Musei di Prato: lavoro per laureati in lettere e beni culturali


** Questo articolo fa parte del nostro archivio, i contenuti potrebbero non essere aggiornati. **

La società cooperativa Chora, che opera nell’ambito dei servizi culturali, del restauro e degli scavi archeologici in Toscana, sta selezionando operatori museali e didattici che lavoreranno presso i musei di Prato e provincia e presso le scuole del territorio.

Questa interessante opportunità di lavoro è rivolta a laureati in lettere o in beni culturali che siano domiciliati, fin dal momento della candidatura, nell’area metropolitana tra Firenze, Prato e Pistoia. Gli interessati potranno inviare la propria candidatura fino al 23 settembre 2011. Ecco i dettagli delle mansioni:

OPERATORI MUSEALI
Chora cerca peratori museali per mansioni di guardiania in sala non armata, biglietteria, prima accoglienza al visitatore per sede museale a Prato. Si valutano i curricula di laureati e laureandi in Beni Culturali e Lettere, indirizzo storico – artistico ed archeologico. E’ necessaria l’ottima conoscenza della lingua Inglese e la disponibilità a lavorare su turni e a chiamata, anche nella fascia serale e nei fine settimana.

OPERATORI DIDATTICI
Si selezionano operatori per lo svolgimento di attività laboratoriali e visite didattiche di ambito storico-archeologico. A tal fine verranno valutati esclusivamente curricula di laureati e laureandi in archeologia (Beni Culturali o Lettere), automuniti, disposti allo spostamento giornaliero nelle scuole di ogni ordine e grado della Provincia di Prato e territori limitrofi, con buona predisposizione al lavoro con i bambini. La collaborazione è richiesta per l’anno scolastico 2011/2012.

Per avere maggiori informazioni sulla società cooperativa Chora vi invitiamo a visitare il suo sito web.

COME CANDIDARSI
I laureati interessati alla selezione per Operatori museali possono inviare il proprio curriculum vitae tramite e-mail al dottor Alessio Lenzi. Mentre le candidature per Operatori didattici devono essere inviate sempre via e-mail alla dottoressa Valentina Martelli.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments