Concorso Ministero della Cultura 2022 per 518 funzionari, Bando

Ministero della cultura MIC
Photo credit: Bayhu19 / Shutterstock.com

È stato indetto il concorso Ministero della Cultura 2022 finalizzato al reclutamento di 518 funzionari mediante contratto di lavoro a tempo indeterminato.

I vincitori della procedura concorsuale saranno inquadrati nell’Area III, posizione economica F1 e verranno assunti presso sedi in tutta Italia.

Le domande di ammissione devono essere trasmesse entro il 9 dicembre 2022. Di seguito vi diamo tutte le informazioni sulla selezione pubblica, i requisiti richiesti, come candidarsi e rendiamo disponibile il bando da scaricare.

CONCORSO MINISTERO DELLA CULTURA 2022 PER 518 POSTI

È previsto il reclutamento mediante concorso pubblico di complessive 518 unità di personale non dirigenziale a tempo indeterminato e pieno da inquadrare nell’Area III, posizione economica F1, nei profili di seguito indicati dei ruoli del Ministero della Cultura (MIC), ad eccezione della Provincia di Bolzano.

I posti sono così distribuiti:

  • n. 268 unità: profilo professionale Funzionario Archivista di Stato (Codice 01);

  • n. 130 unità: profilo professionale Funzionario Bibliotecario (Codice 02);

  • n. 15 unità: profilo professionale Funzionario Restauratore Conservatore (Codice 03);

  • n. 32 unità: profilo professionale Funzionario Architetto (Codice 04);

  • n. 35 unità: profilo professionale Funzionario Storico dell’Arte (Codice 05);

  • n. 20 unità: profilo professionale Funzionario Archeologo (Codice 06);

  • n. 8 unità: profilo professionale Funzionario Paleontologo (Codice 07);

  • n. 10 unità: profilo professionale Funzionario Demoetnoantropologo (Codice 08).

Gli interessati al concorso del Ministero della Cultura 2022 per 518 posti sono invitati a scaricare e a leggere il BANDO (Pdf 309 KB) che è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale serie concorsi ed esami n. 88 del 08-11-2022 in questa pagina.

Si segnala che il 30% dei posti è riservato, per ciascuno dei codici di concorso sopra indicati, ai volontari delle Forze Armate. Per l’espletamento della procedura concorsuale, la Commissione interministeriale RIPAM, ferme le competenze delle commissioni esaminatrici, si avvarrà anche di Formez PA.

Di seguito spieghiamo nel dettaglio i requisiti richiesti, come avvengono le selezioni e diamo ogni altra informazione utile sulla procedura concorsuale.

REQUISITI GENERALI

Il concorso del Ministero della Cultura 2022 da 518 posti è rivolto a candidati in possesso dei requisiti generali di seguito elencati:

  • cittadinanza italiana o di altro Stato membro dell’Unione europea oppure di altre categorie riportate nel bando;
  • età non inferiore ai diciotto anni;
  • titoli di studio, riportati nel paragrafo successivo, in relazione ai singoli profili professionali;
  • idoneità fisica allo svolgimento delle funzioni cui il concorso si riferisce;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • inclusione nell’elettorato politico attivo;
  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento o non essere stati dichiarati decaduti o licenziati da un impiego statale;
  • assenza di condanne penali passate in giudicato per reati che comportano l’interdizione dai pubblici uffici;
  • per i candidati di sesso maschile, posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva secondo la vigente normativa italiana.

REQUISITI SPECIFICI  E TITOLI DI STUDIO

In base alla figura professionale per la quale si candidano, ai concorrenti è dunque richiesto anche il possesso dei seguenti requisiti specifici:

FUNZIONARIO ARCHIVISTA DI STATO

  • laurea magistrale in Archivistica e biblioteconomia (LM-5) o titoli equiparati secondo la normativa vigente;
  • diploma di specializzazione o dottorato di ricerca o master universitario di secondo livello di durata biennale in materie attinenti al patrimonio culturale oppure diploma di una delle scuole di alta formazione e di studio che operano presso il Ministero della cultura o titoli equipollenti.

In alternativa:

  • qualunque laurea specialistica o laurea magistrale o diploma di laurea o titoli equiparati o equipollenti secondo la normativa vigente;
  • diploma di specializzazione di una delle scuole di alta formazione e di studio che operano presso la Scuola di specializzazione in beni archivistici e librari o presso le Scuole di archivistica, paleografia e diplomatica del Ministero della cultura istituite presso gli Archivi di Stato o titoli equipollenti oppure dottorato di ricerca o master universitario di secondo livello di durata biennale in beni archivistici o equivalente.

FUNZIONARIO BIBLIOTECARIO

  • laurea magistrale in Archivistica e biblioteconomia (LM-5) o titoli equiparati secondo la normativa vigente;
  • diploma di specializzazione o dottorato di ricerca o master universitario di secondo livello, previsti dalla legge per lo svolgimento dei compiti assegnati.

FUNZIONARIO RESTAURATORE CONSERVATORE

  • laurea magistrale a ciclo unico in Conservazione e restauro dei beni culturali (LMR/02) oppure diploma rilasciato dalle Scuole di alta formazione e di studio che operano presso l’Istituto centrale per il restauro, l’Opificio delle pietre dure, l’Istituto centrale per la patologia degli archivi e del libro o altro titolo equiparato ai sensi del decreto interministeriale 26 maggio 2009, n. 87 o del decreto 21 dicembre 2017 del Ministero dell’Istruzione, dell’università e della ricerca oppure diploma accademico di secondo livello di durata quinquennale in Restauro delle Accademie di Belle Arti (DASLQ01) oppure qualifica di restauratore di beni culturali riconosciuta ai sensi dell’articolo 182 del decreto legislativo 22 gennaio 2004 recante «Codice dei beni culturali e del paesaggio».

FUNZIONARIO ARCHITETTO

  • laurea magistrale in Architettura del paesaggio (LM-3) o Architettura e Ingegneria Edile-Architettura (LM-4) o Conservazione dei Beni Architettonici e Ambientali (LM-10) o Pianificazione Territoriale Urbanistica e Ambientale (LM-48) ovvero Scienze e Tecnologie per l’Ambiente e il Territorio (LM-75) o titoli equiparati secondo la normativa vigente;
  • diploma di specializzazione o dottorato di ricerca o master universitario di secondo livello, in materie attinenti al profilo professionale, previsti dalla legge per lo svolgimento dei compiti assegnati.

FUNZIONARIO STORICO DELL’ARTE

  • laurea magistrale in Storia dell’arte (LM-89) o titoli equiparati secondo la normativa vigente;
  • diploma di specializzazione o dottorato di ricerca o master universitario di secondo livello, in materie attinenti al profilo professionale, previsti dalla legge per lo svolgimento dei compiti assegnati.

FUNZIONARIO ARCHEOLOGO

  • laurea magistrale in Archeologia (LM-2) o titoli equiparati secondo la normativa vigente;
  • diploma di specializzazione o dottorato di ricerca o master universitario di secondo livello, in materie attinenti al profilo professionale, previsti dalla legge per lo svolgimento dei compiti assegnati.

FUNZIONARIO PALEONTOLOGO

  • laurea magistrale in Scienze e tecnologie geologiche (LM-74) o Scienze della natura (LM-60) o Biologia (LM-6) o Conservazione e restauro dei beni culturali (LMR/02) o titoli equiparati secondo la normativa vigente;
  • diploma di specializzazione o dottorato di ricerca o master universitario di secondo livello, in materie attinenti al patrimonio culturale.

FUNZIONARIO DEMOETNOANTROPOLOGO

  • laurea magistrale in Antropologia culturale e etnologia (LM-1) o titoli equiparati secondo la normativa vigente;
  • diploma di specializzazione o dottorato di ricerca o master universitario di secondo livello, in materie attinenti al profilo professionale, previsti dalla legge per lo svolgimento dei compiti assegnati.

PROCEDURA SELETTIVA

La procedura selettiva del concorso Ministero della Cultura 2022 sarà espletata attraverso:

  • una prova scritta distinta per i codici concorso, da svolgersi esclusivamente mediante l’utilizzo di strumenti informatici e piattaforme digitali, anche in sedi decentrate e anche con più sessioni consecutive non contestuali;
  • una prova orale, distinta per i codici concorso, riservata ai candidati che avranno superato la prova scritta di cui al punto precedente; la prova orale può essere svolta in videoconferenza, tramite l’utilizzo di strumenti informatici e digitali;
  • valutazione dei titoli, distinta per i codici concorso, solo a seguito dello svolgimento della prova orale, con esclusivo riferimento ai candidati risultati idonei alla prova e sulla base delle dichiarazioni rese dagli stessi nella domanda di partecipazione.

PROVA SCRITTA

Consisterà in un test di 40 quesiti a risposta multipla da risolvere in 60 minuti, con un punteggio massimo attribuibile di 30 punti. La prova sarà così articolata:

  1. una parte composta da 25 quesiti, di cui:
    n. 10 quesiti comuni a tutti i profili professionali, tesi a verificare le conoscenze e le competenze dei candidati nelle materie giuridiche ed economiche applicate all’ambito del patrimonio culturale e afferenti alle seguenti materie:
    – elementi di diritto pubblico;
    – elementi di diritto amministrativo con particolare riferimento alla disciplina del lavoro pubblico, alle responsabilità dei dipendenti pubblici e al procedimento amministrativo;
    – elementi di diritto del patrimonio culturale;
    – elementi di diritto dell’Unione Europea;
    – struttura e organizzazione del Ministero della cultura;
    n. 15 quesiti distinti per ciascun profilo professionale, afferenti alle materie specificate nel bando;
  2. una parte composta da 8 quesiti volti a verificare la capacità logico-deduttiva e di ragionamento critico-verbale;
  3. una parte composta da 7 quesiti situazionali relativi a problematiche organizzative e gestionali che ricadono nell’ambito degli studi sul comportamento organizzativo. I quesiti descriveranno situazioni di lavoro, rispetto alle quali si intende valutare la capacità di giudizio dei candidati, chiedendo loro di decidere, tra alternative predefinite di possibili corsi d’azione, quale ritengano più adeguata.

Non è prevista la pubblicazione della banca dati dei quesiti prima dello svolgimento della prova.

La prova si intende superata se è raggiunto il punteggio minimo di 21/30.


PROVA ORALE

Consisterà in un colloquio interdisciplinare volto ad accertare la preparazione e la capacità professionale dei candidati nelle materie della prova scritta. In sede di prova orale si verificherà anche quanto segue:

  • conoscenza della lingua inglese, attraverso una conversazione che accerti il livello di competenze linguistiche di livello almeno A2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue;
  • conoscenza e uso delle tecnologiche informatiche e delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, nonché delle competenze digitali.

La prova sarà superata al raggiungimento del punteggio minimo di 21/30.


VALUTAZIONE DEI TITOLI

Sarà effettuata sulla base dei titoli dichiarati dai candidati negli appositi spazi della domanda di ammissione al concorso. Tutti i titoli di cui il candidato richiede la valutazione devono essere posseduti alla data di scadenza del termine di presentazione della domanda. Saranno valutati solo i titoli inseriti negli appositi spazi della domanda di ammissione al concorso e completi di tutte le informazioni necessarie per la valutazione.

DOMANDA DI AMMISSIONE

La domanda di ammissione al concorso dovrà essere presentata entro il 9 dicembre 2022 esclusivamente con procedura telematica, autenticandosi con SPID, CIE, CNS e eIDAS, compilando il modulo online sul portale “inPA” in questa pagina, previa registrazione sullo stesso portale.

Si rende noto che i candidati devono possedere un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) personale o un domicilio digitale. A tal riguardo, coloro che non avessero una PEC sono invitati a leggere in questo articolo come attivarne una in soli 30 minuti.

Per essere ammessi al concorso, i concorrenti devono inoltre versare una quota di partecipazione di euro 10,00. Nel caso in cui intendano candidarsi a più codici concorso, sono tenuti al versamento della quota per ogni codice concorsuale.

Ulteriori dettagli sono contenuti nel bando sotto allegato.

BANDO CONCORSO MINISTERO DELLA CULTURA 2022 PER 518 FUNZIONARI

Gli interessati al concorso del Ministero della Cultura 2022 per 518 posti sono invitati a scaricare e a leggere con attenzione il BANDO (Pdf 309 KB) integrale.

Per completezza informativa segnaliamo che il bando è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale serie concorsi ed esami n. 88 del 08-11-2022 a questa pagina e sul portale InPA in questa sezione. La notizia della pubblicazione del bando di concorso è stata data anche sul sito di Formez PA a questa pagina.

MINISTERO DELLA CULTURA

Il Ministero della cultura, noto anche con l’acronimo MiC, è un dicastero del governo italiano. È preposto alla tutela della cultura e dello spettacolo e alla conservazione del patrimonio artistico, culturale e del paesaggio. Nato nel 1974 come Ministero per i beni culturali e ambientali, negli anni ha assunto diverse denominazioni, tra cui MIBACT. La sede del Ministero è situata a Roma, presso il Collegio Romano.

ULTERIORI INFORMAZIONI

Per le richieste di assistenza di tipo informatico legate alla procedura di iscrizione on line, i candidati devono utilizzare esclusivamente l’apposito modulo di assistenza presente sul Portale “inPA” e previa lettura della guida alla compilazione della domanda presente in home page e delle relative FAQ. Non è garantita la soddisfazione entro il termine di scadenza previsto per l’invio della domanda di partecipazione delle richieste inviate nei tre giorni antecedenti il medesimo termine. Per ulteriori informazioni vi invitiamo a leggere l’approfondimento su come registrarsi e come funziona il posrtale inPA.

Ogni comunicazione inerente al concorso, compreso il calendario della prova scritta, della prova orale e i relativi esiti, sarà effettuata attraverso il Portale “inPA” e/o sul sito di Formez PA.

Le graduatorie finali di merito, per ciascun codice concorso, saranno validate dalla Commissione RIPAM e trasmesse all’amministrazione interessata. Le predette graduatorie saranno pubblicate sui siti internet sopra indicati e sul sito istituzionale dell’amministrazione interessata. L’avviso relativo alla avvenuta validazione e alla pubblicazione delle graduatorie sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – 4a Serie speciale “Concorsi ed Esami”.

ASSUNZIONE

L’assunzione dei vincitori avverrà compatibilmente con i limiti imposti dalla vigente normativa in materia di vincoli finanziari e regime delle assunzioni. I candidati vincitori, secondo l’ordine di graduatoria, saranno assegnati alle sedi di destinazione indicate dall’amministrazione interessata scelte sulla base delle preferenze espresse. I candidati devono effettuare la scelta esclusivamente attraverso le modalità che saranno indicate sul Portale “inPA” e/o su questo sito.

ALTRI CONCORSI DEL MIC 2022 2023

Per informazioni su tutte le altre selezioni pubbliche del Ministero della Cultura in arrivo tra il 2022 e il 2023 vi invitiamo a leggere questo approfondimento.

ALTRI CONCORSI E AGGIORNAMENTI

Per conoscere tutti gli altri concorsi pubblici per laureati, visitate la nostra sezione apposita, mentre per non perdere novità e aggiornamenti, potete iscrivervi alla nostra newsletter gratuita e anche al canale Telegram.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.



Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti