Incentivi per assunzioni di giovani Agricoltori

finanziamento denaro

Aperto un bando Inps per la concessione di finanziamenti fino a 5mila Euro per assunzioni di lavoratori agricoli. Gli incentivi per le aziende per assumere agricoltori sono rivolti a giovani tra i 18 e i 35 anni.

IL BANDO

E’ stata pubblicata, infatti, la Circolare Inps n. 137 del 5 novembre 2014 che, in attuazione dell’Art. 5 D.L. 91/2014, convertito con modificazioni dalla L. 11 agosto 2014, n. 116, prevede l’erogazione di nuovi incentivi per assunzioni di giovani agricoltori. Il provvedimento mette a bando finanziamenti rivolti a datori di lavoro agricolo, di cui all’art.2135 del c.c., che, a partire dal mese di luglio 2014 ed entro il 30 giugno 2015, hanno assunto o assumono lavoratori agricoli di età compresa tra i 18 e i 35 anni.

DESTINATARI

Gli incentivi per assunzioni di giovani agricoltori messi a bando dall’Istituto Nazionale Previdenza Sociale potranno essere richiesti per finanziare l’assunzione di lavoratori in possesso dei seguenti requisiti:
età compresa tra i 18 anni compiuti e i 35 anni non compiuti;
– essere privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi;
– essere privi di diploma di istruzione secondaria di secondo grado.

BENEFICIARI

Possono richiedere i finanziamenti per assunzioni in agricoltura i datori di lavoro in possesso delle seguenti caratteristiche:
possesso della regolarità prevista dall’art.1, commi 1175 e 1176, della legge 296/2006 inerente l’adempimento degli obblighi contributivi, l’osservanza delle norme poste a tutela delle condizioni di lavoro, il rispetto degli accordi e contratti collettivi nazionali nonché di quelli regionali, territoriali o aziendali, laddove sottoscritti, stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale;
– essere in regola con l’applicazione dei principi stabiliti dall’art.4, commi 12,13 e 15, della legge 92/2012.
E’ richiesto, inoltre, che le assunzioni effettuale comportino un incremento occupazionale netto calcolato sulla base della differenza tra il numero di giornate lavorate nei singoli anni successivi all’assunzione e il numero di giornate lavorate nell’anno precedente all’assunzione.

FINANZIAMENTI DISPONIBILI

I contratti di lavoro per giovani in agricoltura dovranno essere stipulati tra il 1° luglio 2014 e il 30 giugno 2015, e potranno riguardare inserimenti sia a tempo indeterminato che a tempo determinato, anche con orario lavorativo part time. Le sovvenzioni potranno essere concesse anche in caso di proroga e trasformazione a tempo indeterminato di un rapporto di lavoro instaurato prima dello scorso luglio, mentre le assunzioni a termine dovranno avere una durata di almeno 3 anni, garantendo al lavoratore un periodo di occupazione minimo di 102 giornate annue, e dovranno essere redatte in forma scritta.

Gli incentivi Inps avranno un importo pari a 1/3 della retribuzione lorda imponibile ai fini previdenziali, e non potranno superare i 3.000 Euro per i contratti a tempo determinato e i 5.000 Euro per quelli a tempo indeterminato. I contributi economici avranno una durata di 18 mesi e saranno riconosciuti al datore di lavoro unicamente mediante compensazione con i contributi dovuti.

DOMANDA

Le domande per accedere alle sovvenzioni economiche, redatte secondo l’apposito schema allegato al bando Inps e secondo le modalità indicate nello stesso, potranno essere presentate, fino ad esaurimento dei fondi disponibili, online tramite il modello di comunicazione “GIOV/AGR (D.L. 91/2014)”, raggiungibile dalla pagina del “Cassetto previdenziale aziende agricole” _ sezione “Comunicazioni bidirezionale – Invio Comunicazione”, disponibile sul portale web dell’Istituto Nazionale Previdenza Sociale.

BANDO

Per maggiori informazioni, vi invitiamo a scaricare e leggere attentamente il BANDO (Pdf 120Kb) relativo agli incentivi per assunzioni di giovani agricoltori dell’Inps.




© RIPRODUZIONE RISERVATA.

Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments