Banca d’Italia: concorso per 25 laureati in materie giuridiche

Banca d'Italia

La Banca d’Italia, con sede a Roma (Lazio), ha indetto un concorso per esperti laureati in materie giuridiche, finalizzato alla copertura di 25 posti di lavoro.

Si prevede, infatti, l’assunzione delle risorse mediante contratto a tempo indeterminato.

La scadenza per presentare la domanda di ammissione è fissata al 21 Marzo 2022. Ecco il bando e tutte le informazioni utili per candidarsi.

CONCORSO LAUREATI BANCA D’ITALIA

La Banca d’Italia ha dunque pubblicato un concorso pubblico per l’assunzione a tempo indeterminato delle seguenti figure professionali:

  • n. 19 posti per esperti con orientamento nelle discipline giuridiche;
  • n. 6 posti per esperti con orientamento nelle discipline giuridiche per le esigenze delle Segreterie tecniche dell’Arbitro Bancario Finanziario e della struttura centrale di coordinamento.

REQUISITI

Possono partecipare al concorso della Banca d’Italia per laureati i candidati in possesso dei requisiti generici di seguito riassunti:

  • cittadinanza italiana o di uno Stato dell’Unione Europea o di altre categorie previste dal bando;
  • idoneità fisica alle mansioni;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • non aver tenuto comportamenti incompatibili con le funzioni da svolgere nell’Istituto;
  • laurea magistrale / specialistica, conseguita con un punteggio di almeno 105/110 o votazione equivalente, in una delle seguenti classi: giurisprudenza (LMG-01 o 22/S); scienze giuridiche (LM SC-GIUR); scienze della politica (LM-62 o 70/S); scienze delle pubbliche amministrazioni (LM-63 o 71/S); relazioni internazionali (LM-52 o 60/S) oppure altra laurea equiparata ad uno dei suddetti titoli.

SELEZIONE

Per ciascuno dei concorsi la Banca d’Italia si riserva la facoltà di procedere a una preselezione mediante test nel caso in cui le relative domande di partecipazione siano superiori alle 4.000 unità.

Le procedure selettive si espleteranno attraverso il superamento di due prove d’esameuna scritta ed una orale. Per conoscere nel dettaglio le prove d’esame relative al profilo di interesse vi rimandiamo alla lettura del bando.

BANCA D’ITALIA

Nota anche con il nome di Bankitalia, la Banca d’Italia è la banca centrale della Repubblica Italiana, un istituto di diritto pubblico regolato da norme nazionali ed europee. Dal 1998 è parte integrante del sistema europeo delle banche centrali (SEBC). Essa persegue finalità d’interesse generale nel settore monetario e finanziario come, ad esempio, il mantenimento della stabilità dei prezzi. La sede centrale è presso Palazzo Koch a Roma (Lazio), possiede sedi secondarie e succursali in tutta Italia.

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

Per partecipare al concorso per laureati Banca d’Italia i candidati dovranno presentare le domande esclusivamente online alla seguente pagina entro le ore 16,00 del 21 Marzo 2022.

Ogni altro dettaglio sulle modalità di presentazione della domanda di ammissione è indicato nel bando che rendiamo disponibile di seguito.

BANDO

I candidati al concorso per laureati Banca d’Italia sono invitati a leggere con attenzione il BANDO (Pdf 371 Kb), pubblicato per estratto sulla Gazzetta Ufficiale n.14 del 18-02-2022.

SUCCESSIVE COMUNICAZIONI

Le successive comunicazioni inerenti le prove d’esame oppure le graduatorie saranno rese note attraverso il sito nella sezione ‘Lavorare in Banca d’Italia > Informazioni sui concorsi > Concorsi aperti per cui è possibile presentare domanda’.

ALTRI CONCORSI E COME RESTARE AGGIORNATI

Continuate a seguirci e, per scoprire gli altri concorsi pubblici per laureati attivi in Italia, vi invitiamo a consultare la nostra pagina. Infine, potete rimanere sempre aggiornati iscrivendovi gratis alla nostra newsletter e anche al canale Telegram per le notizie in anteprima.

Subscribe
Notificami
1 Comment
Inline Feedbacks
Leggi i commenti
paolo

“con un punteggio di almeno 105/110”
Ma la finiamo di assumere solo personale in base ad uno stupido punteggio di laurea che non vuol dire nulla? Le persone più competenti spesso hanno un punteggio di laurea molto più basso. E’ ora di finirla con questo razzismo sul punteggio di laurea!