Call Veloce 2022: domande dal 4 all’8 agosto

docenti, insegnanti, infanzia, primaria, scuola

Dal 4 al’8 agosto 2022 è possibile presentare le domande per la call veloce, la procedura a chiamata diretta per le immissioni in ruolo dei docenti.

Sono aperte le istanze finalizzate alle assunzioni a tempo indeterminato degli insegnanti in regioni o province diverse da quelle delle graduatorie in cui sono inseriti. L’elaborazione degli esiti è prevista entro l’11 agosto.

Vediamo in dettaglio tutte le novità sulla call veloce 2022 e come fare domanda.

DOMANDE CALL VELOCE 2022

Con la nota n. 29005 del 3 agosto 2022, infatti, il Ministero dell’Istruzione ha comunicato dalle ore 9.00 del 4 agosto sono aperte le domande per le immissioni in ruolo con la call veloce docenti.  Come già anticipato dal MIUR con la  nota n. 28605 del 29 luglio 2022, le funzioni online per presentare le istanze resteranno disponibili fino all’8 agosto.

Dunque sono slittate le date indicate nella nota n. 27845 del 21 luglio 2022 di trasmissione del decreto MIUR per le  immissioni in ruolo degli insegnanti a.s. 2022/23 (decreto n. 184 del 19 luglio 2022), che prevedeva l’invio delle istanze dal 3 al 7 agosto.

La call veloce, lo ricordiamo, è una procedura volontaria che consente ai docenti, su domanda, di coprire i posti vacanti e disponibili residuati dopo le ordinarie operazioni annuali di immissione in ruolo in altra provincia o regione. In sostanza, dunque, presentando le istanze per la call veloce gli insegnanti si rendono disponibili per la nomina in ruolo in altre regioni e province rispetto a quelle delle graduatorie di appartenenza.

Introdotta nel 2020 e sospesa per l’a.s. 2021/2022, la procedura di immissione in ruolo con call veloce è stata rinnovata per l’a.s. 2022/2023 ed è regolata dal decreto 08 giugno 2020, n. 25. E’ possibile fare ricorso alla chiamata diretta per le assunzioni dei docenti una volta terminate le nomine ordinarie dalle graduatorie ad esaurimento (GAE) e dalle graduatorie di merito (GM) dei concorsi, secondo quanto disposto dal MIUR per le immissioni in ruolo dei docenti relative all’a.s. 2022/23. Per tutti i dettagli su come funziona la procedura per le assunzioni in ruolo potete leggere questo approfondimento.

CHI PUÒ PARTECIPARE

Possono partecipare alla procedura volontaria per le immissioni in ruolo con call veloce e, dunque, presentare le domande per la chiamata diretta:

  • gli aspiranti inseriti nelle GAE – possono fare domanda per la nomina in una o più province nella stessa regione nelle cui graduatorie sono già inseriti o in una o più province di altra regione;

  • gli aspiranti inseriti nelle GM – possono fare domanda per la nomina in una o più province di una regione diversa da quella delle graduatorie in cui sono inseriti.

Restano esclusi i docenti di ruolo e quelli destinatari di proposte di assunzione a tempo indeterminato per l’a.s. 2022/2023. Il ricorso alla call veloce autorizzato dal Ministero dell’Istruzione ha lo scopo, infatti, di ridurre il ricorso ad incarichi a tempo determinato per coprire i posti vacanti.

COME SI SVOLGE LA PROCEDURA

Gli USR, una volta terminate le ordinarie immissioni in ruolo da GM e GAE (in questa pagina trovate tutti gli avvisi con le convocazioni) e verificata la presenza di posti residui, pubblicano le disponibilità e aprono le funzioni per la presentazione delle domande di call veloce. Gli insegnanti interessati presentano l’istanza online, tramite l’apposita piattaforma ministeriale, indicando l’ordine di preferenza tra le province scelte e/o per i diversi tipi di posto/classi di concorso.

Le proposte di assunzione sono effettuate tenendo conto della posizione dell’aspirante in graduatoria e delle priorità espresse, e nel rispetto della ripartizione al 50% dei posti tra GAE e GM prevista per le procedure ordinarie di immissione in ruolo, che devono concludersi entro il 2 agosto.

COME FARE DOMANDA PER LA CALL VELOCE 2022

Le domande per la call veloce devono essere presentate con modalità telematica, tramite l’apposita piattaforma web ministeriale, dalle 9.00 del 4 alle 23.59 dell’8 agosto 2022. E’ possibile presentare un’unica istanza, con l’indicazione della regione prescelta.

Con la domanda di partecipazione, ciascun aspirante deve:

  • scegliere la regione di partecipazione;

  • indicare
    – la provincia o le province di destinazione nell’ambito della regione scelta;
    – le classi di concorso/tipo posto di interesse e le relative graduatorie di inserimento, che costituiscono titolo di accesso alla procedura di chiamata;
    – nel caso di più province di destinazione, l’ordine di preferenza delle province;
    – l’ordine di preferenza tra le classi di concorso/tipologie di posto;

  • indicare la regione/provincia di provenienza e l’USR responsabile della procedura concorsuale nel caso in cui sia stata disposta l’aggregazione territoriale dei concorsi.

ESITI DELLA PROCEDURA

In base a quanto previsto dalla nota MIUR del 29 luglio, la procedura della call veloce per le immissioni in ruolo degli insegnanti deve concludersi entro il giorno 11 agosto, al fine di procedere alle ulteriori attività connesse all’avvio dell’anno scolastico.

ULTERIORI INFORMAZIONI E AGGIORNAMENTI

Per tutte le informazioni sulla call veloce 2022 potete leggere questo approfondimento. Mettiamo a vostra disposizione anche il nostro approfondimento sulle immissioni in ruolo 2022/2023 nel personale docente e questa guida utile sulla rinuncia al ruolo, con tutte le indicazioni sulle conseguenze e su come funziona. Visitate anche la nostra pagina dedicata ai docenti per restare informati su assunzioni, concorsi, graduatorie, contratto e normative.

Continuate a seguirci per restare aggiornati e iscrivetevi gratuitamente alla nostra newsletter, al nostro canale telegram e alla nostra pagina facebook, per essere avvisati su tutte le novità e avere le notizie in anteprima. E’ inoltre disponibile il gruppo telegram dedicato ai docenti e aspiranti docenti, utile per confrontarsi e avere consigli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.



Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti