Navigator proroga contratto bloccata, il Ministero del Lavoro boccia rinnovo

Nessuna proroga per gli specialisti del Reddito di Cittadinanza. Restano a casa gli oltre 900 navigator superstiti

assunzioni, lavoro, contratto

Per i navigator nessuna proroga in arrivo. Lo ha fatto sapere il Ministero del Lavoro, in una nota del 1° novembre 2022, ritenendo non possibile il rinnovo dei contratti per i circa 940 navigator superstiti con rapporti ancora attivi presso alcune Regioni e per cui era stato confermato il contratto sino a fine ottobre.

Il termine ultimo fissato dal Decreto Recovery era il 30 aprile 2022, seguito dallo slittamento al 31 luglio del Decreto Aiuti con la possibilità di proroga per le Regioni al massimo di altri tre mesi – cioè fino al 31 ottobre 2022 – ma con proprie risorse.

In questo articolo vi forniamo tutti i dettagli sulla mancata proroga dei navigator decisa dai Governo, vi spieghiamo cosa accadrà a questi lavoratori e come questo potrebbe influire sul futuro del Reddito di Cittadinanza.

NESSUNA PROROGA AI NAVIGATOR

Il Ministero del Lavoro in una nota ufficiale del 1° novembre 2022 non lascia spazio ai dubbi circa il futuro dei navigator, i tecnici del Reddito di Cittadinanza assunti dal maxi concorso nazionale a cavallo tra 2019 e 2020: niente proroga otre il 31 ottobre 2022. Un contrordine, dunque, visto che alcuni giornali avevano da poco pubblicato una lettera del Direttore Generale del Ministero del Lavoro, indirizzata alle Regioni in cui veniva fatta una sorta di manifestazione di interesse. In questa lettera si chiedeva alle Regioni se ci fosse bisogno di prorogare i contratti ai navigator e un’eventuale stima dei costi.

La lettera è stata subito “accolta” come uno spiraglio di speranza per questi lavoratori assunti e formati appena 2 anni fa per il “buon funzionamento” del Reddito di Cittadinanza. Ma poi il Ministero ha chiarito nelle poche battute della citata nota che potete leggere a questo indirizzo, che la lettera era solo “una mera attività ricognitiva tra le Regioni”. I contratti infatti non sono prorogabili. La proroga degli ex navigator, scaduti lo scorso 31 ottobre 2022 – come chiarito dal Ministero – non è infatti  “tecnicamente possibile“. Eventuali ulteriori utilizzi degli ex navigator richiederebbero l’approvazione di un’apposita norma “non allo studio del Ministero“.

CHI SONO I NAVIGATOR

I “navigator” sono nuove figure professionali nate con il Reddito di Cittadinanza per garantirne il funzionamento. A tal fine furono assunti con maxi concorso tra il 2019 e il 2020 circa 3.000 navigator. Tale figura ha rappresentato la congiunzione fra chi riceve il Rdc e chi offre un impiego. Un supporto per i Centri per l’Impiego nella creazione e realizzazione di un percorso rivolto ai beneficiari del Reddito di Cittadinanza. Purtroppo, però, questo percorso non è mai neppure cominciato per la stragrande maggioranza dei cittadini che percepiscono il sussidio.

L’ULTIMA PROROGA AI NAVIGATOR AL 31 OTTOBRE 2022

Il problema rinnovo ai navigator va avanti oramai dalla fine del 2021, da quando ci si è resi conto che – rispetto alle ottimistiche valutazioni della norma che ha istituito il Reddito di Cittadinanza – questa figura, senza una propedeutica riforma dei Centri per l’Impiego, finiva per non essere utile ai percettori del RdC. Da qui sono iniziate battaglie sindacali e tira e molla del Governo. Si ricorda, infatti, che:

  • la prima proroga ai navigator, il cui contratto era in scadenza nell’aprile 2021, è stata quella del Decreto Sostegni che ha portato la durata fino al 31 dicembre 2021;

  • successivamente i navigator sono stati ignorati dalla Legge di Bilancio 2022 che non aveva garantito fondi per la proroga dei loro contratti. Dopo forti proteste però il Governo – che all’epoca aveva anche tra le proprie fila il MoVimento 5 Stelle ideatore del RdC – in maggioranza, decise per il differimento. Lo slittamento arrivò con il Decreto Recovery convertito in Legge. La norma ha prorogato i navigator fino al 30 aprile 2022;

  • infine, la proroga dei contratti ai navigator fino al 31 luglio 2022 con il Decreto Aiuti convertito in Legge. La norma prevedeva anche la possibilità per le Regioni di attivare un’ulteriore proroga di al massimo 3 mesi per i navigator, ma con risorse regionali. Dunque, i contratti potevano essere prorogati fino al 31 ottobre 2022.

Ora, come chiarito dal Ministero, per garantire una nuova proroga sarebbe necessario prevedere una norma ad hoc, cosa che non risulta nell’agenda del Dicastero.

QUANTI SONO I CONTRATTI NAVIGATOR SENZA PROROGA

I contratti dei navigator sono sempre stati a tempo determinato fin dal loro esordio a cavallo tra il 2019 e il 2020. Inizialmente furono assunti in tutta Italia circa 3.000 navigator da suddividere nelle Regioni. Poi, il numero di coloro che sono rimasti in servizio negli anni si è ridotto drasticamente per via delle incertezze sul futuro e la totale assenza di prospettive per tale impiego.

Nel 2021 i navigator in servizio erano circa 2.400, fino ad arrivare ai 1.618 contrattualizzati da Anpal per l’ultima proroga di luglio 2022. Le Regioni (escluse Lombardia, Veneto, Campania, Piemonte e Umbria) con proprie risorse ne hanno mantenuti 946 fino al 31 ottobre 2022. I restanti sono già tornati a casa, nonostante i fondi spesi dallo Stato per la loro formazione.

QUALE FUTURO PER GLI EX NAVIGATOR

Non sembra esserci un futuro per gli ex navigator i cui contratti sono scaduti definitivamente il 31 ottobre 2022. Il 24 ottobre 2022 i sindacati avevano chiesto al Ministero un urgente tavolo tecnico per ottenere risposte per questi professionisti. Tuttavia per adesso la porta del Ministero sembra chiusa e l’intenzione politica di rinnovo è assente. Del resto, non prorogare i navigator e riformare il Reddito di Cittadinanza sono alcuni dei punti del programma elettorale della coalizione che ha vinto le elezioni politiche di ottobre 2022.

ALTRI AGGIORNAMENTI

Se volete conoscere tutte le novità sul Reddito di Cittadinanza 2022, vi consigliamo di leggere la nostra guida e il nostro focus sulla domanda Reddito di Cittadinanza. Per scoprire altre interessanti novità legislative vi invitiamo a visitare questa pagina. Se volete restare aggiornati è possibile iscriversi gratis alla nostra newsletter e al nostro canale Telegram, per avere le notizie in anteprima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.



Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti