Poste Italiane: torna il requisito del voto per i Portalettere

poste italiane postini
Photo credit: Massimo Todaro / Shutterstock

Poste Italiane fa di nuovo dietrofront e reintroduce il requisito del voto per candidarsi come Portalettere.

Dopo aver eliminato la richiesta di una votazione minima relativa al diploma o alla laurea per le candidature al ruolo di addetti al recapito lo scorso Febbraio, la società ha deciso di utilizzare nuovamente questo criterio per le selezioni dei Postini a partire da Marzo 2024.

Dunque, per candidarsi alle offerte di lavoro per Portalettere in Poste Italiane, occorre nuovamente aver conseguito un diploma con voto minimo di 70/100 oppure una laurea con voto minimo di 102/110.

Vediamo nel dettaglio le ultime novità sui requisiti per le assunzioni di Postini in Poste Italiane.

TORNA IL REQUISITO DEL VOTO MINIMO PER I PORTALETTERE POSTE ITALIANE

A partire da Marzo 2024 Poste Italiane ha deciso di introdurre nuovamente la richiesta di una votazione minima per partecipare alle selezioni per lavorare come Portalettere.

Si tratta dell’ennesima volta in cui l’azienda torna sui propri passi, rispetto al requisito del voto di diploma o laurea per i Postini, negli ultimi due anni.

Il Gruppo, infatti, aveva già eliminato il requisito del voto minimo per i Postini nel 2022 (in questa pagina tutte le informazioni), ripristinandolo poi successivamente, ad Agosto 2023, come vi avevamo spiegato in questo articolo, salvo poi fare dietrofront a Febbraio 2024, quando lo ha nuovamente eliminato, come vi abbiamo spiegato in questo approfondimento.

Per l’ultima tornata di selezioni per addetti al recapito postale, aperta a Marzo 2024, l’azienda ha invece deciso di ripristinare la richiesta di una votazione minima pari a 70/100 per il diploma e 102/110 per la laurea.

Se le cose andranno come in passato, è molto probabile che il requisito del voto per i Portalettere resterà in vigore per qualche mese e quindi che sarà richiesto anche per le nuove selezioni che la società deciderà di avviare nel prossimo periodo. In ogni caso noi vi terremo aggiornati su tutte le novità.

Resta confermata, fortunatamente, la possibilità di accedere alle selezioni anche senza esperienza pregressa.

I REQUISITI PER LAVORARE COME POSTINI

Vi ricordiamo che oltre al requisito del voto minimo di diploma (70/100) o laurea (1027110), per lavorare come Portalettere in Poste Italiane sono richiesti anche altri requisiti, che elenchiamo brevemente di seguito:

  • patente di guida di categoria B, in corso di validità, idonea per la guida dei mezzi aziendali;
  • per la sola provincia di Bolzano, possesso del patentino del bilinguismo.

Non sono richieste conoscenze specialistiche.

I MOTIVI DIETRO ALLE SCELTE AZIENDALI SUL REQUISITO DEL VOTO PER I PORTALETTERE

E’ quantomeno singolare che l’azienda continui a cambiare idea sulla richiesta di una votazione minima per lavorare come Postini. Tuttavia, la spiegazione potrebbe essere più semplice di quanto si possa pensare.

La scelta di introdurre un voto minimo di diploma o laurea per le assunzioni dei Portalettere, operata da Poste Italiane qualche anno fa, è sempre stata oggetto di discussione e contestazione da parte dei candidati interessati a trovare lavoro come Postini presso l’azienda, come accaduto già in precedenza con l’introduzione del requisito del titolo di studio.

Se, da una parte, l’azienda ha adottato questo requisito, con ogni probabilità, per rendere più stringenti i criteri di selezione, a fronte delle migliaia di candidature che pervengono ogni volta che si aprono le selezioni per Portalettere, e per reclutare i migliori talenti, dall’altra, con ogni probabilità, in altri momenti ha optato per la sua eliminazione al fine di estendere le selezioni a tutti i diplomati e laureati, e avere un bacino più ampio di candidati da cui attingere per assumere gli addetti al recapito postale.

Ricordiamo che si tratta di figure che Poste Italiane recluta con frequenza durante tutto l’anno e in grande quantità, dato che operano su tutto il territorio nazionale.

Probabilmente, dato l’elevato numero di candidati che continuano a proporsi per le assunzioni Poste Italiane di Postini, l’azienda ha avuto necessità di adottare nuovamente requisiti più selettivi, anche per poter agevolare la scrematura delle candidature.

COME CANDIDARSI

Poste Italiane apre periodicamente, durante l’anno, le selezioni per le assunzioni di Postini su tutto il territorio nazionale. Le posizioni aperte vengono segnalate tramite questa pagina dedicata alle opportunità di lavoro in Poste Italiane, dalla quale è anche possibile candidarsi. Generalmente, gli inserimenti avvengono con contratto a tempo determinato, della durata di 3, 4 o 5 mesi.

Per scoprire tutte le selezioni in corso per lavorare in Poste Italiane e come avvengono le selezioni per Postini potete leggere questo approfondimento.

ALTRE RICERCHE DI PERSONALE E AGGIORNAMENTI

Vi invitiamo a visitare la nostra pagina dedicata alle aziende che assumono in Italia, per scoprire quali sono le imprese che cercano personale e i relativi piani di inserimento e sviluppo. Vi invitiamo a conoscere anche le altre offerte di lavoro nel settore dei servizi attive e le migliori aziende che cercano personale, consultando la pagina che raccoglie le più interessanti opportunità di lavoro.

Inoltre per restare sempre aggiornati, iscrivetevi alla nostra newsletter gratuita e al nostro canale Telegram per avere gli aggiornamenti in anteprima.

È anche possibile restare aggiornati seguendo il nostro canale Whatsapp e il nostro canale TikTok @ticonsigliounlavoro.

di Angela V.
Redattrice, esperta di lavoro pubblico e privato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.

Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita e al nostro Canale Telegram. Seguici su Google News cliccando su "segui".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *