Concorso Regione Calabria 2022: 113 posti per laureati, Bando

Regione Calabria

La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha indetto il concorso della Regione Calabria 2022 finalizzato alla copertura di complessivi 113 posti di lavoro di personale non dirigenziale – categoria D – in due profili professionali.

Sono previste, infatti, assunzioni a tempo indeterminato e pieno di laureati per i ruoli di istruttore direttivo amministrativo – finanziario e istruttore direttivo tecnico.

È possibile candidarsi entro il 29 dicembre 2022. Di seguito diamo tutte le informazioni utili su selezione pubblica, i requisiti richiesti, come presentare la domanda di ammissione e rendiamo disponibile il bando da scaricare.

CONCORSO REGIONE CALABRIA 2022 PER 113 LAUREATI

Il concorso Ripam 2022 per assunzioni alla Regione Calabria riguarda dunque il reclutamento di nuove risorse nelle seguenti figure professionali:

  • n. 80 istruttori direttivi amministrativi – finanziari (codice 01);
  • n. 33 istruttori direttivi tecnici (codice 02).

I candidati possono presentare domanda per ciascuno dei codici concorso.

Da ultimo, segnaliamo che il 30% dei posti è riservato, per ogni codice concorsuale, a favore dei volontari delle Forze Armate.

REQUISITI GENERALI

Possono partecipare alla selezione pubblica i candidati che possiedono i requisiti generali di seguito riassunti:

  • cittadinanza italiana o di altro Stato membro dell’Unione europea o di altre categorie indicate nel bando;
  • età non inferiore ai 18 anni;
  • idoneità fisica;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • inclusione nell’elettorato politico attivo;
  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento o non essere stati dichiarati decaduti o licenziati da un impiego statale;
  • assenza di condanne penali, passate in giudicato, per reati che comportano l’interdizione dai pubblici uffici;
  • per i candidati di sesso maschile, posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva secondo la vigente normativa italiana.

REQUISITI SPECIFICI

I concorrenti devono possedere, oltre a quanto sopra elencato, anche i seguenti requisiti specifici del profilo per il quale si candidano:


ISTRUTTORI DIRETTIVI AMMINISTRATIVI – FINANZIARI

Uno dei seguenti titoli di studio:

  • laurea (L): L-1 Beni culturali; L-3 Discipline delle arti figurative, della musica, dello spettacolo e della moda; L-5 Filosofia; L-6 Geografia; L-10 Lettere; L-11 Lingue e culture moderne; L-12 Mediazione linguistica; L-14 Scienze dei servizi giuridici; L-16 Scienze dell’amministrazione e dell’organizzazione; L-18 Scienze dell’economia e della gestione aziendale; L-19 Scienze
    dell’educazione e della formazione; L-24 Scienze e tecniche psicologiche; L-33 Scienze economiche; L-36 Scienze politiche e delle relazioni internazionali; L-37 Scienze sociali per la cooperazione, lo sviluppo e la pace; L-39 Servizio sociale; L-40 Sociologia; L-41 Statistica; L-43 Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali, o titoli equiparati secondo la normativa vigente;
  • laurea magistrale (LM): LM-1 Antropologia culturale ed etnologia; LM-2 Archeologia; LM-5 Archivistica e biblioteconomia; LM-10 Conservazione dei beni architettonici e ambientali; LM-11 Conservazione e restauro dei beni culturali; LM-14 Filologia moderna LM-15 Filologia, letterature e storia dell’antichità; LM-16 Finanza; LM-36 Lingue e letterature dell’Africa e dell’Asia; LM-37 Lingue e letterature moderne europee e americane; LM-38 Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione; LM-39 Linguistica; LM-43 Metodologie informatiche per le discipline umanistiche; LM-45 Musicologia e beni culturali; LM-50 Programmazione e gestione dei servizi educativi; LM-51 Psicologia; LM-52 Relazioni internazionali; LM-56 Scienze dell’economia; LM-57 Scienze dell’educazione degli adulti e della formazione continua LM-62 Scienze della politica; LM-63 Scienze delle pubbliche amministrazioni; LM-64 Scienze delle religioni; LM-65 Scienze dello spettacolo e produzione multimediale; LM-76 Scienze economiche per l’ambiente e la cultura; LM-77 Scienze economico-aziendali; LM-78 Scienze filosofiche; LM-80 Scienze geografiche; LM-81 Scienze per la cooperazione allo sviluppo; LM-82 Scienze statistiche; LM-83 Scienze statistiche attuariali e finanziarie; LM-84 Scienze storiche; LM-85 Scienze pedagogiche; LM-87 Servizio sociale e politiche sociali; LM-89 Storia dell’arte; LM-88 Sociologia e ricerca sociale; LM-90 Studi europei; LM-93 Teorie e metodologie dell’e-learning e della media education; LM-94 Traduzione specialistica e interpretariato; LMG/01 Giurisprudenza, o titoli equiparati secondo la normativa vigente.

ISTRUTTORI DIRETTIVI TECNICI

Uno dei seguenti titoli di studio:

  • laurea (L): L-2 Biotecnologie; L-7 Ingegneria civile e ambientale; L-9 Ingegneria industriale L-17 Scienze dell’architettura; L-21 Scienze della pianificazione territoriale, urbanistica, paesaggistica e ambientale; L-23 Scienze e tecniche dell’edilizia; L-25 Scienze e tecnologie agrarie e forestali; L-26 Scienze e tecnologie agro-alimentari L-27 Scienze e tecnologie
    chimiche; L-29 Lauree in scienze e tecnologie farmaceutiche; L-32 Scienze e tecnologie per l’ambiente e la natura; L-34 Lauree in scienze geologiche; L-43 Tecnologie per la conservazione e il restauro dei beni culturali, o titoli equiparati secondo la normativa vigente;
  • laurea magistrale (LM): LM-3 Architettura del paesaggio; LM-4 Architettura ingegneria edile-architettura; LM-7 Biotecnologie agrarie; LM-8 Biotecnologie industriali LM-9 Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche; LM-10 Conservazione dei beni architettonici e ambientali; LM-11 Conservazione e restauro dei beni culturali; LM-13 Farmacia e farmacia industriale; LM-21 Ingegneria biomedica; LM-22 Ingegneria chimica; LM-23 Ingegneria civile; LM-24 Ingegneria dei sistemi edilizi; LM-25 Ingegneria dell’automazione; LM-26 Ingegneria della sicurezza; LM-27 Ingegneria delle telecomunicazioni; LM-28 Ingegneria elettrica; LM-29 Ingegneria elettronica; LM-30 Ingegneria energetica e nucleare; LM-31 Ingegneria gestionale; LM-33 Ingegneria meccanica LM-35 Ingegneria per l’ambiente ed il territorio; LM-48 Pianificazione territoriale, urbanistica e ambientale; LM-54 Scienze chimiche; LM-69 Scienze e tecnologie agrarie; LM-71 Scienze e tecnologie della chimica industriale LM-73 Scienze e tecnologie forestali ed ambientali; LM-74 Scienze e tecnologie geologiche; LM-75 Scienze e tecnologie per l’ambiente e il territorio; LM-79 Scienze geofisiche; LM-86 Scienze zootecniche e tecnologie animali, o titoli equiparati secondo la normativa vigente.

SELEZIONE

Per l’espletamento della procedura concorsuale, la Commissione RIPAM, ferme le competenze delle commissioni esaminatrici, si avvarrà anche di Formez PA.

La selezione sarà articolata nelle seguenti fasi:

  • una prova scritta, che si svolgerà esclusivamente mediante l’utilizzo di strumenti informatici e piattaforme digitali, anche in sedi decentrate e anche con più sessioni consecutive non contestuali;
  • una prova orale, riservata ai candidati che avranno superato la prova scritta di cui al punto precedente; la prova orale può essere svolta in videoconferenza, attraverso l’utilizzo di strumenti informatici e digitali;
  • valutazione dei titoli, solo dopo l’espletamento della prova orale con esclusivo riferimento ai candidati risultati idonei alla prova e sulla base delle dichiarazioni rese dagli stessi nella domanda di partecipazione.

Precisiamo che ciascuna delle tre fasi sopra indicate sarà distinta per i codici concorso.

PROVA SCRITTA

Consisterà in un test di 40 quesiti a risposta multipla da risolvere in 60 minuti e sarà strutturata come segue:

  • n. 25 quesiti finalizzati a verificare le conoscenze rilevanti afferenti alle materie specifiche di ciascun profilo professionale messo a concorso;
  • n. 8 quesiti tesi a verificare la capacità logico-deduttiva e di ragionamento critico-verbale;
  • n. 7 quesiti situazionali relativi a problematiche organizzative e gestionali ricadenti nell’ambito degli studi sul comportamento organizzativo. I quesiti descriveranno situazioni di lavoro, rispetto alle quali si intende valutare la capacità di giudizio dei candidati, chiedendo loro di decidere, tra alternative predefinite di possibili corsi d’azione, quale ritengano più adeguata.

Si specifica che non è prevista la pubblicazione della banca dati dei quesiti prima dello svolgimento della prova.

La prova si intende superata al raggiungimento del punteggio minimo di 21/30.


PROVA ORALE

Consisterà in un colloquio interdisciplinare diretto ad accertare la preparazione e la capacità professionale dei candidati nelle materie della prova scritta.

In sede di prova orale saranno inoltre verificate:

  • conoscenza della lingua inglese, attraverso una conversazione che accerti il livello di competenze linguistiche di livello almeno A2 del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue;
  • conoscenza e uso delle tecnologiche informatiche e delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione, nonché delle competenze digitali.

La prova si intenderà superata se verrà raggiunto il punteggio minimo di 21/30.


Le materie oggetto d’esame e altri dettagli sulla procedura sono riportati nel bando disponibile al termine dell’articolo.

DOMANDA DI AMMISSIONE

La domanda di ammissione al concorso dovrà essere presentata entro il 29 dicembre 2022 esclusivamente con modalità telematica, autenticandosi con SPID / CIE / CNE / eIDAS, compilando il format di candidatura sul portale «inPA», previa registrazione sullo stesso portale.

Per la partecipazione al concorso, i candidati devono possedere un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) personale o un domicilio digitale. Se privi di indirizzo PEC, possono attivarne uno in soli 30 minuti, le informazioni in questo articolo.

Infine, è richiesto il versamento della quota di partecipazione di euro 10,00 che, nel caso in cui ci si candidi per entrambi i codici concorso, dovrà essere effettuato per ciascuno dei codici concorsuali.

Ulteriori dettagli nel bando sotto allegato.

BANDO

Gli interessati al concorso della Regione Calabria 2022 per assunzioni di laureati sono invitati a leggere attentamente il BANDO (Pdf 254 KB), pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale serie concorsi ed esami n. 94 del 29-11-2022 a questa pagina.

SUCCESSIVE COMUNICAZIONI

Ogni comunicazione sulla procedura concorsuale, inclusi il calendario della prova scritta, della prova orale e i relativi esiti, sarà effettuata attraverso il portale «inPA» e/o su questo sito.

Le graduatorie finali di merito, per ciascun codice concorso, saranno validate dalla Commissione RIPAM e trasmesse all’amministrazione interessata. Le predette graduatorie saranno pubblicate sui siti internet sopra indicati e sul sito istituzionale dell’amministrazione interessata.  L’avviso relativo all’avvenuta validazione e alla pubblicazione delle predette graduatorie sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana – 4ª Serie speciale «Concorsi ed esami».

ALTRI CONCORSI E COME RESTARE AGGIORNATI

Per conoscere gli altri concorsi pubblici per laureati visitate la sezione dedicata. Vi invitiamo, inoltre, a iscrivervi alla nostra newsletter gratuita e al canale Telegram per restare sempre aggiornati sulle ultime novità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.



Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti