ANCI Lombardia: concorso per 2 incarichi, lavoro a Bruxelles

mondo estero

L’Associazione Nazionale Comuni Italiani della Lombardia ha pubblicato un avviso pubblico finalizzato all’assunzione di 2 Esperti/e in relazioni istituzionali europee, da impiegare presso la “Casa della Lombardia” a Bruxelles.

Il conferimento dell’incarico si intende per lavoro autonomo, nell’ambito dello svolgimento delle attività relative al progetto “Lombardia Europa 2020”.

Il bando di concorso scade in data 20 marzo 2019.

CONCORSO ANCI LOMBARDIA

L’ANCI Lombardia ha indetto un concorso pubblico per la selezione di 2 risorse da assumere con incarico di lavoro autonomo, fascia di compenso 150, nel ruolo di Esperti/e in relazioni istituzionali europee.

Le due unità saranno inserite presso gli uffici della “Casa della Lombardia” a Bruxelles, per lo svolgimento delle attività nell’ambito del progetto “Lombardia Europa 2020 – progettazione, modellizzazione e start up di Servizi Europa d’Area Vasta (SEAV) nei contesti lombardi: essere competitivi in Europa”.

REQUISITI

La partecipazione al concorso per lavorare come esperto a Bruxelles per l’ANCI Lombardia è subordinata al possesso dei seguenti requisiti:
– cittadinanza italiana o di una degli Stati membri dell’Unione Europea o quella di altro Stato extraeuropeo in conformità alle vigenti disposizioni in materia;
– godimento dei diritti civili e politici;
– non aver riportato condanne penali e non essere destinatario di provvedimenti che riguardano l’applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale;
– non essere sottoposti a procedimenti penali;
– possesso del requisito della particolare e comprovata esperienza, strettamente correlata alle competenze richieste;
– conoscenza dei principali strumenti informatici (elaborazione testi, foglio elettronico, banche dati, internet, posta elettronica);
– conoscenza della lingua inglese almeno di livello B2;
– se dipendente pubblico: di non essere stato destituito o dispensato dall’impiego presso una pubblica amministrazione e di non essere stato dichiarato decaduto da altro impiego pubblico.

Inoltre, è necessario che in candidati siano in possesso della laurea di primo livello o laurea vecchio ordinamento in: Comunicazione Internazionale; Discipline Economiche e Sociali, Economia delle Amministrazioni Pubbliche e delle Istituzionali Internazionali; Economia e Gestione dei Servizi; Economia Politica; Geografia; Giurisprudenza; Lingue Moderne per la Comunicazione e la Cooperazione; Lingue e Culture Europee; Lingue Straniere per la Comunicazione Internazionale; Pianificazione Territoriale, Urbanistica e Ambientale; Politica del Territorio; Relazioni Pubbliche; Scienze e Tecniche Sociali dell’Interculturalità; Scienze Internazionali e Diplomatiche; Scienze Politiche; Scienze Statistiche, Demografiche e Sociali; Sociologia; Studi Europei.

SELEZIONE

Un’apposita Commissione procederà alla valutazione dei candidati attraverso le seguenti fasi:

  • Fase A – valutazione della domanda e del curriculum vitae sulla base dei criteri di seguito indicati:
    – titolo di studio, formazione specialistica, certificazioni linguistiche (universitaria, post universitaria, certificazioni linguistiche);
    – comprovate esperienze lavorative in relazione alle competenze specifiche richieste, maturate presso pubbliche amministrazioni o altri soggetti pubblici o privati, nonché esperienze di mobilità transnazionale (ad es. Erasmus+; Socrates/Erasmus; Erasmus Mundus; Intercultura; UCSC Exchange; Overseas; Servizio Volontario Europeo SVE,
    Servizio Civile Internazionale, Eurodissey, EU Aid Volunteers, Corpo Europeo di Solidarietà; altri programmi e iniziative strutturate a livello internazionale). L’esperienza dovrà essere attestata e sarà valutata anche in funzione della durata. Non sono prese in considerazione esperienze professionali di durata inferiore a 15 giorni.
  • Fase B – colloquio individuale conoscitivo finale, da svolgersi, per specifiche esigenze, anche per via telematica, teso a valutare le competenze richieste e l’attitudine del candidato in relazione all’oggetto dell’incarico.

ANCI LOMBARDIA

L’Associazione Nazionale Comuni Italiani della Lombardia è un organo autonomo di supporto  a oltre 1400 Comuni della Regione per problematiche inerenti all’interno degli Enti. L’ANCI Lombardia è accreditata come soggetto autorevole nel confronto politico-istituzionale per la rappresentazione della “Casa Comune” di tutti gli amministratori lombardi.

DOMANDA

Per partecipare al concorso di esperto a Bruxelles per ANCI Lombardia, è necessario compilare l’apposito modulo di domanda, allegato al bando, e presentarlo entro le ore 14:00 del 20 marzo 2019, secondo una delle modalità di seguito indicate:
– tramite una casella di posta elettronica certificata personale all’indirizzo PEC: [email protected];
– a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento o tramite consegna a mano, con indirizzo: Via Rovello n.2 – Milano.

La documentazione da allegare alla domanda di ammissione è la seguente:
– curriculum vitae, contenente anche tutti gli elementi utili alla valutazione delle “Competenze richieste” presenti nella Tabella A del bando;
– copia di un documento di identità in corso di validità.

Ogni altro dettaglio sulla compilazione e invio della domanda di partecipazione al concorso, è riportato sul bando.

BANDO

I partecipanti al concorso di ANCI Lombardia per Esperto in relazioni istituzionali europee sono invitati a leggere attentamente il BANDO (pdf 339kb) che regola la selezione.

Tutte le successive comunicazioni in merito alle procedure concorsuali e alle graduatorie finali, saranno pubblicate sul sito internet di ANCI Lombardia, nella sezione ‘Amministrazione trasparente’.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments