Garanzia Lavoro Abruzzo: incentivi per assunzioni

regione abruzzo

La Regione Abruzzo mette a disposizione nuovi finanziamenti per sostenere le assunzioni di disoccupati attraverso il programma Garanzia Lavoro.

Sono stati pubblicati due bandi per l’assegnazione di incentivi fino a 10mila Euro per le aziende che assumono donne, over 50 e uomini fino a 49 anni di età.

Ecco cosa sapere sulle agevolazioni Garanzia Lavoro Abruzzo e come fare domanda.

GARANZIA LAVORO ABRUZZO BANDI 2019

Il progetto Garanzia Lavoro è una iniziativa finalizzata a sostenere l’occupazione dei residenti in Abruzzo che versano in stato di disoccupazione. In particolare, prevede l’erogazione di finanziamenti per le aziende che li assumono.

Gli avvisi pubblici relativi al programma sono 2, in quanto fanno riferimento a due diverse misure: la misura A, destinata alle imprese che si trovino in regime ‘de minimis’, e misura B, riservata alle aziende che abbiano esaurito il plafond triennale per la concessione di aiuti in ‘de minimis’ e vogliano richiedere gli aiuti in esenzione.

Sono previsti contributi economici di importo pari a 10.000 Euro, per assumere lavoratrici senza limiti di età o lavoratori  di età superiore a 50 anni, o a 8.000 Euro, per l’assunzione di uomini  con età compresa tra i 18 e i 49 anni. Le assunzioni devono essere effettuate mediante contratti di lavoro a tempo indeterminato, anche in apprendistato, garantiti per almeno 24 mesi.

Per l’avviso A, le agevolazioni saranno erogate anche nel caso di trasformazione di contratti a tempo determinato in tempo indeterminato. I bandi finanziano, inoltre, attività di accompagnamento al lavoro che saranno svolte dai Centri per l’Impiego (CPI) e dalle Agenzie per il Lavoro (APL) accreditate dalla Regione Abruzzo, che si occuperanno di agevolare l’incontro domanda / offerta di lavoro.

DESTINATARI

Gli interventi previsti dai bandi Regione Abruzzo per disoccupati sono rivolti a candidati in possesso dei seguenti requisiti:
– età non inferiore ai 18 anni compiuti;
– residenza in Abruzzo;
– stato di disoccupazione ai sensi dell’art. 19 del Decreto Legislativo n. 150 del 14 settembre 2015;
– iscrizione presso uno dei Centri per l’Impiego della Regione Abruzzo;
– Dichiarazione di Immediata Disponibilità;
– aver sottoscritto il Patto di Servizio presso il CPI di competenza;
– se stranieri, essere in possesso di regolare permesso di soggiorno in corso di validità e che consente l’esercizio di un’attività lavorativa.

Nel caso della trasformazione di un rapporto di lavoro a tempo determinato in tempo indeterminato non è richiesto lo status di disoccupato ma l’esistenza di un contratto di lavoro subordinato con il datore di lavoro o l’impresa che presenta la richiesta di finanziamento. Per i soggetti di età compresa tra 25 e 49 anni per la cui assunzione si richiede il contributo previsto dall’avviso B è necessario il possesso di un’anzianità di disoccupazione pari ad almeno 6 mesi.

AZIENDE AMMISSIBILI A FINANZIAMENTO

Possono richiedere gli incentivi messi a disposizione dalla Regione Abruzzo tramite Garanzia Lavoro le aziende in possesso dei seguenti requisiti di base:


  • misura A
    – possesso di partita iva;
    – sede operativa oggetto delle assunzioni e / o trasformazioni nel territorio della Regione Abruzzo, eccetto per i c.d. “cantieri mobili”;
    – non avere in corso procedure di C.I.G. per la stessa qualifica professionale oggetto della richiesta di assunzione al momento della presentazione della candidatura, qualora il richiedente sia un’impresa nella quale operi una sospensione dei rapporti, od una riduzione dell’orario, con diritto al trattamento di integrazione salariale;
    – non esercitare un’attività economica incompatibile con il regime di aiuti del Regolamento (UE) 1407/2013;
    – essere in attività;
    – di essere in regola con il versamento degli obblighi contributivi ed assicurativi di legge attestati nel DURC, e con le norme per la sicurezza sul lavoro;
    – essere in regola con la disciplina in materia di aiuti di Stato;
    – non richiedere il beneficio per assumere soggetti che nell’ultimo rapporto di lavoro a tempo indeterminato, cessato dal 30 giugno 2018, siano stati dipendenti dell’azienda o di soggetti che presentino assetti proprietari sostanzialmente coincidenti con la stessa ovvero con queste ultime in rapporto di collegamento o controllo, nè pensionati, lavoratori a domicilio, soggetti da assumere obbligatoriamente e lavoratori per i quali intervenga il pensionamento entro 24 mesi dall’assunzione, oppure soci dell’impresa beneficiaria, salvo il caso di assunzione in attuazione del vincolo associativo con una cooperativa di lavoro;
    – per le agenzie di somministrazione, richiedere l’agevolazione solo per assumere personale utilizzato direttamente;
    – non trovarsi in stato di liquidazione o di fallimento e non aver presentato domanda di concordato;
    – non avere rapporti di parentela o di affinità entro il terzo grado o di coniugio con i lavoratori oggetto degli incentivi;
    – non aver usufruito e non richiedere altre agevolazioni contributive o finanziarie pubbliche, previste da norme regionali, statali, comunitarie o altre forme di incentivazioni in genere, previste da norme regionali, statali, comunitarie o altre forme di incentivazioni in genere.
  • misura B
    – possesso di partita iva;
    – sede operativa oggetto delle assunzioni e / o trasformazioni nel territorio della Regione Abruzzo, eccetto per i c.d. “cantieri mobili”;
    – non versare in stato di difficoltà ai sensi dell’art. 2, punto 18) del reg. (UE) n.651/2014;
    – non esercitare un’attività economica incompatibile con il regime di aiuti del reg. (UE) n.651/2014 di cui al successivo art. 16;
    – essere in regola con il versamento degli obblighi contributivi ed assicurativi e con la normativa in materia di sicurezza sul lavoro;
    – non trovarsi in stato di liquidazione o di fallimento e di non aver presentato domanda di concordato;
    – essere in attività;
    – essere in regola con la disciplina in materia di aiuti di Stato;
    – non aver usufruito e non richiedere altre agevolazioni contributive o finanziarie pubbliche, previste da norme regionali, statali, comunitarie o altre forme di incentivazioni in genere, previste da norme regionali, statali, comunitarie o altre forme di incentivazioni in genere;
    – non richiedere i finanziamenti per assumere un socio dell’impresa richiedente, salvo il caso di assunzione in attuazione del vincolo associativo con una cooperativa di lavoro, o lavoratori che hanno rapporti di parentela o di affinità entro il terzo grado o di coniugio con i datori di lavoro, oppure pensionati, lavoratori a domicilio, soggetti da assumere obbligatoriamente e lavoratori per il quali intervenga il pensionamento entro 24 mesi dall’assunzioni o legati al medesimo datore di lavoro da precedente contratto di lavoro a tempo indeterminato cessato nei sei mesi precedenti;
    – non avere in corso procedure di C.I.G. per la stessa qualifica professionale oggetto della richiesta di assunzione al momento della presentazione della candidatura, qualora il richiedente sia un’impresa nella quale operi una sospensione dei rapporti, od una riduzione dell’orario, con diritto al trattamento di integrazione salariale;
    – per le agenzie di somministrazione, richiedere l’agevolazione solo per assumere personale utilizzato direttamente.

Per prendere visione dettagliata di tutte le caratteristiche richieste alle aziende che intendono aderire ai bandi si rimanda a quanto indicato negli avvisi pubblici.

INTERVENTI PREVISTI

Per i finanziamenti alle imprese che assumeranno disoccupati abruzzesi sono stati stanziati ben 11.970.000 Euro. Questi serviranno a finanziare le seguenti attività:

  • Avviso A – assunzioni con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, anche in apprendistato, con orario part time o full time, e trasformazioni di contratti a tempo determinato in tempo indeterminato. Gli aiuti previsti per l’assunzioni di ciascun lavoratore sono i seguenti:
    10.000 Euro per donne;
    10.000 Euro per lavoratori over 50;
    8.000 Euro per lavoratori tra i 18 e i 49 anni;
  • Avviso B – assunzioni con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato, anche in apprendistato, con orario part time o full time. Gli aiuti previsti per l’assunzioni di ciascun lavoratore sono i seguenti:
    10.000 Euro per donne;
    10.000 Euro per lavoratori over 50;
    8.000 Euro per lavoratori tra i 18 e i 49 anni;
  • attività di accompagnamento al lavoro svolta dai CPI e dalle Agenzie per il Lavoro:
    2.500 Euro per le assunzioni effettuate da imprese con sede operativa nei comuni dell’Area di Crisi Complessa Vibrata – Tronto Piceno;
    2.000 Euro per le assunzioni effettuate da imprese con sede operativa in tutti gli altri comuni abruzzesi.

COME FARE DOMANDA

Le aziende interessate a richiedere i contributi possono presentare domanda, entro le ore 20.00 del 1° aprile 2019, seguendo le indicazioni riportate negli avvisi di selezione.

I candidati che intendono aderire al progetto Garanzia Lavoro, invece, possono rivolgersi ai CPI presso cui hanno sottoscritto la DID e il Patto di Servizio, alle APL accreditate presso la Regione Abruzzo o direttamente alle imprese alle quali intendono presentare la propria candidatura per una richiesta di assunzione.


BANDO

Per maggiori informazioni, vi invitiamo a visitare le pagine dedicate ai bandi Garanzia Lavoro Abruzzo 2019, dalle quali è possibile consultare e scaricare la documentazione completa relativa agli avvisi, seguendo i seguenti link:

AVVISO A;
AVVISO B.




© RIPRODUZIONE RISERVATA.

Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.


Voglio le notifiche di nuovi commenti!
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Guarda tutti i commenti