Veneto Banca: piano straordinario per lo sviluppo e l’occupazione

Vi abbiamo parlarto qualche giorno fa di Veneto Banca e delle 345 assunzioni in programma (per saperne di più leggete il nostro articolo) funzionali alle aperture di nuovi sportelli bancari. I lavoratori saranno assunti con un contratto di apprendistato, con possibilità di essere confermati a tempo indeterminato. Inoltre, nel 2011 saranno stabilizzati 111 dipendenti precari del Gruppo.

PIANO STRAORDINARIO PER LO SVILUPPO E L’OCCUPAZIONE
I sindacati, con FABI in prima linea, hanno sostenuto con forza la necessità di affrontare la precarietà dell’occupazione già presente in azienda e di svilupparne di altra aggiuntiva, secondo le previsioni del Piano Industriale 2011- 2013. Questo obiettivo è stato condiviso da Veneto Banca. L’accordo raggiunto ha portato alla sottoscrizione dell’intesa per un piano straordinario per lo sviluppo e l’occupazione che prevede interventi sia per stabilizzare posizioni di lavoro precario (con trasformazione in contratti a tempo indeterminato) sia per le nuove assunzioni entro il 2013.

Ecco un riassunto dei principali punti dell’accordo:

Stabilizzazione dei posti di lavoro:
La banca si impegna a confermare alla scadenza, tutti i contratti di apprendistato e di inserimento della durata di 18 mesi, già presenti in Veneto Banca Holding scpa e Veneto Banca spa, che non abbiano riportato un giudizio negativo. Alla conferma a tempo indeterminato verrà applicata l’integrale normativa nazionale di primo e secondo livello.

Nuova occupazione:
Per le nuove assunzioni fino al 2013, per i primi 4 anni – in via sperimentale – sarà applicato oltre al contratto nazionale:
– iscrizione al fondo di previdenza complementare;
– possibilità per i neo assunti di aderire alla cassa assistenza sanitaria con un pacchetto dedicato e con costo a carico del lavoratore solo del 10%;
– condizioni bancarie agevolate come per il restante persona le;
– permessi per motivi di studio come per il restante personale;
– copertura infortunistica professionale ed extra-professionale come per il restante personale;
– al personale disabile verrà garantita da subito la copertura sanitaria prevista dal CIA.
Dopo il quarto anno, saranno applicate integralmente le previsioni del Contratto Integrativo Aziendale con il riconoscimento dell’anzianità maturata anche per i trasferimenti.

La Banca si è impegnata, per la copertura del futuro fabbisogno di organico a far ricorso in via prioritaria al bacino di lavoratori che abbiano già positivamente collaborato con significativa esperienza attraverso qualsiasi tipologia di contratto non a tempo indeterminato (stagisti, contratti a progetto, tempi determinati ecc.).

Le ricerche di nuovo personale saranno attivate per le aree del centro e del sud Italia, in particolare in Emilia Romagna, Marche e Puglia, e per le regioni del nord est e del nord ovest, considerato che, proprio in questi territori, sono previste le aperture di nuove filiali.

L’unico modo per candidarsi è visitare la pagina web Lavora con noi di Veneto Banca e caricare il proprio curriculum vitae compilando l’apposito modulo online. Eventuali dati o curricula pervenuti con altri mezzi (posta, e-mail, ecc.) e non inseriti nel database non saranno presi in considerazione da Veneto Banca.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments