Occupazione Italia 2023: occupati e disoccupati a gennaio

Ecco i dati ISTAT che fotografano la situazione occupazionale in Italia a gennaio 2023, il tasso di occupazione sale al 60,8%

occupati, disoccupati, tasso disoccupazione
adv

Disponibili i dati ISTAT sull’occupazione in Italia relativi a gennaio 2023. Rispetto al mese di dicembre 2022, aumentano occupati e disoccupati mentre diminuiscono gli inattivi.

A gennaio, rispetto a dicembre 2022, il tasso di occupazione sale al 60,8% (+0,1 punti), quello di disoccupazione al 7,9% (+0,1 punti), mentre scende al 33,9% il tasso di inattività (-0,2 punti).

Scopriamo insieme qual è la situazione registrata dall’ISTAT sull’occupazione in Italia nel prima mese del 2023 e cosa emerge dall’analisi del mercato del lavoro. A fine articolo mettiamo a disposizione anche il report ISTAT da scaricare.

adv

OCCUPAZIONE ITALIA, I DATI DI GENNAIO 2023

A gennaio 2023, l’occupazione torna a crescere e si assesta al 60,3% (+0,1 punti). A gennaio 2023 prosegue l’aumento del numero di occupati che arriva a superare 23 milioni e 300.000. Rispetto a gennaio 2022, la crescita (+459.000 unità) caratterizza i dipendenti permanenti e gli autonomi, mentre il numero di dipendenti a termine è inferiore di quasi 50.000 unità.

Ma vediamo i dati più nel dettaglio.

TASSO DI OCCUPAZIONE A GENNAIO 2023

Nel mese di gennaio 2023, l’occupazione cresce rispetto a dicembre 2022 attestandosi al 60,3%. L’occupazione cresce (+0,2%, pari a +35.000) per donne, dipendenti permanenti e per chi ha più di 35 anni. Risultano in calo i dipendenti a termine, gli autonomi e i giovani. Confrontando il trimestre novembre 2022 – gennaio 2023 con quello precedente (agosto-ottobre 2022), si registra un incremento del numero di occupati (+0,5%, pari a +113.000 unità).

La crescita dell’occupazione registrata nel confronto trimestrale si associa alla diminuzione delle persone in cerca di lavoro (-1,0%, pari a -20.000 unità) e degli inattivi (-0,9%, pari a -120.000 unità). Il numero di occupati a gennaio 2023 supera quello di gennaio 2022 del 2% (+459.000 unità). L’aumento coinvolge uomini, donne e tutte le classi d’età, il tasso di occupazione è in aumento di 1,4 punti percentuali.

Vediamo i dati nel dettaglio per fasce d’età:

  • tra i 15 e i 24 anni gli occupati sono 1.156.000 a gennaio 2023, ovvero -19.000 (-1,6%) rispetto a dicembre 2022. Rispetto, invece, a gennaio 2022 l’occupazione è salita di +4,8 punti in percentuale;

  • tra i 25 e i 34 anni gli occupati sono 4.077.000 a gennaio 2023, ovvero -20.000 (-0,5%) rispetto a dicembre 2022. Rispetto, invece, a gennaio 2022 l’occupazione è salita di +1,8 punti in percentuale;

  • tra i 35 e i 49 anni gli occupati sono 8.878.000 a gennaio 2023, ovvero +1.000 (+0,1%) rispetto a dicembre 2022. Rispetto, invece, a gennaio 2022 l’occupazione è salita di +0,1 punti in percentuale;

  • tra i 50 anni e più, gli occupati sono 9.197.000 a gennaio 2023, ovvero +67.000 (+0,7%) rispetto a dicembre 2022. Rispetto, invece, a gennaio 2022 l’occupazione è salita di +3,6 punti in percentuale;

Infine, distinguendo per sesso, il tasso di occupazione di gennaio 2023 è pari a:

  • 69,7 % negli uomini, stabile rispetto a dicembre 2022 e +1,2% rispetto a gennaio 2022;
  • 51,9% per le donne, +0,2% rispetto a dicembre 2022 e +1,6% rispetto a gennaio 2022.

OCCUPAZIONE LAVORO DIPENDENTE E AUTONOMO A GENNAIO 2023

Il numero totale degli occupati a gennaio 2023 è pari a 23.309 (+0,2% rispetto a dicembre 2022 e pari a +113.000 unità rispetto allo scorso trimestre). La crescita congiunturale del numero di occupati, registrata a gennaio 2023, è frutto dell’aumento dei dipendenti permanenti (+0,4%) che si contrappone alla diminuzione dei dipendenti a termine (-0,4%) e degli autonomi (-0,3%). Nell’arco dei 12 mesi, però, l’occupazione i valori sono variabili:

  • +3,1% tra i dipendenti permanenti;
  • -1,5% tra quelli a termine;
  • +0,9% tra gli autonomi.

L’ISTAT riporta i seguenti numeri:

  • il numero dei lavoratori dipendenti è pari a 18.329.000, +52.000 rispetto a dicembre 2022, con un aumento di +417.000 (+2,3%) rispetto a gennaio 2022. I dipendenti permanenti in particolare, sono 15.335.000 (+464.000 rispetto a gennaio 2022) e 2.994.000 (-47.000 rispetto a gennaio 2022) quelli a termine;

  • il numero dei lavoratori indipendenti è pari a 4.980.000, minore di -17.000 (-0,3%) rispetto a dicembre 2022 e con un rialzo di 42.000 (+0,9%) rispetto a gennaio 2022.

TASSO DI DISOCCUPAZIONE GENNAIO 2023

Secondo i dati ISTAT, tra dicembre 2022 e gennaio 2023 la disoccupazione cresce per tutte le classi di età. Il tasso di disoccupazione è pari al 7,9 (+0,1 punti). È necessario fare però una distinzione per fasce d’età:

  • i disoccupati tra i 15 e i 24 anni sono 343.000 a gennaio 2023, ovvero 8.000 in più (+2,3%) rispetto a dicembre 2022. Rispetto, invece, a gennaio 2022 la disoccupazione è scesa di -8,8 punti in percentuale;

  • i disoccupati tra i 25 e i 34 anni sono 540.000 a gennaio 2023, ovvero 14.000 in più (+2,7%) rispetto a dicembre 2022. Rispetto, invece, a gennaio 2022 la disoccupazione è scesa di -4,3 punti in percentuale;

  • i disoccupati tra i 35 e i 49 anni sono 621.000 a gennaio 2023, ovvero 12.000 in più (+1,9%) rispetto a dicembre 2022. Rispetto, invece, a gennaio 2022 la disoccupazione è scesa di -12,8 punti in percentuale;

  • i disoccupati di età compresa tra i 50 anni e più sono 495.000 a gennaio 2023, ovvero 12.000 in più (+1,9%) rispetto a dicembre 2022. Rispetto, invece, a gennaio 2022 la disoccupazione è scesa di +1,1 punti in percentuale;

Infine, distinguendo per sesso il tasso di disoccupazione di gennaio 2023 è pari a:

  • 6,7% negli uomini, stabile in percentuale rispetto a dicembre 2022 e -1% rispetto a gennaio 2022;

  • 9,5% per le donne, +0,3 rispetto a dicembre 2022 e -0,2% rispetto a gennaio 2022.
Tasso di disoccupazione Italia gennaio 2023
Tasso di disoccupazione – Gennaio 2018 – gennaio 2023, valori percentuali, dati destagionalizzati

TASSO DI INATTIVITÀ A GENNAIO 2023

Stando ai dati ISTAT di gennaio 2023, la diminuzione del numero di inattivi tra i 15 e i 64 anni (-0,7%, pari a -83.000 unità) coinvolge uomini, donne e persone con più di 35 anni d’età. Il tasso di inattività scende al 33,9% (-0,2 punti). Rispetto a gennaio 2022, diminuisce sia il numero di persone in cerca di lavoro (-6,7%, pari a -143.000 unità) sia il numero di inattivi tra i 15 e i 64 anni (-3,7%, pari a -478.000). Nel dettaglio:

  • tra i 15 e i 24 anni gli inattivi sono 4.275.000 a gennaio 2023, ovvero 13.000 in più (+0,3%) rispetto a dicembre 2022. Rispetto, invece, a gennaio 2022 l’inattività è scesa di 0,7 in percentuale;

  • tra i 25 e i 34 anni gli inattivi sono 1.529.000 a gennaio 2023, ovvero 6.000 in più (+0,4%) rispetto a dicembre 2022. Rispetto, invece, a gennaio 2022 l’inattività è scesa di 6,1 in percentuale;

  • tra i 35 e i 49 anni gli inattivi sono 2.141.000 a gennaio 2023, ovvero 42.000 in meno (-1,9%) rispetto a dicembre 2022. Rispetto, invece, a gennaio 2022 l’inattività è scesa di 8,9 in percentuale;

  • tra i 50 anni e più, gli inattivi sono 17.920.000 a gennaio 2023, ovvero 42.000 in meno (-0,2%) rispetto a dicembre 2022. Rispetto, invece, a gennaio 2022 l’inattività è scesa di 0,1 in percentuale. In particolare, tra i 50 e i 64 anni gli inattivi sono 4.650.000, ovvero 60.000 in meno, (-1,3%) rispetto a dicembre 2022. Il dato è -3% rispetto a gennaio 2022.

Infine, distinguendo per sesso il tasso di inattività di gennaio 2023 è pari a:

  • 25,2% negli uomini, stabile rispetto a dicembre 2022 e -0,5% rispetto a gennaio 2022;

  • 42,6% per le donne, -0,4% rispetto a dicembre 2022 e -1,7% rispetto a gennaio 2022.
Dati sugli inattivi - Occupazione Italia gennaio 2023
Inattivi 15-64 ANNI – Gennaio 2018 – gennaio 2023, valori assoluti in milioni, dati destagionalizzati
adv

REPORT ISTAT SULL’OCCUPAZIONE IN ITALIA A GENNAIO 2023

Per maggiori informazioni metodologiche e statistiche sull’analisi ISTAT dell’occupazione in Italia a gennaio 2023 vi consigliamo di leggere il report pubblicato dall’Istituto (Pdf 1,04 Mb).

ALTRE INFORMAZIONI E AGGIORNAMENTI

Vi consigliamo di leggere anche il nostro approfondimento sui dati ISTAT sull’occupazione di dicembre 2022 e quello sui dati trimestrali relativi al mercato del lavoro di marzo 2023. Per avere altre informazioni statistiche e previsionali sul mercato del lavoro vi consigliamo di leggere questo articolo sul Bollettino Excelsior realizzato da ANPAL e UnionCamere relativo a febbraio 2023. In questo focus infine, trovate le informazioni del Bollettino relative a tutto il 2022.

Vi invitiamo a consultare anche la nostra pagina dedicata alle aziende che assumono per scoprire quali sono le imprese che hanno varato nuovi piani di assunzioni e stanno cercando personale. Se volete restare aggiornati è possibile iscriversi gratis alla nostra newsletter e al nostro canale Telegram, per avere le notizie in anteprima.

di Valeria C.
Giornalista, esperta di leggi, politica e lavoro pubblico.
© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.

Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita e al nostro Canale Telegram. Seguici su Google News cliccando su "segui".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *