Come diventare nutrizionista

Asl Dottore

Sogni una carriera nel mondo del benessere e dell’alimentazione e vuoi sapere come diventare nutrizionista?

Oggi ti spieghiamo quali conoscenze occorrono e quale formazione intraprendere per svolgere questa professione, senza dubbio affascinante e molto richiesta nella nostra società. 

Ecco una utile guida con tutte le informazioni su come diventare nutrizionista e sui possibili sbocchi nel mondo del lavoro.

LA PROFESSIONE DEL NUTRIZIONISTA

Chiariamo fin da subito che il termine nutrizionista è generico e non trova corrispondenza in una specifica figura professionale. Con tale termine, si indica lo specialista dell’alimentazione umana di diversa estrazione professionale medica e non, che a diverso titolo opera nel campo dell’alimentazione (Consiglio Superiore di Sanità, parere 15/12/2009).

Pertanto, la professione di Nutrizionista, intesa come elaborazione/determinazione/prescrizione di diete, in Italia secondo la normativa vigente è permesso ai Biologi, ai Dietisti, ai Medici con specifici ambiti di autonomia. La diagnosi è esclusiva del medico. Il dietista può elaborare in autonomia le diete, sulla base della prescrizione medica (art. 1, comma 2, lett. c D. M. n. 744/1994 e art. 3 Legge 251/2000). Il biologo può elaborare e determinare diete sia nei confronti di persone sane sia di persone alle quali è stata diagnosticata una patologia, solo dopo l’accertamento delle condizioni fisio-patologiche svolte dal medico chirurgo (Consiglio Superiore di Sanità, parere 12/04/2011).

PERCORSO FORMATIVO

Come si diventa nutrizionista? Nel nostro Paese non esiste un percorso formativo specifico che conferisce detto titolo. Pertanto, si diventa nutrizionisti conseguendo una laurea che consenta di maturare delle conoscenze in ambito di alimentazione e nutrizione, ma ciò non basta per essere abilitati ad elaborare diete.

Come vedremo più avanti, il professionista che consegue un titolo immediatamente abilitante all’esercizio professionale in materia di elaborazione diete è il dietista.

Ricordiamo che l’attività di elaborazione delle diete da parte dei professionisti competenti deve avvenire sempre previa prescrizione del medico che è colui che può, ovviamente, prescrivere diete sia a soggetti sani che malati (CSS pareri 15/12/ 2009 – 12/04/2011; Trib. Roma, sent. n. 3527/2011). Tale attività del medico consiste nell’individuare la necessità di una dieta che avviene attraverso la diagnosi.

COME DIVENTARE BIOLOGO NUTRIZIONISTA

Per diventare biologo nutrizionista, occorre la laurea magistrale in Biologia e l’iscrizione all’Ordine nazionale dei Biologi (Sez. A). L’iscrizione all’Ordine dei Biologi nella Sez. A, che si ottiene dopo il superamento di un esame di stato, conferisce, infatti, il titolo giuridico a svolgere la professione di biologo nutrizionista (art. 3 della Legge 396/67 individua l’oggetto della professione di biologo, tra cui quella del nutrizionista).

Recentemente sono stati istituiti in molte università italiane dei corsi di laurea magistrale in Scienza della nutrizione (classe LM 61). Con questa laurea, è successivamente possibile sostenere l’esame di abilitazione per ottenere l’iscrizione all’Ordine nazionale dei biologi (Sezione A).

Come indicato sul sito web dell’Ordine Nazione Biologi (sezione FAQ Biologo nutrizionista), per diventare biologo nutrizionista, non è necessario il possesso della specializzazione in Scienze dell’Alimentazione. Quest’ultima, conseguita dopo la laurea, è un titolo culturale che consente di svolgere con più competenza la professione.

Essere in possesso della specializzazione in Scienze dell’Alimentazione e non essere iscritti all’Ordine Nazionale dei Biologi, di conseguenza, non consente di svolgere attività professionale di Biologo nutrizionista.

Ai fini dell’esercizio della professione, il Consiglio Superiore di Sanità “ritiene che sia preferibile che il biologo, per esercitare l’attività di nutrizionista in ambito privato, abbia conseguito il diploma di specializzazione universitaria in Scienza dell’Alimentazione” (parere 12 aprile 2011).

Cosa fa il biologo nutrizionista? Il biologo nutrizionista può elaborare e determinare diete sia nei confronti di soggetti sani sia di soggetti di cui è stata diagnosticata una patologia, solo previo accertamento delle condizioni fisio-patologiche effettuate dal medico chirurgo. Può autonomamente elaborare profili nutrizionali al fine di proporre alla persona che ne fa richiesta un miglioramento del proprio benessere, quale orientamento nutrizionale, finalizzato al miglioramento dello stato di salute.

Il biologo nutrizionista, è bene ricordarlo, non può fare diagnosi, prescrivere farmaci e analisi.

COME DIVENTARE DIETISTA

Per diventare dietista occorre la laurea triennale in Dietistica (classe L/SNT/3). L’accesso al corso è a numero programmato con esame selettivo di ammissione.

La prova finale della laurea in Dietistica, come già anticipato, ha valore di esame di stato ed è immediatamente abilitante all’esercizio professionale e consente di per sé al dietista di elaborare diete nei confronti di persone sane e malate.

Cosa fa il dietista? Il dietista è un nutrizionista in quanto è competente in generale in materia di nutrizione e ha altresì la specifica competenza in materia di elaborazione delle diete. Egli infatti elabora, formula ed attua le diete prescritte dal medico e ne controlla l’accettabilità da parte del paziente (Decreto Ministeriale n. 744/1994).

SBOCCHI OCCUPAZIONALI

Dove lavora lo specialista della nutrizione? Può esercitare la professione presso il proprio studio, quindi in totale autonomia, come libero professionista. Oppure può lavorare presso centri fitness, palestre, centri termali dove è chiamato a valutare lo stato di nutrizione più consono alle caratteristiche fisiche e psichiche dell’individuo sottoposto a stress, con particolare riguardo all’attività fisica ed agonistica. E ancora, presso le aziende pubbliche e private dove può trovare collocazione sia nell’ambito della ricerca e sviluppo, nel controllo di qualità e nella verifica dell’igiene degli alimenti. Il dietista può inoltre svolgere attività didattico – educative legate alle tematiche dell’alimentazione nonché occuparsi dell’insegnamento universitario delle ‘scienze e tecniche dietetiche applicate’.

STIPENDIO

Quanto si può guadagnare? Lo stipendio del nutrizionista varia in funzione del luogo di lavoro presso il quale è impegnato e dalle capacità di acquisizione di nuovi clienti nel caso della libera professione. La stima dello stipendio medio in Italia varia da 800 Euro, per chi è all’inizio della carriera, a 2.500 Euro per i professionisti con esperienza. 

ULTERIORI INFORMAZIONI

Speriamo che la nostra guida su come diventare nutrizionista vi sia stata utile. Per maggiori informazioni sulla figura professionale del nutrizionista biologo, vi segnaliamo questa pagina web FAQ – Biologo Nutrizionista sul portale www.onb.it. Se, invece, desiderate conoscere maggiori dettagli sulla profilo professionale del dietista vi consigliamo di consultare questa pagina web dell’Associazione Nazionale Dietisti.


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments