Concorsi Ministero dell’agricoltura 2023 per 400 assunzioni

Ministero agricoltura
Photo credit: Tupungato / Shutterstock.com

In arrivo circa 400 nuove assunzioni a tempo indeterminato presso il Ministero dell’agricoltura, anche tramite nuovi concorsi pubblici.

La Legge di Bilancio 2023 autorizza l’ente a reclutare 300 risorse, mentre altri 98 posti di lavoro potranno essere coperti grazie al decreto assunzioni PA. Il reclutamento potrà avvenire anche tramite nuovi bandi di concorso.

Ecco tutte le informazioni sugli inserimenti previsti, che rientrano tra i prossimi concorsi in arrivo.

MINISTERO AGRICOLTURA CONCORSI 2023

L’art. 1, comma 452 della Legge di Bilancio 2023 autorizza, infatti, il Ministero dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste (MASAF) ad assumere nuovo personale. Nello specifico, l’ente potrà reclutare 300 unità di personale, in aggiunta alle vigenti facoltà assunzionali. I nuovi posti di lavoro nel Ministero dell’agricoltura saranno coperti mediante contratti a tempo indeterminato e determineranno un incremento di 263 posti della dotazione organica.

In aggiunta a questo reclutamento, il nuovo decreto assunzioni PA approvato dal Governo autorizza assunzioni straordinarie nel MASAF, dunque aggiuntive rispetto alle facoltà assunzionali dell’ente stabilite dalla normativa vigente. Nello specifico, sono 98 inserimenti, di cui 90 nel personale non dirigenziale e 8 nel personale dirigenziale. Il reclutamento di queste ulteriori figure rientra tra le misure per il rafforzamento della capacità amministrativa delle amministrazioni centrali introdotte dal DL, che prevede nuovi inserimenti di personale e incrementi delle dotazioni organiche a favore di diversi Ministeri ed enti pubblici, come vi spieghiamo in questo approfondimento.

Vediamo nel dettaglio quali sono le figure da assumere e come saranno reclutate.

FIGURE DA ASSUMERE

Nel dettaglio, i concorsi MASAF e le assunzioni autorizzate sono rivolti alle seguenti figure:

  • 300 funzionari ICQRF, da impiegare per le attività di contrasto alle pratiche commerciali sleali nell’ambito della filiera agroalimentare e di controllo a tutela della qualità dei prodotti agroalimentari e della reputazione del made in Italy, svolte dal Dipartimento dell’Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari (ICQRF);

  • 60 funzionari del Ministero dell’agricoltura;

  • 30 assistenti;

  • 8 dirigenti, di cui 2 di prima fascia e 6 di seconda fascia.

I nuovi assunti saranno inquadrati nell’Area dei funzionari e nell’Area degli assistenti del nuovo sistema di classificazione professionale del personale introdotto dal CCNL 2019-2021 Comparto Funzioni Centrali. Dunque le assunzioni e i concorsi Ministero dell’agricoltura in arrivo saranno rivolti a diplomati e laureati.

MODALITÀ DI RECLUTAMENTO

Per il reclutamento del contingente di personale autorizzato potranno essere banditi nuovi concorsi MASAF. Per le procedure concorsuali il Ministero dell’agricoltura potrà avvalersi della Commissione per l’attuazione del progetto di riqualificazione delle pubbliche amministrazioni (RIPAM). Inoltre, l’ente potrà utilizzare lo scorrimento delle graduatorie di concorsi pubblici già espletati o procedure di passaggio diretto di personale tra amministrazioni diverse.

Per quanto riguarda i posti autorizzati dal decreto assunzioni PA, come per gli altri Ministeri ed enti autorizzati ad assumere nuovo personale, il Ministero dell’agricoltura potrà reclutare le nuove risorse anche senza il previo ricorso a procedure di mobilità.

DOVE VEDERE I BANDI

I nuovi bandi di concorso del Ministero dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste saranno consultabili sulla pagina dedicata ai concorsi del portale web del MASAF e sulla piattaforma inPA, il nuovo portale per il reclutamento nella Pubblica Amministrazione.

Vi terremo aggiornati sui concorsi in arrivo. Continuate a seguirci per essere avvisati appena usciranno i bandi, iscrivendovi alla nostra newsletter e al nostro canale Telegram.

IL MASAF

Il Ministero dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste (MASAF) è un dicastero del Governo italiano che si occupa della politica agricola, dell’agroalimentare, della pesca, dell’acquacoltura, delle foreste, dei boschi vetusti, degli alberi monumentali, della fauna, dell’ippica, delle frodi alimentari, della sicurezza alimentare, delle funzioni e dei compiti statali spettanti in materia di agricoltura e foreste, caccia, alimentazione, pesca, produzione e prima trasformazione dei prodotti agricoli. Istituito nel 1946, è stato sottoposto più volte a riforme organizzative. Per svolgere le proprie attività, il MISAF si avvale di altri Enti collegati: l’Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura (AGEA); il Consiglio per la Ricerca in agricoltura e l’analisi dell’Economia Agraria (CREA); l’Istituto di Servizi per Mercato Agricolo alimentare (ISMEA); l’Ente Nazionale Risi, Borsa Merci Telematica Italiana (BMTI).

L’ICQRF

Come riportato nel dossier della Camera sul testo della manovra, l’Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari è uno dei maggiori organismi europei di controllo dell’agroalimentare. L’ICQRF è presente con 29 uffici sul territorio nazionale e, attualmente, ha una dotazione organica consta che di 37 unità dirigenziali di prima e seconda fascia. Svolge vari compiti tra cui la prevenzione e repressione delle frodi nel commercio dei prodotti agroalimentari e dei mezzi tecnici di produzione per l’agricoltura e la vigilanza sugli organismi di controllo e certificazione DOP, IGP, Bio. Svolge anche controlli sul web per tutelare le produzioni di qualità italiane.

ALTRI CONCORSI PUBBLICI

Visitate la nostra pagina riservata ai concorsi pubblici, per scoprire tutte le selezioni pubbliche attive, e la sezione dedicata ai prossimi concorsi in uscita, per essere informati su tutti i nuovi bandi in arrivo.

di Angela V.
Redattrice, esperta di lavoro pubblico e privato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.

Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita e al nostro Canale Telegram. Seguici su Google News cliccando su "segui".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *