Rana: 400 posti di lavoro con rilancio stabilimento Buitoni

lavoro, pastificio

Interessanti opportunità  di lavoro in arrivo in Piemonte.

Il Pastificio Rana ha previsto l’assunzione di 400 nuovi dipendenti presso lo stabilimento Buitoni di Moretta (Cuneo), recentemente acquisito dalla nota azienda veronese. Gli inserimenti saranno effettuati nell’ambito di un progetto di rilancio del sito produttivo.

Ecco cosa sapere sul piano di sviluppo e sui nuovi posti di lavoro Rana.

RANA ASSUNZIONI NELLO STABILIMENTO BUITONI

E’ il quotidiano La Stampa a dare la notizia, in un recente articolo dedicato all’operazione di rilancio dello stabilimento Buitoni di Moretta, in Piemonte. Secondo quanto riportato, al termine dell’acquisizione del centro produttivo cuneese, il Gruppo Rana ha iniziato lavori per ampliare lo stabilimento e dotarlo di nuovi macchinari.

Il programma di sviluppo dovrebbe essere portato a termine entro fine anno e consentirà di produrre nel sito sia i prodotti a marchio Buitoni che quelli Rana. Inoltre, avrà una importante ricaduta in termini di occupazione e creerà centinaia di nuovi posti di lavoro Rana.

Il Gruppo prevede, infatti, di ampliare l’organico, con l’assunzione di circa 400 nuovi lavoratori, che si aggiungeranno ai 200 dipendenti già operativi a Marotta. I nuovi collaboratori saranno inseriti in azienda a partire da fine anno. Le assunzioni previste verranno completate nel corso di qualche anno.

IL PROGETTO DI SVILUPPO

Il piano di sviluppo Rana in Piemonte è legato alla necessità del Gruppo di aumentare la produzione. Avendo incontrato difficoltà burocratiche per ampliare lo stabilimento di Verona, sede principale dell’azienda, quest’ultima ha optato per l’acqusizione dalla Nestlè della fabbrica piemontese Buitoni. Il rilancio della sede acquisita la renderà il maggior centro produttivo Rana, superando anche quello di Verona, facendone triplicare nei prossimi anni i dipendenti.

Del resto l’azienda sta vivendo un momento di forte crescita e ha  in programma anche la creazione di un centro di ricerca nello stabilimento veronese e l’avvio di un progetto innovativo per escludere la plastica. Gli investimenti del Gruppo non sono tuttavia limitati all’Italia. Negli USA Rana ha intenzione di aprire un secondo centro produttivo, accanto a quello già esistente di Chicago.

FIGURE RICERCATE

Stando alle previsioni del Gruppo, il numero dei dipendenti del centro produttivo di Moretta raddoppierà nel giro di qualche anno, fino a triplicare al termine della fase di sviluppo, arrivando ad un totale di 400 nuovi assunti. Con ogni probabilità le nuove assunzioni Rana saranno rivolte ad addetti alla produzione e altri profili.

L’AZIENDA

Il Pastifico Rana nasce in un paese della provincia di Verona nei primi anni ’60. Giovanni, il fondatore, inizia producendo con le sue mani tortellini e pasta fresca fatta in casa. All’inizio degli anni ’70 la produzione diventa industriale, grazie all’introduzione di macchinari progettati e costruiti da Giovanni Rana insieme al suo gruppo di collaboratori. Con l’aumento della produzione e la costruzione di un grande stabilimento a Verona, i prodotti Rana cominciano ad essere esportati in tutta Italia.


Con il contributo del figlio del fondatore, Gian Luca Rana, attuale Amministratore Delegato dell’azienda, i prodotti dell’azienda veneta arrivano in tutta Europa e conquistano anche il mercato americano. Il Gruppo Rana oggi è leader mondiale nel mercato della pasta fresca e comprende anche la catena di ristoranti Giovanni Rana, presente sia in Italia e all’estero.

CANDIDATURE

Il Gruppo raccoglie le candidature attraverso la pagina dedicata alle opportunità di impiego (Lavora con noi) del portale web aziendale. Gli interessati alle future assunzioni Rana e alle opportunità di lavoro nello stabilimento Buitoni di Moretta possono candidarsi online attraverso la stessa, inviando il cv tramite l’apposito form.




© RIPRODUZIONE RISERVATA.

Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *