Assunzioni concorso straordinario-bis: come funziona

insegnante, docente, scuola, professore

Gli uffici scolastici stanno pubblicando le graduatorie relative al concorso straordinario-bis e, per quelle non ancora pubblicate, i posti destinati alle assunzioni dei vincitori sono stati accantonati.

I docenti assunti a seguito della procedura concorsuale straordinaria devono intraprendere l’iter per l’immissione in ruolo, che prevede un contatto a tempo determinato per svolgere un percorso formativo universitario e il periodo annuale di formazione e prova in servizio. Le cattedre che non è stato possibile coprire perchè non sono stati ancora individuati i destinatari sono state coperte mediante contratti di supplenza.

Vediamo in dettaglio come funziona il percorso per le assunzioni degli insegnanti dal concorso straordinario bis e tutti i passaggi fino alla nomina in ruolo.

ITER PER LE ASSUNZIONI DAL CONCORSO STRAORDINARIO BIS

Il concorso straordinario-bis per docenti, bandito con il decreto dipartimentale n. 1081 del 6 maggio 2022, è finalizzato ad assumere insegnanti, per l’a.s. 2022/2023, nella scuola secondaria di primo e secondo grado, su posto comune, per la copertura dei posti residuati dopo le operazioni per le immissioni in ruolo dei docenti. La procedura concorsuale, rivolta ai precari con 3 anni di servizio, prevede l’immissione in ruolo dei vincitori attraverso un percorso articolato in più fasi.

L’iter di assunzione e nomina è regolato dal decreto ministeriale n. 108 del 28 aprile 2022, che prevede i seguenti step per le assunzioni dal concorso straordinario-bis:

  • assunzione a tempo determinato nell’a.s. 2022/2023. La sede di assegnazione è quella espressa nella domanda per la scelta delle sedi presentata dagli aspiranti tramite la piattaforma MIUR per le Istanze Online. A coloro che non hanno presentato l’istanza è conferita una sede d’ufficio una volta terminate le assegnazioni dei candidati che hanno prodotto regolare istanza;

  • percorso di formazione e prova conclusiva nell’a.s. 2022/2023. I percorsi sono attivati dalle università e prevedono 40 ore di attività formative, equivalenti a 5 crediti formativi universitari (CFU). Si concludono entro il 15 giugno 2023 e prevedono un esame orale finale, che verte sui contenuti del corso. Chi supera la prova ottiene un certificato di frequenza che riporta i CFU conseguiti e i relativi settori scientifico disciplinari (SSD). Il mancato superamento della prova conclusiva comporta la decadenza dalla procedura e l’impossibilità di essere assunti a tempo indeterminato;

  • anno di formazione iniziale e prova nell’a.s. 2022/2023. Il percorso di formazione e prova si svolge secondo il nuovo regolamento introdotto dalla riforma del reclutamento dei docenti. Dunque prevede una prova finale e una valutazione conclusiva. La negativa valutazione del percorso comporta la sua ripetizione, così come il suo rinvio per giustificato motivo;

  • assunzione a tempo indeterminato e conferma in ruolo, con decorrenza giuridica ed economica dal 1° settembre 2023, o, se successiva, dalla data di inizio del servizio, nella medesima istituzione scolastica presso cui si è svolto il servizio a tempo determinato. All’atto della conferma in ruolo i docenti assunti conseguono l’abilitazione per la relativa classe di concorso, qualora ne siano privi.

I POSTI ACCANTONATI PER LE ASSUNZIONI DAL CONCORSO STRAORDINARIO BIS

Dato che il concorso straordinario-bis è stato articolato per regione e classe di concorso, le graduatorie per le assunzioni dei vincitori non escono contestualmente su tutto il territorio nazionale. Ciascun USR responsabile dello svolgimento della procedura concorsuale provvede all’approvazione della graduatoria per ciascuna regione e classe di concorso. Tale sistema, unitamente al fatto che il concorso è stato bandito in ritardo, ha fatto sì che non tutte le graduatorie siano state pubblicate in tempo utile per l’avvio dell’anno scolastico 2022/23. Infatti gli elenchi sono ancora in fase di pubblicazione (qui trovate tutte le graduatorie pubblicate).

Questa situazione rende, di fatto, impossibile per una parte dei vincitori poter svolgere l’anno di formazione e prova nell’a.s. 2022/23, soprattutto in considerazione del fatto che, per superarlo, occorre svolgere almeno 180 giorni di servizio effettivo, di cui almeno 120 per le attività didattiche. In considerazione di ciò, come chiarito dal Ministero dell’Istruzione nella nota n. 30998 del 25 agosto 2022, i posti non assegnati ai vincitori del concorso straordinario-bis diventano disponibili per il conferimento delle supplenze ai docenti, sia annuali (31 agosto) che fino al termine dell’attività didattica (30 giugno). In questo caso, si specifica nella nota, nelle more del conferimento della nomina a tempo determinato per l’anno scolastico 2023/2024, i posti non conferiti nell’anno scolastico 2022/2023 devono essere accantonati nelle operazioni di mobilità per l’anno scolastico 2023/2024.

LE SUPPLENZE CON CLAUSOLA RISOLUTIVA

Per quanto riguarda le supplenze 2022/2023 conferite sui posti accantonati, in attesa della nomina del vincitore, diverse scuole sono ricorse a supplenze brevi con la formula del contratto con clausola risolutiva espressa. Questo significa che in caso di successiva assegnazione del posto al vincitore del concorso straordinario-bis il contratto si intende risolto a seguito dell’individuazione dell’avente titolo. In sostanza, una volta nominato il docente assegnatario del posto accantonato, l’incarico del supplente termina.

COME RESTARE AGGIORNATI

Per tutte le informazioni sul concorso straordinario-bis per docenti di scuola secondaria potete leggere questo approfondimento, dove trovate anche il bando. Continuate a seguirci per restare informati e visitate la nostra sezione dedicata alle assunzioni nella scuola e la nostra pagina riservata ai docenti.

Iscrivetevi gratuitamente alla nostra newsletter e al nostro canale Telegram per ricevere tutti gli aggiornamenti e avere le notizie in anteprima. E’ disponibile anche il gruppo Telegram dedicato esclusivamente ai docenti e aspiranti docenti, utile per confrontarsi e chiedere consigli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.



Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti