TAV Torino Lione: 1000 assunzioni nei cantieri

tav torino lione

In arrivo ben 1000 nuove assunzioni a partire dal 2023 per la realizzazione della TAV Torino Lione.

Tanti sono i posti di lavoro che si stima potranno essere creati nei cantieri per la costruzione della nuova linea ferroviaria internazionale. La Regione Piemonte intende attivare percorsi formativi apposti per formare le risorse da assumere.

Ecco tutte le informazioni sulle opportunità di impiego che saranno create dal progetto della TAV Torino Lione e cosa sapere.

ASSUNZIONI TAV TORINO LIONE

A dare la notizia è la Regione Piemonte, tramite un recente comunicato. L’ente regionale ha definito un accordo, che sarà sottoscritto a breve, con Agenzia Piemonte Lavoro e TELT, società incaricata di progettare, realizzare e gestire la TAV Torino Lione, per agevolare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro per i cantieri dedicati alla costruzione del collegamento ferroviario. In sostanza l’intesa, denominata Una rete per la Valle di Susa, intende individuare le necessità di professionalità delle imprese che operano o opereranno alla realizzazione dell’opera infrastrutturale e offrire a chi desidera lavorare al progetto opportunità formative e di occupazione.

La formazione sarà offerta tramite diverse tipologie di percorso, dall’apprendistato duale al nuovo sistema della formazione professionale, all’Academy di filiera e ai percorsi di alta formazione specialistica degli istituti ITS. Le opportunità formative e occupazionali saranno rivolte sia ai giovani che si stanno formando che a lavoratori disoccupate o da ricollocare. In totale si stima che la TAV Torino Lione darà lavoro a circa 1000 persone dal 2023 alla fine dei lavori di scavo del tratto italiano del tunnel di base. L’Agenzia Piemonte Lavoro, tramite i Centri per l’impiego di Susa, Rivoli e Chivasso, predisporrà degli sportelli dedicati alle persone interessate a ricoprire le mansioni offerte e alle imprese che cercano personale.

FIGURE RICHIESTE

Le assunzioni per la TAV Torino Lione riguardano varie figure da impiegare nei cantieri. Per circa il 60% si tratta di manodopera da impiegare nello scavo meccanizzato e nella logistica interna, dunque minatori, addetti alla fresa, elettricisti e profili simili. Un altro 20% degli inserimenti stimati riguarda figure della logistica esterna, quali autotrasportatori, escavatoristi, addetti agli approvvigionamenti e simili, mentre il restante 20% sono quadri, impiegati e personale tecnico.

Queste sono le figure da impiegare nel breve periodo. Nel lungo periodo, invece, ci saranno opportunità di formazione e occupazione anche per professionalità dell’esercizio ferroviario, cioè manutentori, manovratori, addetti alla sicurezza e alla circolazione ferroviaria e altre figure.

LA TAV TORINO LIONE

La ferrovia Torino-Lione (o Nuova Linea Torino-Lione, abbreviato NLTL) è una nuova linea ferroviaria per merci e passeggeri che si estende per 270 km, di cui il 70% in Francia e il 30% in Italia. Prevede una tratta transfrontaliera comune tra Italia e Francia, da Susa (Piemonte) a Saint-Jean-de Maurienne (Savoia), di competenza del promotore pubblico italo-francese TELT, una parte italiana, dal nodo di Torino a Bussoleno (Val di Susa), di competenza di RFI, e una parte francese, da Saint Jean de Maurienne a Lione, di competenza di SNCF. La fine dei lavori principali dell’opera è prevista per il 2030.

CANDIDATURE

Gli interessati alle future assunzioni per la TAV Torino Lione e alle opportunità di formazione legate al progetto dovranno rivolgersi agli appositi sportelli che saranno attivati presso i Centri per l’impiego di Susa, Rivoli e Chivasso. Vi segnaliamo, inoltre, che è possibile anche visitare la pagina dedicata alle carriere (Lavora con noi) della TELT per prendere visione delle posizioni aperte al momento presso la società e candidarsi online, inviando il cv tramite l’apposito form.

Per scoprire altre interessanti opportunità di impiego potete visitare la nostra pagina dedicata alle aziende che assumono.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.



Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti