Mise finanziamenti: 400 Milioni di Euro per imprese

finanziamenti denaro soldi

Il Ministero dello Sviluppo Economico mette a disposizione nuovi finanziamenti per le imprese nei settori ICT e industria sostenibile.

Sono stati stanziati ben 400 Milioni di Euro per imprese, per sovvenzionare progetti che favoriscano lo sviluppo economico e produttivo del Paese utilizzando la tecnologia digitale, e un’economia più sostenibile, in linea con il Programma “Orizzonte 2020”. Ecco tutte le informazioni per usufruire dei finanziamenti Mise.

MISE FINANZIAMENTI 2015

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha pubblicato, infatti, il Decreto direttoriale 30 aprile 2015, che apre i termini e definisce i modelli per partecipare ai bandi “ICT-Agenda digitale” e “Industria sostenibile”, per finanziamenti alle imprese. Le agevolazioni Mise intendono sostenere, con uno stanziamento da 400 milioni di Euro del Fondo per la crescita sostenibile, le aziende che investono in progetti di Ricerca e Sviluppo nei settori delle Information and Communication Technology, ovvero le tecnologie dell’informazione e della comunicazione elettronica, e dell’economia sostenibile, ossia più green e efficiente sotto il profilo delle risorse.

Le idee progettuali dovranno determinare un impatto significativo sulla competitività del sistema produttivo italiano, sviluppando specifiche Tecnologie Abilitanti nell’ambito di quelle definite dal Programma quadro comunitario “Orizzonte 2020”, che dovranno avere ricadute concrete sui settori di riferimento. I limiti di spesa ammissibili per le proposte presentate devono essere comprese tra i 5 e i 40 milioni di Euro.

DESTINATARI

Possono beneficiare delle sovvenzioni economiche i seguenti soggetti:
– imprese che esercitano le attività di cui all’articolo 2195 del codice civile, numeri 1) e 3), comprese le aziende artigiane di cui alla legge 8 agosto 1985, n. 443;
– imprese agro-industriali che svolgono prevalentemente attività industriale;
– imprese che esercitano le attività ausiliarie di cui al numero 5) dell’articolo 2195 del codice civile, in favore delle imprese di cui alle lettere a) e b);
– i centri di ricerca con personalità giuridica;
– i soggetti di cui alle lettere a), b), c) e d) definiti imprese start-up innovative ai sensi dell’articolo 25, comma 2, del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221.

CONTRIBUTI ECONOMICI

I finanziamenti Mise saranno erogati in massimo 5 soluzioni, più una a saldo, su singole richieste dei beneficiari ed in relazione allo stato di avanzamento del progetto. L’erogazione delle agevolazioni è subordinata alla verifica della regolarità contributiva, tramite l’acquisizione d’ufficio del documento unico di regolarità contributiva DURC.

RIMBORSO

I finanziamenti agevolati per le imprese dovranno essere rimborsati secondo un piano di ammortamento a rate semestrali costanti posticipate, con scadenza al 30 giugno e al 31 dicembre di ogni anno.

COME PARTECIPARE

Le imprese interessate a beneficiare delle agevolazioni Mise devono presentare una istanza preliminare, secondo le indicazioni contenute nei bandi, attraverso l’apposita procedura online, a partire dal 25 giugno 2015, per il bando Agenda digitale, e dal 30 giugno 2015, per il bando Industria sostenibile. Le domande potranno essere presentate dal lunedì al venerdì, dalle 10.00 alle 19.00.

Dalle ore 10.00 del 22 giugno saranno rese disponibili, sul portale web dedicato alla procedura telematica (fondocrescitasostenibile.mcc.it), le procedure di compilazione guidata della domanda per entrambi i bandi Mise.

SELEZIONE DEI PROGETTI

Un apposito Comitato provvederà alla valutazione delle istanze preliminari per individuare quelle maggiormente in linea con i bandi Agenda Digitale e Industria sostenibile. La selezione dei progetti di ricerca e sviluppo proposti sarà effettuata sulla base dei seguenti criteri:
– rilevanza delle tecnologie abilitanti fondamentali nell’ambito del progetto;
– adeguatezza e impatto rispetto alle tematiche e ai settori applicativi di riferimento;
– grado di miglioramento competitivo sui mercati internazionali;
– prossimità del progetto all’industrializzazione e alla commercializzazione dei risultati.

DOMANDA DI ACCESSO

Le imprese i cui progetti otterranno valutazione positiva in seguito all’esame delle istanze preliminari, potranno presentare le domande di agevolazione, redatte secondo gli appositi schemi allegati ai bandi per finanziamenti e complete della documentazione richiesta dallo stesso, sempre per via telematica, a partire dal giorno lavorativo successivo alla pubblicazione dell’esito ed entro i 3 mesi successivi, dal lunedì al venerdì, in orario 10.00 – 19.00.

BANDI

Per maggiori informazioni, vi invitiamo a scaricare e leggere attentamente il DECRETO (Pdf 108Kb) relativo al piano Mise finanziamenti per le imprese, e a visitare questa pagina.

Per tutti i dettagli mettiamo a vostra disposizione anche i seguenti documenti:
BANDO AGENDA DIGITALE (Pdf 121Kb);
BANDO INDUSTRIA SOSTENIBILE (Pdf 123Kb).

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments