONI AL SUD

A decorrere dal 1° gennaio 2024, al fine di promuovere il rafforzamento della capacità amministrativa delle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, delle province, delle unioni dei comuni e dei comuni, appartenenti alle predette regioni, nonché per rafforzare le funzioni di coordinamento nazionale del Dipartimento per le politiche di coesione della Presidenza del Consiglio dei ministri, le predette amministrazioni sono autorizzate ad assumere, con contratto di lavoro a tempo indeterminato personale non dirigenziale, da inquadrare nel livello iniziale dell’area dei funzionari prevista dal contratto collettivo nazionale di lavoro 2019-2021 – Comparto Funzioni locali, nel limite massimo complessivo di 2.200 unità, di cui 71 unità riservate al predetto Dipartimento.

Il reclutamento è effettuato nei limiti delle capacità assunzionali preventivabili alla data del 1° gennaio 2030, sulla base della dotazione organica delle amministrazioni richiedenti alla data di entrata in vigore del presente decreto. Per approfondire vi rimandiamo al nostro approfondimento sulle assunzioni previste dal decreto sud e i posti di lavoro in arrivo.

2) IL SUD ITALIA DIVENTA UNA ZES UNICA

Il Decreto Sud prevede l’istituzione, a decorrere dal 1° gennaio 2024, della nuova Zona Economica Speciale per il Mezzogiorno, “ZES unica”, comprendente i territori delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia, Sardegna.

Ma cos’è la ZES unica? Per “Zona Economica Speciale” si intende una zona delimitata del territorio dello Stato nella quale l’esercizio di attività economiche e imprenditoriali da parte delle aziende già operative e di quelle che si insedieranno può beneficiare di speciali condizioni in relazione agli investimenti e alle attività di sviluppo d’impresa.

La nuova ZES unica sostituirà le attuali otto Zone Economiche Speciali istituite nei territori del Mezzogiorno (ossia quelle di Abruzzo, Calabria, Campania, Ionica Interregionale Puglia-Basilicata, Adriatica Interregionale Puglia-Molise, Sicilia Orientale, Sicilia Occidentale e Sardegna).

3) IL PIANO STRATEGICO DELLA ZES UNICA

Il Piano strategico della ZES unica istituita dal Decreto Sud ha durata triennale e definisce, anche in coerenza con il Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR), la politica di sviluppo della nuova area, individuando, anche in modo differenziato per le Regioni che ne fanno parte, i settori da promuovere e quelli da rafforzare, gli investimenti e gli interventi prioritari per lo sviluppo della ZES e le modalità di attuazione.

4) NUOVE MODALITÀ DI GESTIONE DELLA ZES SUD

Il Decreto Sud convertito in Legge stabilisce che la ZES unica sarà gestita da una Cabina di regia costituita ad hoc e una piattaforma digitale. La norma introduce cioè, un nuovo sistema di governance della ZES unica che:

  • conferma la previsione di una Cabina di regia istituita presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri alla quale sono attribuite di funzioni di indirizzo, coordinamento, vigilanza e monitoraggio della ZES unica;

  • prevede l’istituzione di una nuova Struttura di missione presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri;

  • ridefinisce gli adempimenti procedurali.

5) NASCE LA STRUTTURA DI MISSIONE DELLA ZES

Si istituisce, presso la Presidenza del Consiglio e alle dirette dipendenze del Ministro per gli affari europei, il Sud, le politiche di coesione e il PNRR della “Struttura di missione per la ZES”, con una durata di 3 anni. La Struttura dovrà fornire supporto all’Autorità politica delegata in materia di ZES per l’esercizio delle funzioni di:

  • indirizzo e coordinamento dell’azione strategica del Governo e di predisposizione;

  • aggiornamento del Piano strategico ZES e delle attività necessarie a prevenire tentativi di infiltrazione da parte della criminalità organizzata.

6) AGEVOLAZIONI PER LA ZES UNICA

All’interno dell’area ZES unica, il Decreto Sud prevede che le aziende già operative e quelle che si insedieranno potranno beneficiare di diverse tipologie di vantaggi (speciali condizioni). Tra queste vi sono:

  • un’autorizzazione unica per l’avvio delle attività produttive;

  • il riconoscimento, fino al 2026, di un credito d’imposta nella misura massima consentita dalla Carta degli aiuti a finalità regionale 2022-2027 per l’acquisizione di beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive;

  • la gestione digitale delle attività, semplificata, mediante una piattaforma ad hoc.

7) NOVITÀ SU PROGRAMMAZIONE FONDO SVILUPPO E COESIONE (FSC)

Il Decreto Sud conferma che il complesso delle risorse del Fondo Sviluppo e Coesione (FSC), per il periodo di programmazione 2021-2027, è destinato a sostenere esclusivamente interventi per lo sviluppo, così ripartiti:

  • 80% nelle aree del Mezzogiorno;

  • 20% nelle aree del Centro-Nord.

La ripartizione delle risorse FSC avviene in questo modo:

  • ad opera del Comitato interministeriale per la programmazione economica e lo sviluppo sostenibile (CIPESS);

  • su proposta del Ministro per gli affari europei e sentita la Cabina di regia FSC;

  • in favore solo di Amministrazioni centrali e Regioni e Province autonome (e non anche di città metropolitane e altri enti pubblici, come invece previsto dalla disciplina vigente).

8) OK ALL’USO DI FONDI RESIDUI

Il Decreto per il Mezzogiorno introduce la possibilità che gli interventi previsti dagli Accordi per la coesione siano finanziati con:

  • le risorse destinate ad interventi complementari dei Programmi 2014-2020 che risultano ancora non impegnate, con i fondi strutturali afferenti ai Programmi europei di competenza di ciascuna Amministrazione centrale o di ciascuna Regione;

  • le risorse derivanti dai rimborsi europei e dal corrispondente cofinanziamento nazionale.

9) VIA ALLA CABINA DI REGIA SVILUPPO AREE INTERNE

Il Decreto Sud istituisce presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri una Cabina di regia per lo sviluppo delle aree interne. Si tratta di un organo collegiale presieduto dal Ministro per gli affari europei, il Sud, le politiche di coesione e il PNRR, e composto da vari Ministeri, Enti locali, Regioni e Unioni di Comuni.

Scopo della cabina di regia è assicurare l’efficacia e la sostenibilità nel tempo della strategia nazionale per lo sviluppo delle aree interne del Paese. Ciò in coerenza con l’Accordo di partenariato per l’utilizzo dei fondi a finalità strutturale assegnati all’Italia per il ciclo di programmazione 2021-2027.

10) VIA AI CONTRATTI ISTITUZIONALI DI SVILUPPO

Il Parlamento ha previsto anche la stipulazione di “Contratti istituzionali di sviluppo” che si affiancano ai classici “Contratti di sviluppo“. Servono esclusivamente per la realizzazione di interventi di valore complessivo non inferiore a 200 milioni di euro e di valore unitario non inferiore alle soglie, di cui all’articolo 14 del Decreto Legislativo 31 marzo 2023, n. 36.

11) FONDI AI COMUNI PER AIUTARE FAMIGLIE, ATTIVITÀ E IMPRESE

Il Decreto Sud prevede lo stanziamento di diverse risorse agli Enti locali per sostenere le popolazioni e le attività economiche, artigianali e commerciali. Decreti ad hoc definiranno le cifre. Ciò che è certo è che le risorse assegnate ai Comuni devono essere utilizzate, mediante l’individuazione dei beneficiari, entro il 31 dicembre 2025.

IL TESTO DEL DECRETO SUD

Mettiamo a vostra disposizione il testo coordinato (Pdf 241 Kb) del Decreto Legge 19 settembre 2023, n. 124 divenuto Legge 13 novembre 2023, n. 162, ossia il Decreto Sud. Il Decreto divenuto Legge pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.268 del 16-11-2023 ed entrato in vigore il 16 novembre 2023. Vi invitiamo a leggere anche la nota stampa del Governo sulle misure adottate dal Consiglio dei Ministri del 7 settembre 2023.

LE NOVITÀ DEL DECRETO SUD NELLA LEGGE DI BILANCIO 2024

Come vi spieghiamo in questa guida, nella Legge di Bilancio è rientrato anche il finanziamento per il credito d’imposta nella Zona economica speciale del Sud. Si tratta 1,8 miliardi per investimenti effettuati dal 1° gennaio al 15 novembre 2024. Questa norma modifica quella che vi abbiamo spiegato in questo articolo sul Decreto Sud.

IL VIDEO DELLA CONFERENZA

Mettiamo a vostra disposizione il video della conferenza stampa post Consiglio dei Ministri del 7 settembre 2023 in cui il Governo spiega le misure:

YouTube video player

ALTRI APPROFONDIMENTI E AGGIORNAMENTI

Vi consigliamo di approfondire il tema “aiuti per il Mezzogiorno” leggendo il focus sul bonus Sud imprese. Inoltre, vi invitiamo a leggere i nostri approfondimenti su:

Per approfondire, mettiamo anche le nostre guide su bonus sud imprese e su bonus investimenti sud. Vi invitiamo anche a visitare la nostra sezione sulle novità legislative.

Continuate a seguirci per restare aggiornati su tutte le novità, iscrivendovi gratuitamente alla nostra newsletter e al nostro canale Telegram. È anche possibile restare aggiornati anche seguendo il nostro canale di Whatsapp.

di Federica P.
Consulente del lavoro ed esperta di previdenza.
© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.

Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita e al nostro Canale Telegram. Seguici su Google News cliccando su "segui".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *