CCNL chimici 2022 2025: testo, spiegazione e novità

La guida al nuovo Contratto Collettivo dell’industria chimico farmaceutica con testo e spiegazione, punto per punto, delle modifiche introdotte

chimica, chimico

Firmato il nuovo CCNL chimici 2022 2025, un’intesa che riguarda 210.000 lavoratori dipendenti di circa 3.000 imprese italiane.

Previsti un aumento del trattamento economico minimo e l’introduzione di maggiori tutele, dalle modifiche sul regime di reperibilità, alle maggiorazioni in vari ambitivi fino ad iniziative per la formazione, l’inclusione e la parità di genere.

In questa guida vi spieghiamo cosa prevede il nuovo CCNL chimici, l’accordo per settore dell’industria chimico farmaceutica 2022 2025, e quali sono le novità introdotte.

CCNL CHIMICI 2022 2025, TESTO E NOVITÁ

Ecco il testo integrale del nuovo CCNL chimici 2022 2025.

L’accordo sul nuovo CCNL chimici è stato siglato il 13 giugno 2022. A porre la firma, arrivata prima della scadenza del vecchio contratto fissata per il 30 giugno 2022, sono state le associazioni Federchimica e Farmindustria e le organizzazioni sindacali rappresentative di settore, ossia:

  • Filctem-Cgil;
  • Femca-Cisl;
  • Uiltec;
  • Ugl Chimici;
  • Failc-Confail;
  • Fialc-Cisal.

Ad essere interessati dal rinnovo sono circa 210.000 lavoratori, tra addetti nell’industria chimica, chimico farmceutica, delle fibre chimiche e dei settori abrasivi, lubrificanti e Gpl. Ma andiamo a vedere nel dettaglio le novità introdotte nel testo.

1) AUMENTO DELLE RETRIBUZIONI

In primo luogo, il nuovo CCNL industria chimico farmaceutica 2022 2025 prevede un aumento del Trattamento Economico Minimo (Tem) complessivo di 204 euro per la categoria D1 da corrispondere in cinque tranche, ovvero:

  • 50 euro dal 1° luglio 2022;
  • 30 euro dal 1° gennaio 2023;
  • 36 euro dal 1° luglio 2023;
  • 68 euro dal 1° luglio 2024;
  • 20 euro dal 1° giugno 2025.

Il montante complessivo, ovvero l’aumento totale delle retribuzioni nel triennio sarà pari a 4.750 euro. L’aumento è comprensivo di 23 euro di EDR (Elemento Distinto della Retribuzione) già erogato dalle imprese, che sarà trasferito nei minimi. Resta inoltre confermato il modello di verifica degli scostamenti inflattivi, con il ruolo dell’EDR quale ammortizzatore. Per altri dettagli si consiglia di verificare gli aumenti per categoria dalle tabelle allegate al CCNL che potete trovare in questa pagina.

2) WELFARE CONTRATTUALE

L’accordo prevede anche una valorizzazione dell’aliquota mensile Fonchim nell’EPS (Valore punto), cosicché dal prossimo rinnovo si potrà inserire il welfare contrattuale nel computo del salario. Con l’accesso al Sistema di welfare contrattuale i lavoratori potranno direttamente verificare i vantaggi offerti dai Fondi settoriali, in termini di investimenti previdenziali e prestazioni di integrazione sanitaria, acquisire informazioni dettagliate sul loro funzionamento anche tramite sistemi elettronici di simulazione e contatti diretti con gli esperti dei Fondi.

Successivamente i lavoratori potranno esprimere una piena e consapevole adesione volontaria ai Fondi settoriali tramite i moduli a loro disposizione. Dalla piattaforma di welfare contrattuale, si potrà accedere anche alla specifica sezione dedicata al Fondo settoriale T.R.I.S. una volta attivato.

Il Fondo TRIS garantisce le seguenti prestazioni previdenziali e di solidarietà, che sono cumulabili tra loro e riguardanti tutti i lavoratori, compresi i dirigenti:

  • assegno straordinario per il sostegno al reddito ai lavoratori che raggiungano i requisiti previsti per il pensionamento di vecchiaia o anticipato nei successivi 5 anni;
  • prestazioni ulteriori, rispetto a quelle previste dalla legge, in caso di cessazione volontaria del rapporto di lavoro;
  • finanziamento di programmi formativi di riconversione o riqualificazione professionale.

3) PARITÀ DI GENERE E INCLUSIONE

Il nuovo contratto pone l’accento sulle misure per parità di genere, anche retributiva, nell’articolo 58. Le parti, infatti, si sono impegnate a promuovere nei luoghi di lavoro la cultura e il rispetto della persona in contrasto alle violenze e alle molestie di ogni tipo. Nel CCNL trova spazio anche l’impegno ad agevolare l’inserimento e la realizzazione professionale delle persone diversamente abili nel contesto lavorativo, favorendo l’inclusione e contrastando forme di discriminazione.

4) NOVITÀ SULLA MALATTIA

Altra importante novità del nuovo CCNL industria chimico farmaceutica 2022 2025 riguarda la gestione delle malattia. Il testo prevede che il trattamento economico per il lavoratore ricomincia “ex novo” dal 14° giorno di ricovero ospedaliero.

5) RELAZIONI INDUSTRIALI

L’accordo prevede un miglioramento della qualità delle relazioni industriali finalizzati ad innovare e migliorare la produzione con scambio di idee e confronti. Tra i nuovi impegni condivisi dalle parti vi sono:

  • la creazione di nuove sezioni dell’Osservatorio Nazionale dedicate alla trasformazione digitale, all’inclusione sociale e alla parità di genere

  • la realizzazione di un meccanismo di raccolta delle competenze specifiche e certificate, così da favorire l’incontro tra domanda e offerta delle esigenze di settore;

  • il via libera  a incontri periodici e sezioni tematiche dell’Osservatorio Farmaceutico;

  • la messa a punto del già citato meccanismo di adesione consapevole di tutti i lavoratori al welfare contrattuale, di modo che ne possano apprezzarne meglio i vantaggi in vista della definitiva decisione circa l’adesione;

  • la diffusione della cultura di relazioni industriali e dello sviluppo sostenibile;

  • il nuovo riconoscimento per la contrattazione aziendale coerente alle scelte contrattuali;

  • la trasformazione della “Giornata nazionale Sicurezza Salute Ambiente (SSA)”,in “Giornata nazionale Salute, Sicurezza e Sviluppo Sostenibile”.

6) ORARIO DI LAVORO E MAGGIORAZIONI

Nel nuovo CCNL del comparto previsto un nuovo regime di reperibilità per le attività con modalità concordate a livello aziendale. Modalità che nessun lavoratore può rifiutarsi di seguire, con trattamento pari delle ore di lavoro straordinario, notturno e festivo. Inoltre, le maggiorazioni per lavoro festivo domenicale si applicano alla effettiva prestazione svolta nel giorno festivo o di domenica.

7) LA FORMAZIONE

Tra le novità del nuovo CCNL industria chimico farmaceutica 2022 2025, previste anche 2,5 giornate in più disponibili per progetti formativi collettivi. L’accordo mira anche una certificazione delle competenze in seno alla bilateralità, per creare un ambito di incontro tra domanda e offerta per le esigenze del settore. Tale metodo risulterà utile sia nei momenti di ristrutturazione aziendale, ma anche per la crescita delle imprese.

8) TRASFORMAZIONE DIGITALE

Nel nuovo contratto nazionale, le parti hanno anche delineato le linee guida sul processo di trasformazione digitale che affronterà i temi:

  • dell’organizzazione del lavoro relativamente a orari, modalità di prestazione, competenze, inquadramenti;
  • delle competenze e della formazione in merito alle nuove figure professionali;
  • dell’occupazione e occupabilità, ovvero in merito a scuola e formazione continua;
  • del coinvolgimento e della partecipazione;
  • delle relazioni industriali;
  • della sicurezza, salute e ambiente.

9) SMART WORKING

Nel nuovo CCNL del comparto, al fine di assicurare sempre la sicurezza e la salute dei lavoratori, si precisa che le modalità di svolgimento dell’attività da remoto (smart working) dovranno rispettare prescrizioni, limiti e regole definiti dalle norme di legge e contrattuali. Le parti hanno previsto diverse modalità di esecuzione della prestazione di lavoro, sia per esigenze organizzative aziendali o anche solo per il bilanciamento di vita privata e professionale, secondo quanto definito dagli specifici accordi individuali realizzati a livello aziendale. L’attività da remoto in ambienti scelti dal lavoratore deve comunque garantire la qualità della prestazione e il benessere dell’impiegato, in attuazione delle norme di legge e contrattuali.

CCNL CHIMICI 2022 2025, L’EFFICACIA TEMPORALE

Il nuovo CCNL del settore dell’industria chimico farmaceutica si riferisce al periodo che va dal 1° luglio 2022 al 30 giugno 2025, sia per la parte giuridica normativa che per la parte economica. Tuttavia, si ricorda che il testo rimarrà in vigore finché non verrà stipulato quello successivo.

ENTRATA IN VIGORE

Per la pubblicazione e l’entrata in vigore del nuovo testo integrale del CCNL industria chimico farmaceutica 2022 2025 va attesa la ratifica delle assemblee dei lavoratori, che potrebbe variare alcuni minimi aspetti del contenuto, vi terremo comunque aggiornati. Solo successivamente vi sarà l’ok definitivo e poi il contratto sarà valido a tutti gli effetti.

IL TESTO DEL CCNL CHIMICI 2022 2025

Per maggiori informazioni tecniche e specifiche sul CCNL industria chimico farmaceutica 2022 2025 si consiglia di leggere il testo integrale della bozza di contratto.

AGGIORNAMENTI

Se volete restare aggiornati è possibile iscriversi gratis alla nostra newsletter e al nostro canale Telegram, per avere le notizie in anteprima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.



Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti