Fare la spesa è diventato insostenibile? Ecco come segnalare i prezzi troppo alti

Ecco come segnalare prezzi alti per la spesa con lo strumento messo a disposizione dal MIMIT e AGCM per i consumatori, contro il caro vita

prezzi spesa
adv

Ecco come segnalare i prezzi troppo alti, quando la spesa diventa insostenibile.

Per tutelare i consumatori, il Ministero delle Imprese e del Made in Italy (MIMIT) ha messo a disposizione lo strumento “Segnala Prezzi”.

Si tratta di uno strumento gratuito che consente al consumatore di segnalare i prezzi dei beni di largo consumo ritenuti anomali, cioè più elevati di quello che ci si aspetterebbe.

In questo articolo spieghiamo come segnalare i prezzi troppo alti, come funziona il meccanismo di segnalazione e quando è possibile utilizzarlo.

adv

COS’È IL “SEGNALA PREZZI”

Il “Segnala Prezzi” è lo strumento del MIMIT che permette ai consumatori di segnalare prezzi anomali di beni di largo consumo, ossia quando sono più alti di quanto ci si aspetterebbe in circostanze normali. Tale strumento permette quindi, quando i costi della spesa divengono insostenibili, di segnalare il possibile abuso in maniera del tutto gratuita.

Scopriamo come funziona e come fare per segnalare i prezzi della spesa, quando li ritenete troppo alti.

COME SEGNALARE I PREZZI TROPPO ALTI

Grazie al servizio del MIMIT, è possibile segnalare i prezzi troppo alti per la spesa direttamente online. Il funzionamento del “segnala prezzi” è semplice, basta compilare l’apposito form online inserendo nome, cognome e indirizzo mail. Dopo questo passaggio, sulla casella di posta indicata riceverete un link di conferma che dovete aprire per continuare la segnalazione.

Da qui, poi è necessario:

  • selezionare la categoria di prodotto che volete segnalare e descrivere brevemente il prodotto;

  • scrivere se l’avete comprato online o in un negozio fisico. Nel secondo caso è opportuno specificare Regione, città e nome dell’esercizio commerciale in cui è stato effettuato l’acquisto;

  • inserire il prezzo pagato in valori numerici e specificare gli ulteriori riferimenti nei campi successivi. Dovete anche indicare se il prezzo sopra indicato è riferito a una unità, a una confezione; all’unità di misura di vendita, es. litro, kg, ecc;

  • selezionare la data dell’acquisto;

  • inserire una descrizione sintetica del caso e altre note;

  • allegare lo scontrino o altri documenti fiscali, se non fotografie o scansioni di volantini;

  • sottoscrivere di aver preso visione dell’Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento (UE) 2016/679.

A quel punto potrete inviare la segnalazione per consentire verifiche, anche in modo congiunto, tra Ministero e Autorità competenti. Le informazioni potranno essere utilizzate anche a supporto dell’attività del Garante per la sorveglianza dei prezzi. La procedura è assolutamente gratuita.

Ora, vediamo come monitorare e analizzare i prezzi della spesa con l’aiuto di alcuni strumenti messi a disposizione dalle istituzioni italiane.

COME ANALIZZARE I COSTI DELLA SPESA

Oltre al “Segnala Prezzi”, il MIMIT mette a disposizione anche altri strumenti per analizzare e monitorare i costi della spesa. Parliamo dei seguenti organi:

  • la Commissione di allerta rapida per la sorveglianza dei prezzi che, in collaborazione con ISMEA, Unioncamere-BMTI e ISTAT, monitora i prezzi lungo la filiera agroalimentare tenendo conto dei principali fattori di costo (origine, ingrosso e dettaglio). L’obiettivo è evitare abusi nelle filiere prese in esame. Inizialmente i settori monitorati erano quelli di produzione e vendita di riso e cereali, latte e uova, oli e grassi, frutta e verdura. Il 9 aprile 2024, come spiegato in questa nota stampa, il MIMIT ha esteso il monitoraggio dei prezzi anche ai costi di produzione di pasta, olio di oliva, latte, mele, uova, passata di pomodoro;

  • Mister prezzi, ossia il Garante per la sorveglianza dei prezzi, che ha il compito di controllare e verificare, su segnalazione dei cittadini, eventuali fenomeni speculativi. Per supportare il Garante, è stata istituita un’Unità di Missione presso il Ministero, che svolge attività di analisi, valutazione ed elaborazione dei dati in collaborazione con altre strutture istituzionali;

  • l’Osservatorio dei Prezzi, un servizio di informazione e trasparenza sull’andamento dei prezzi dei beni e dei servizi di largo consumo e sulle dinamiche inflazionistiche. Potete trovare i risultati dei monitoraggi periodici in questa pagina.

ASSISTENZA E CONTATTI UTILI

Per contattare il Garante sui prezzi potete scrivere usando alternativamente:

ALTRI AIUTI E AGGIORNAMENTI

Tra gli aiuti contro il rincaro prezzi, vi segnaliamo la Carta Risparmio Spesa e la Carta Acquisti.

A vostra disposizione anche le nostre guide al bonus benzina 77 euro e sul Reddito Alimentare.

Vi invitiamo infine a consultare l’elenco di tutti i bonus 2024 attivi, con le agevolazioni e gli aiuti che si possono richiedere.

Se volte, invece, sapere tutte le agevolazioni disponibili per lavoratori e famiglie, e quelle in arrivo, visitate questa nostra pagina.

Vi ricordiamo che per restare aggiornati è possibile iscriversi gratis alla nostra newsletter e al nostro canale Telegram, per avere le notizie in anteprima. È anche possibile restare aggiornati seguendo il nostro canale Whatsapp e il nostro canale TikTok @ticonsigliounlavoro. Seguiteci anche su Google News cliccando su “segui” dove c’è la stellina.

di Valeria C.
Giornalista, esperta di leggi, politica e lavoro pubblico.
© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.

Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita e al nostro Canale Telegram. Seguici su Google News cliccando su "segui".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *