Concorso ordinario per 89 docenti in Friuli Venezia Giulia, scuole lingua slovena

insegnante, docente, scuola, alunni

È stato indetto il concorso ordinario per complessivi 89 docenti nella scuola secondaria di primo e secondo grado con lingua d’insegnamento slovena e bilingue sloveno – italiano del Friuli Venezia Giulia.

Si prevede la copertura di posti comuni e di sostegno.

Le domande di ammissione dovranno essere inviate entro il 9 febbraio 2023. Di seguito diamo tutte le informazioni utili su selezione, requisiti richiesti, come candidarsi e rendiamo disponibile il bando da scaricare.

CONCORSO ORDINARIO 89 DOCENTI FRIULI VENEZIA GIULIA 2023

È stato dunque bandito, su base regionale, un concorso per il reclutamento di complessivi 89 docenti per posti comuni e di sostegno nella scuola secondaria di primo e secondo grado con lingua d’insegnamento slovena e bilingue sloveno – italiano del Friuli-Venezia Giulia.

Si prevede, infatti, che tali posti si renderanno vacanti e disponibili per il biennio 2022 / 2023, 2023 / 2024.

Rimandiamo alla lettura del bando allegato a fine articolo per conoscere la ripartizione dei posti nelle varie classi di concorso.

REQUISITI

POSTI COMUNI

Possono partecipare alle procedure concorsuali per il personale docente per i posti comuni i candidati anche di ruolo in possesso di uno dei seguenti titoli:

  • abilitazione specifica sulla classe di concorso o analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente;
  • possesso congiunto di:
    – laurea magistrale o a ciclo unico oppure diploma di II livello dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, oppure titolo equipollente o equiparato, coerente con le classi di concorso vigenti alla data di indizione del concorso o analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente;
    – 24 CFU/CFA, acquisiti in forma curricolare, aggiuntiva o extra curricolare nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche, garantendo comunque il possesso di almeno sei crediti in ciascuno di almeno tre dei seguenti quattro ambiti disciplinari: pedagogia, pedagogia speciale e didattica dell’inclusione; psicologia; antropologia; metodologie e tecnologie didattiche.

I soggetti in possesso di abilitazione per altra classe di concorso o per altro grado di istruzione sono esentati dal conseguimento dei CFU/CFA, fermo restando il possesso del titolo di accesso alla classe di concorso ai sensi della normativa vigente.


POSTI DI SOSTEGNO

Sono ammessi a partecipare alle procedure per i posti di sostegno, con riferimento alle procedure distinte per la scuola secondaria di primo o secondo grado, i candidati in possesso di uno dei titoli richiesti per i posti comuni, insieme al titolo di specializzazione sul sostegno per lo specifico grado, conseguito ai sensi della normativa vigente, o analogo titolo di specializzazione sul sostegno conseguito all’estero e riconosciuto in Italia.


Ai sensi dell’art. 22, comma 2, del decreto legislativo, sino ai concorsi banditi nell’anno scolastico 2024/2025, per partecipare ai concorsi a posti di insegnante tecnico pratico è richiesto il titolo di accesso alla classe di concorso ai sensi della normativa vigente in materia di classi di concorso.

I candidati devono, altresì, possedere i requisiti generali per l’accesso all’impiego nelle pubbliche amministrazioni, richiesti dal decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487.

SELEZIONE

Si prevede una prova scritta distinta per ciascuna classe di concorso e per ciascuna tipologia di posto. I candidati che l’avranno superata saranno ammessi a sostenere la prova orale.

L’Allegato A del decreto ministeriale 9 novembre 2021, n. 326 individua le classi di concorso per le quali è svolta, nell’ambito della prova orale, la prova pratica e ne definisce i criteri di predisposizione da parte delle commissioni giudicatrici e le tempistiche di svolgimento.

Le commissioni giudicatrici procedono alla valutazione dei titoli nei confronti dei soli candidati che avranno superato le prove orali.

Si aggiunge, infine, che il superamento di tutte le prove concorsuali, attraverso il conseguimento dei punteggi minimi indicati nel bando, costituisce abilitazione all’insegnamento per le medesime classi di concorso.

Per informazioni dettagliate si invita a leggere il bando allegato a fine articolo.

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

La domanda di ammissione al concorso deve essere redatta compilando il modello pubblicato sull’apposito spazio informativo presente nella sezione del sito internet dell’USR dedicata alle procedure concorsuali.

L’istanza deve essere inviata entro il 9 febbraio 2023 a mezzo di PEC personale al seguente indirizzo: [email protected] Chi non avesse una casella di posta elettronica certificata può leggere questo articolo, in cui è descritto come attivarla in soli 30 minuti.

I candidati in possesso dei requisiti di ammissione, inclusi quelli richiesti in via transitoria per i posti di insegnante tecnico pratico, devono indicare nella domanda di partecipazione per quali contingenti di posti concorrono. Ciascun candidato può concorrere per una sola classe di concorso, distintamente per la scuola secondaria di primo e di secondo grado, nonché per le distinte e relative procedure sul sostegno.

I concorrenti devono pagare un contributo di segreteria pari a euro 10,00 per ciascuna delle procedure alle quali si candidano.

BANDO

Gli interessati al concorso ordinario per docenti con lingua d’insegnamento slovena e bilingue sloveno – italiano in Friuli Venezia Giulia sono invitati a leggere attentamente il BANDO (Pdf 192 KB), pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale – 4ª Serie speciale «Concorsi ed esami» n. 2 del 10-01-2023 a questa pagina.

ULTERIORI INFORMAZIONI

L’avviso con la data di pubblicazione del calendario della prova scritta e delle relative modalità di svolgimento sarà pubblicato sull’apposita sezione del sito istituzionale dell’USR.

L’elenco delle sedi d’esame, con la loro esatta ubicazione e con l’indicazione della destinazione dei candidati verrà comunicato dall’USR almeno 15 giorni prima della data di svolgimento delle prove tramite avviso pubblicato nel rispettivo albo e sito internet.

La commissione giudicatrice, a seguito degli esiti della prova scritta, di quella orale e della valutazione dei titoli, compilerà le graduatorie di merito regionali distinte per classi di concorso e tipologia di posto. Le graduatorie saranno approvate con decreto del direttore generale dell’USR, verranno trasmesse al sistema informativo del Ministero e saranno pubblicate nell’albo e sul sito internet dell’USR.

COME RESTARE AGGIORNATI

Continuate a seguirci e visitate la nostra sezione dedicata alla scuola e ai docenti. Restate inoltre sempre aggiornati su tutte le novità iscrivendovi alla nostra newsletter gratuita e al canale Telegram.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.



Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti