Imprese: 504mila assunzioni a Gennaio 2023

Ecco quali aziende assumono, quali sono i profili più cercati e dove saranno creati posti di lavoro in base al bollettino Excelsior di Unioncamere e ANPAL di gennaio 2023

lavoro, occupazione, imprese, assunzioni, ufficio

Sono 504.000 i lavoratori ricercati dalle imprese a gennaio 2023 e 1,3 milioni per il primo trimestre dell’anno.

Il bollettino del Sistema informativo Excelsior di Unioncamere e ANPAL, pubblicato il 3 gennaio 2023, mostra una domanda di lavoro prevista ad inizio d’anno che si colloca sopra i livelli pre Covid e segna un +14,0% (+62.000 assunzioni) rispetto a gennaio 2019. A guidare la domanda di lavoro il manifatturiero con un incremento su base annua del 17,8% (+19.000 assunzioni).

Vediamo insieme quali sono i dati inerenti al mercato del lavoro raccolti dal Bollettino Excelsior e quali sono le proiezioni relative a gennaio 2023 con riguardo ai diversi settori aziendali italiani.

IN CRESCITA LE ASSUNZIONI A GENNAIO 2023

Nelle imprese, le assunzioni previste a gennaio 2023 sono in crescita rispetto al 2022 e ai livelli pre Covid. Dal bollettino mensile del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Anpal, risulta, ovvero, che sono 504.000 i lavoratori ricercati dalle imprese a gennaio e 1,3 milioni per il primo trimestre dell’anno. Parliamo di ben 46.000 assunzioni in più rispetto a gennaio 2022 (+10,1%) e +149.000 assunzioni (+12,9%) prendendo come riferimento l’intero trimestre. La domanda di lavoro prevista ad inizio d’anno si colloca sopra i livelli pre Covid e segna un +14,0% (+62.000 assunzioni) rispetto a gennaio 2019.

PER LE IMPRESE È DIFFICILE TROVARE PERSONALE

Secondo il bollettino Excelsior cresce il numero delle imprese che dichiarano difficoltà di reperimento. Tale difficoltà riguarda 230.000 assunzioni, cioè il 46,5% del totale (+7 punti percentuali rispetto a un anno fa dove si attestava al 38,6%). La mancanza di candidati è la motivazione maggiormente indicata dalle imprese (27,8%), seguita dalla preparazione inadeguata (13,5%) e da altri motivi (4,3%).

In termini di assunzioni per le imprese a gennaio 2023, quindi, le maggiori difficoltà di reperimento di manodopera si incontrano nelle:

  • costruzioni;

  • aziende e industrie del legno e del mobile;

  • aziende e industrie metallurgiche e dei prodotti in metallo;

  • industrie della meccatronica;

  • servizi informatici e delle telecomunicazioni.

A livello territoriale ad incontrare le maggiori difficoltà di reperimento sono le imprese delle regioni del Nord Est dove è difficile da reperire il 51,1% delle figure ricercate, una quota di circa 10 punti percentuali superiore a quella rilevata per il Sud e Isole (42,5%). Invece, la difficoltà di reperimento è pari al 45,4% nel Nord Ovest e al 42,4% nel Centro.

I PROFILI PIÙ DIFFICILI DA REPERIRE A GENNAIO 2023

Tra i profili più difficili da reperire per le imprese per le assunzioni a gennaio 2023, il Borsino delle Professioni (lo strumento online per la verifica dell’andamento delle professioni), evidenzia la richiesta, tra le professioni low skills, di:

  • operai addetti a macchinari dell’industria tessile, delle confezioni e assimilati (64,9%);
  • operai di macchine automatiche e semiautomatiche per lavorazioni metalliche e per prodotti minerali (58,4%);
  • conduttori di veicoli a motore (56,7%).

Tra le professioni high skills sono difficili da reperire:

  • 70,2% di specialisti nelle scienze della vita;
  • 63,9% di tecnici della gestione dei processi produttivi di beni e servizi;
  • 62,8% di tecnici della salute;
  • 59,7% di tecnici in campo ingegneristico;
  • 58,1% di tecnici informatici, telematici e delle telecomunicazioni.

Si segnala la difficoltà a recepire il 66,1% dei dirigenti e, inoltre, il 61,9% degli operai specializzati, in particolare:

  • 70,3% per artigiani e operai specializzati addetti alle rifiniture delle costruzioni;
  • 67,9% per meccanici artigianali, montatori, riparatori e manutentori di macchine fisse e mobili;
  • 66,5% per fonditori, saldatori, lattonieri, calderai, montatori carpenteria metallica e professioni simili.

Difficili da reperire, invece, il 51,6% del personale per le professioni tecniche e il 49% dei conduttori di impianti e operai di macchinari fissi e mobili.

I SETTORI CHE CERCANO PIÙ LAVORATORI A GENNAIO 2023

Il bollettino evidenzia anche le assunzioni nelle imprese a gennaio 2023 divise per settori. Nel mese di gennaio 2023, a guidare la domanda di lavoro è il manifatturiero con un incremento su base annua del 17,8% (+19.000 assunzioni) Seguono turismo (+10.000 unità, pari al +21,0%), servizi operativi di supporto a imprese e persone (+7.000, pari al +17,7%) e servizi alle persone (+7.000, pari al +12,9%). Nel dettaglio, il settore dei servizi assumerà in totale 329.880 lavoratori (+22.710 rispetto a gennaio 2022). In particolare, dal Bollettino risultano:

  • 148.600 assunzioni programmate per i servizi alle imprese (+6.870 rispetto a gennaio 2022);

  • 63.550 assunzioni programmate per i servizi alle persone (+7.260 rispetto a gennaio 2022);

  • 60.100 assunzioni programmate nel commercio (-1.430 rispetto a gennaio 2022);

  • 57.630 assunzioni programmate per i servizi di alloggio, ristorazione e servizi turistici (+10.000 rispetto a gennaio 2022).

L’industria ricerca a gennaio 173.790 lavoratori, ben 23.310 in più rispetto a gennaio 2022. In particolare, per l’industria sono alla ricerca di personale le imprese delle costruzioni (51.000 assunzioni), seguite dalle imprese della meccatronica con 34.000 entrate e da quelle metallurgiche e dei prodotti in metallo che ne programmano 27.000. Nel dettaglio:

  • 123.340 da impiegare nel manifatturiero e Public Utilities (+123.340 rispetto a gennaio 2022);

  • 50.460 nelle costruzioni (+4.660 rispetto a gennaio 2022).

I PROFILI PIÙ RICERCATI A GENNAIO 2023

In merito alle assunzioni nelle imprese a gennaio 2023, tra i profili più ricercati secondo i dati Unioncamere e ANPAL, vi sono:

  • professioni qualificate nelle attività commerciali e nei servizi per cui si prevedono 97.900 assunzioni a gennaio 2023. Tra essi vi sono addetti alle vendite, addetti nelle attività di ristorazione, professioni qualificate nei servizi sanitari e sociali, operatori della cura estetica. Poi, professioni qualificate nei servizi personali e assimilati o nei servizi di sicurezza, vigilanza e custodia;

  • le professioni tecniche per cui ci saranno 86.020 assunzioni a gennaio 2023. Tra tali profili spiccano tecnici informatici, telematici e delle telecomunicazioni, in campo ingegneristico, della gestione dei processi produttivi di beni e servizi e della salute. Poi anche tecnici dell’organizzazione e dell’amministrazione delle attività produttive, delle attività finanziarie e assicurative, dei rapporti con i mercati, della distribuzione commerciale e professioni assimilate. Inoltre, insegnanti nella formazione professionale, istruttori, allenatori, atleti e professioni simili;

  • operai specializzati per cui a gennaio 2023 si prevedono 84.410 assunzioni. Tra questi profili spiccano: artigiani e operai specializzati delle costruzioni e nel mantenimento di strutture edili, addetti alle rifiniture delle costruzioni, fonditori, saldatori, lattonieri, calderai, montatori carpenteria. Ma anche fabbri, ferrai, costruttori di utensili e assimilati, meccanici artigianali, montatori, riparatori e manutentori di macchine fisse e mobili. Ricercati anche artigiani e operai specializzati delle lavorazioni alimentari, attrezzisti, operai e artigiani del trattamento del legno e assimilati, del tessile e dell’abbigliamento e specialisti del cuoio, delle pelli e delle calzature;

  • conduttori d’impianti e operai di macchinari fissi e mobili per cui a gennaio 2023 si prevedono 75.490 assunzioni. I profili più ricercati sono: operai di macchine automatiche e semiautomatiche per lavorazioni metalliche e per prodotti minerali, conduttori di macchinari per la fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche. Ricercati anche operai addetti a macchinari dell’industria tessile, delle confezioni e assimilati, addetti all’assemblaggio di prodotti industriali, a macchine confezionatrici di prodotti industriali e conduttori di veicoli a motore. Molto richiesti anche i conduttori di macchine movimento terra, sollevamento e maneggio dei materiali;

  • professioni non qualificate, per cui si prevedono 71.610 assunzioni a gennaio. Tra essi vi sono addetti allo spostamento e alla consegna merci, addetti nei servizi di pulizia, nonché di custodia di edifici, attrezzature e beni;

  • impiegati per cui a gennaio si prevedono 45.880 assunzioni. I profili più ricercati sono: impiegati addetti alla segreteria e agli affari generali, addetti all’accoglienza e all’informazione della clientela. Poi anche gli addetti alla gestione amministrativa della logistica, alla gestione economica, contabile e finanziaria;

  • professioni intellettuali, scientifiche e di elevata specializzazione per cui sono previste a gennaio 2023, 40.540 assunzioni. I profili maggiormente richiesti sono: specialisti in scienze matematiche, informatiche, chimiche, fisiche e naturali. Ma anche, ingegneri e professioni assimilate, specialisti delle scienze gestionali, commerciali e bancarie. Molto richiesti anche gli specialisti in discipline artistico espressive o dell’educazione e della formazione;

  • dirigenti per cui sono previste a gennaio 2023, 1.840 assunzioni.

QUALI SONO LE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI A GENNAIO 2023?

Per quanto riguarda i giovani fino a 29 anni d’età, le professioni con maggior difficoltà di reperimento a gennaio 2023 sono:

  • 88% per i farmacisti, biologi e altri specialisti delle scienze della vita: previste 1.180 assunzioni, di cui 1.040 di difficile reperimento;

  • 74% per gli operai specializzati nell’edilizia e nella manutenzione degli edifici: previste 8.070 assunzioni, di cui 5.970 di difficile reperimento;

  • 63% per gli operai specializzati e conduttori di impianti nelle industrie tessili, abbigliamento calzature: previste 1.590 assunzioni, di cui 1.010 di difficile reperimento;

  • 63% per gli operai nelle attività metalmeccaniche ed elettromeccaniche: previste 12.870 assunzioni, di cui 8.140 di difficile reperimento;

  • 62% per gli operai nelle attività metalmeccaniche richiesti in altri settori: previste 8.270 assunzioni, di cui 5.160 di difficile reperimento;

  • 61% per i tecnici dei servizi turistici, culturali e per la sicurezza: previste 1.490 assunzioni, di cui 910 di difficile reperimento;

  • 59% per i tecnici in campo informatico, ingegneristico e della produzione: previste 10.590 assunzioni, di cui 6.250 di difficile reperimento.

ASSUNZIONI GENNAIO 2023: I TIPI DI CONTRATTI PIÙ DIFFUSI

Per le assunzioni a gennaio, l’analisi di Unioncamere e ANPAL mostra una prevalenza di contratti a tempo determinato. I contratti a tempo determinato sono 208.000 unità, pari al 41,3% del totale. Seguono:

  • 122.000 contratti a tempo indeterminato, 24,3%;

  • 74.000 contratti in somministrazione, 14,7%;

  • 44.000 contratti non alle dipendenze, 8,8%;

  • 25.000 contratti di apprendistato, 5%;

  • 19.000 contratti di collaborazione, 3,7%;

  • 10.000 altre forme contrattuali alle dipendenze, 2,1%.

LE REGIONI CHE ASSUMONO DI PIÙ A GENNAIO 2023

Stando ai dati del Bollettino Excelsior, le Regioni che faranno il maggior numero di assunzioni a gennaio 2023 sono:

  • LOMBARDIA: 120.820 assunzioni;
  • VENETO: 50.670 assunzioni;
  • LAZIO: 49.970 assunzioni;
  • EMILIA ROMAGNA: 49.110 assunzioni;
  • PIEMONTE: 37.340 assunzioni;
  • CAMPANIA: 32.360 assunzioni;
  • TOSCANA: 31.140 assunzioni;
  • SICILIA: 23.330 assunzioni;
  • PUGLIA: 22.390 assunzioni;
  • MARCHE: 13.380 assunzioni;
  • LIGURIA: 11.990 assunzioni;
  • TRENTINO ALTO ADIGE: 11.840 assunzioni;
  • FRIULI VENEZIA GIULIA: 10.920 assunzioni;
  • ABRUZZO: 10.270 assunzioni;
  • SARDEGNA: 9.030 assunzioni;
  • CALABRIA: 7.120 assunzioni;
  • UMBRIA: 6.250 assunzioni;
  • BASILICATA: 2.940 assunzioni;
  • MOLISE: 1.700 assunzioni;
  • VALLE D’AOSTA: 1.100 assunzioni.

In totale, nel Nord Ovest a gennaio 2023 ci saranno 171.250 assunzioni, a fronte delle 122.540 del Nord Est. Poi, per il Centro Italia, invece, sono previste 100.740 assunzioni e 109.130 per il Sud e le Isole.

QUALI TITOLI DI STUDIO OFFRONO MAGGIORI SBOCCHI LAVORATIVI A GENNAIO 2023?

Il possesso del Diploma di scuola secondaria o della qualifica professionale superano la laurea come titolo di studio per le assunzioni a gennaio 2023, ma è più facile trovare lavoro senza alcun titolo. Questi i dati nel dettaglio:

  • 33% di assunzioni saranno senza alcun titolo di studio;

  • 30% di assunzioni saranno con il diploma di scuola superiore;

  • 19% di assunzioni saranno con la laurea magistrale o triennale;

  • 17% di assunzioni saranno con una qualifica professionale.

GLI INDIRIZZI DI STUDIO PIÙ RICHIESTI A GENNAIO 2023

In merito al 230% di assunzioni che saranno fatte con il diploma di scuola superiore, gli indirizzi di studio più richiesti a gennaio sono:

  • amministrazione, finanza e marketing;
  • meccanica, meccatronica ed energia;
  • turismo, enogastronomia e ospitalità;
  • trasporti e logistica;
  • sociosanitario.

Invece, in ambito universitario gli indirizzi di studio più richiesti per le assunzioni a gennaio 2023 sono:

  • economia;
  • ingegneria;
  • insegnamento e formazione;
  • ambito sanitario e paramedico;
  • scienze matematiche, fisiche e informatiche.

Le aree professionali più richieste per le assunzioni 2023 a gennaio sono:

  • meccanica;
  • ristorazione;
  • ambito elettrico;
  • trasformazione agroalimentare;
  • indirizzo logistico.

Le assunzioni previste che non richiederanno alcun titolo di studio a gennaio 2023 saranno, invece, in totale 164.300. Sono 5.560 quelle con l’Istruzione tecnica superiore (ITS).

ASSUNZIONI DI LAVORATORI IMMIGRATI: AUMENTANO I CONTRATTI DI LAVORO

Secondo i dati Unioncamere e ANPAL, per le assunzioni delle imprese a gennaio 2023, saranno 91.120 i contratti proposti a lavoratori immigrati (18,1%). I settori in cui si vi sono maggiori assunzioni di lavoratori immigrati sono i servizi:

  • di trasporto, logistica e magazzinaggio;
  • operativi di supporto alle imprese e alle persone;
  • alle persone.

Nuovi impieghi anche nelle industrie:

  • metallurgiche e dei prodotti in metallo;
  • alimentari, delle bevande e del tabacco
  • per le costruzioni;
  • del legno e del mobile.

Si cercano:

  • professioni non qualificate: 29,5%;
  • conduttori di impianti e operai di macchinari fissi e mobili: 24,8%;
  • operai specializzati: 20,3%;
  • professioni qualificate nelle attività commerciali e servizi: 18,1%;
  • professionisti tecniche: 11,3%;
  • impiegati: 8,4%;
  • dirigenti e professioni intellettuali, scientifiche e elevata specializzazione: 6,8%.

DOCUMENTI UTILI E APPROFONDIMENTI

Per avere ulteriori dettagli tecnici sul bollettino del Sistema Informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e ANPAL, si rimanda al testo integrale dell’analisi (Pdf 966 Kb) e alla nota stampa di ANPAL (Pdf 412 Kb). In questa guida, infine, vi mostriamo il bollettino annuale del 2022.

ALTRE INFORMAZIONI E AGGIORNAMENTI

Vi invitiamo a consultare anche la nostra pagina dedicata alle aziende che assumono per scoprire quali sono le imprese che hanno varato nuovi piani di assunzioni e stanno cercando personale. Se volete restare aggiornati è possibile iscriversi gratis alla nostra newsletter e al nostro canale Telegram, per avere le notizie in anteprima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.



Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti