Stipendi Docenti e ATA: tabelle Contratto Nazionale

aula, classe, scuola

Quanto si guadagna lavorando come ATA? Quale stipendio percepiscono gli Insegnanti?

Le figure che operano nella Scuola Statale come Docenti o come Ausiliari Tecnici Amministrativi – ATA hanno il diritto di ricevere uno stipendio il cui ammontare è definito dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del comparto Scuola.

Il 9 febbraio 2018, è stato siglato il rinnovo del CCNL per i dipendenti di scuole, enti di ricerca, università, accademie e conservatori. Il documento prevede aumenti degli stipendi per il personale docente, amministrativo, tecnico e ausiliario, con riferimento al triennio 2016 – 2018. Cosa significa? Che i lavoratori interessati riceveranno in busta paga gli arretrati stipendiali dovuti per il 2016 e il 2017, e gli incrementi stipendiali previsti a partire dal 2018.

Per fare chiarezza sul tema, in questa breve guida vi diamo tutte le informazioni su stipendi ATA e stipendi Docenti della Pubblica Amministrazione, e sulle novità introdotte dal rinnovo contrattuale, con i relativi documenti e riferimenti normativi.

CONTRATTO NAZIONALE SCUOLA IN VIGORE

Il CCNL Scuola statale definisce gli stipendi tabellari di tutto il personale assunto a tempo determinato o indeterminato sia docente, di tutti gli ordini e gradi, che ausiliario, tecnico e amministrativo (ATA). Si applica anche ai dipendenti delle scuole italiane all’estero. 

Il Contratto Collettivo Nazionale ancora vigente è il CCNL 29 novembre 2007. Sono da tenere in considerazione, poi, i contratti usciti successivamente, come, ad esempio, quelli pubblicati nel 2013 e 2014, che hanno apportato delle integrazioni.

Si tratta dei documenti e delle norme che regolano il lavoro nella Scuola. Dunque disciplinano tutti gli aspetti relativi, ad esempio, a ferie, festività, permessi, assenze per malattia, mobilità, aspettativa, infortunio, assicurazione, previdenza, TFR, assegno per il nucleo familiare, compensi accessori, tredicesima, progressione professionale, legislazione sui rapporti di lavoro a tempo parziale o a tempo determinato, periodo di prova, formazione, orario di lavoro, indennità, compiti e mansioni di ogni figura professionale che lavora in questo ambito.

Nel corso degli anni sono stati pubblicati dei contratti integrativi, utili per realizzare aggiornamenti in merito, ad esempio, alla formazione degli insegnanti, agli scatti di anzianità o alla mobilità del personale docente e ATA. Tutti i contratti sono frutto di accordi siglati tra l’ARAN, ovvero l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni, e le Organizzazioni sindacali (CGIL, CISL, UIL, CONFSAL, CGU, FLC/CGIL, CISL SCUOLA, UIL SCUOLA, CONFSAL SNALS, GILDA UNAMS). 

CONTRATTI NAZIONALI VIGENTI

CCNL reperimento risorse ripristino scatti di anzianità (7 agosto 2014);
CCNL reperimento risorse ripristino posizioni economiche ATA (7 agosto 2014);
CCNL reperimento risorse ripristino scatti di anzianità (13 marzo 2013);
CCCN rimodulazione posizioni stipendiali (4 agosto 2011)
CCNL relativo al personale del Comparto Scuola per il biennio economico 2008-2009 (23 gennaio 2009).
Contratto Collettivo Nazionale Lavoro relativo al personale del Comparto Scuola quadriennio normativo 2006-2009 e biennio economico 2006-2007 (29 novembre 2007).

Per una visione unitaria e sistematica dei Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro vigenti, stipulati negli anni, mettiamo a vostra disposizione anche questa RACCOLTA (Pdf 1,11Mb), elaborata dall’ARAN, che contiene le disposizioni contrattuali relative al personale non dirigente del comparto Scuola aggiornate al gennaio 2017.

RINNOVO DEL CCNL 2016 2018

L’ARAN, che, lo ricordiamo, è l’agenzia italiana che rappresenta legalmente la Pubblica Amministrazione italiana nella contrattazione collettiva nazionale, e le Organizzazioni sindacali, hanno firmato l’Ipotesi di Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per il comparto Istruzione e Ricerca.

Si tratta, in sostanza, di una intesa che rinnova il CCNL per i dipendenti del comparto Istruzione e Ricerca, nel quale, in seguito alla pubblicazione del Contratto Collettivo Nazionale Quadro per la definizione dei comparti e delle aree di contrattazione collettiva nazionale 2016 – 2018 del 13 luglio 2016, sono confluiti i comparti Scuola, Enti di ricerca, Università, Accademie e Conservatori (AFAM – Alta Formazione Artistica e Musicale). Riguarda, quindi, Docenti, Assistenti Amministrativi e Tecnici, Cuochi, Infermieri, Guardarobieri, Addetti alle aziende agrarie, Collaboratori Scolastici, Educatori, Direttori, Coordinatori, Assistenti, Coadiutori, Ricercatori, Tecnologi, Tecnici e Amministrativi che lavorano nel comparto. Si applica a tutto il personale impiegato con rapporto di lavoro a tempo indeterminato e a tempo determinato, ad esclusione dei Docenti universitari, il cui rapporto di lavoro non è contrattualizzato.

Il provvedimento è composto da una parte comune, che contiene le disposizioni da applicare al personale di tutti i precedenti comparti, e da sezioni specifiche, riferite ai singoli settori. Comprende diversi interventi, che riguardano, ad esempio, le relazioni sindacali, le assenze, i permessi, i codici disciplinari, il lavoro flessibile e altri aspetti del rapporto lavorativo, oltre ad aggiornamenti della disciplina precedente, al fine di adeguarla alle norme di legge vigenti, anche in attuazione della ‘Riforma Madia’ per il riordino della Pubblica Amministrazione. Concerne il periodo compreso tra il 1° gennaio 2016 e il 31 dicembre 2018, allo scadere del quale si rinnoverà tacitamente di anno in anno, eccetto che nel caso di disdette e ulteriori rinnovi.

AUMENTO DELLE RETRIBUZIONI PER IL PERSONALE

Il nuovo contratto fa seguito all’intesa tra il Governo e i Sindacati del 30 novembre 2016, per il rinnovo dei contratti pubblici. Si tratta del primo provvedimento che rinnova il CCNL per il comparto Istruzione e Ricerca dopo l’approvazione della Legge 13 luglio 2015, n. 107 (Buona Scuola). Coinvolge quasi 1,2 milioni di dipendenti, di cui più di 1 milione nella Scuola, 53 mila nelle Università, 24 mila negli Enti di ricerca e 9.500 nell’AFAM.

Una delle principali novità introdotte riguarda gli incrementi degli stipendi tabellari del personale, per importi che vanno da 80 a 125 Euro lordi al mese, a seconda delle figure professionali. Nello specifico, come riportato in un comunicato stampa del 9 febbraio pubblicato dal MIUR, relativo al nuovo CCNL, ci saranno aumenti medi (lordi) dello stipendio mensile pari a 96 Euro per gli Insegnanti delle scuole e di 105 Euro per quelli dell’AFAM. L’aumento medio per il personale ATA delle scuole sarà di 84,5 Euro (da un minimo di 80 a 89 Euro), mentre, per l’Università, sarà di 82 Euro. Per Ricercatori e Tecnologi si prevedono aumenti in media di 125 Euro, che diventano 92 Euro per l’area amministrativa della Ricerca, mentre per l’ASI l’incremento stipendiale medio sarà pari a 118 Euro.

Sia gli arretrati che gli aumenti di stipendio saranno accreditati in busta paga ai dipendenti interessati. Gli aventi diritto in base al reddito continueranno a beneficiare anche del cosiddetto ‘bonus Renzi’, ossia il credito di circa 80 Euro al mese concesso, a valere sull’Irpef, ad alcune categorie di lavoratori. Inoltre, come riportato in un apposito comunicato del MIUR del giorno 11 febbraio, il bonus per i Docenti previsto dalla Legge 107 del 2015 continuerà ad essere assegnato secondo le regole individuate dalla stessa e continueranno ad essere i Dirigenti scolastici a scegliere gli Insegnanti meritevoli.

FIGURE CHE OPERANO NELLA SCUOLA

Per quanto riguarda il personale della Scuola, l’incremento degli stipendi riguarda le seguenti figure professionali, suddivise in base alla mansione svolta (per il personale ATA) e al tipo di scuola in cui insegnano (per i Docenti):

PERSONALE ATA

Area A

  • Collaboratori scolastici (CS);

Area AS

  • Collaboratori scolastici addetti all’azienda agraria (CR);

Area B

  • Assistenti Amministrativi (AA);
  • Assistenti Tecnici (AT);
  • Cuochi (CU);
  • Infermieri (IF);
  • Guardarobieri (GU);

Area D

  • Direttori dei servizi generali ed amministrativi (DSGA).

INSEGNANTI

  • Docenti di scuola dell’infanzia ed elementare;
  • Docenti diplomati che insegnano in istituti secondari di II grado;
  • Docenti laureati che insegnano in istituti secondari di II grado;
  • Docenti di scuola media e Insegnanti di Educazione Fisica di scuola media.

TABELLE STIPENDI ATA E STIPENDI DOCENTI

Quale retribuzione spetta alle persone che lavorano come ATA nel comparto scolastico e agli Insegnanti? Lo stipendio tabellare lordo per ciascun profilo professionale del settore Scuola, aggiornato in base al rinnovo contrattuale e agli incrementi mensili delle retribuzioni tabellari indicati nella Tabella A1 allegata al nuovo CCNL, è riportato nella Tabella B1 allegata allo stesso.

Al personale scolastico è attribuito un trattamento economico differenziato per posizioni stipendiali. Il passaggio tra una posizione stipendiale e l’altra potrà essere acquisito al termine dei periodi di tempo previsti.

Al personale con rapporto di lavoro a tempo indeterminato o a tempo determinato spetta una tredicesima mensilità corrisposta nel mese di dicembre di ogni anno. L’importo della tredicesima è pari al trattamento fondamentale spettante al personale nel mese di dicembre, salvo nel caso di eccezioni previste dal CCNL. Al personale pubblico della scuola spettano poi le eventuali indennità dovute, assegni familiari, compensi per straordinari, in base a quanto previsto dalla Legge.

E’ facile immaginare che i nuovi stipendi saranno applicati anche al personale ATA che sarà assunto nei prossimi anni e agli Insegnanti che saranno reclutati mediante i nuovi concorsi Scuola che saranno banditi, a partire dal 2018, in attuazione del Decreto Legislativo 13 aprile 2017, n. 59, recante disposizioni in materia di riordino, adeguamento e semplificazione del sistema di formazione iniziale e di accesso nei ruoli di Docente nella scuola secondaria.

INCREMENTI DELLA RETRIBUZIONE DI DOCENTI E ATA

Ecco la Tabella A1 relativa agli aumenti di salario per i Docenti e il personale amministrativo, tecnico e ausiliario della Scuola.

Tabella A1 – SCUOLA

Incrementi mensili della retribuzione tabellare

Valori in Euro da corrispondere per 13 mensilità

 

Anzianità di servizio

Dal 1.1.2016

Rideterminato dal 1.1.2017 (1)

Rideterminato dal 1.3.2018 (2)

Collaboratore scolastico

0 – 8

4,90

14,80

43,00

9 – 14

5,30

16,10

47,00

15 – 20

5,60

17,10

50,00

21 – 27

6,00

18,00

52,00

28 – 34

6,20

18,80

54,00

da 35

6,40

19,30

56,00

Collaboratore scolastico dei servizi /Addetto aziende agrarie

0 – 8

5,00

15,20

44,00

9 – 14

5,40

16,50

48,00

15 – 20

5,80

17,40

51,00

21 – 27

6,10

18,40

54,00

28 – 34

6,30

19,10

56,00

da 35

6,50

19,70

57,00

Assistente amministrativo e Tecnico / Cuoco / Infermiere / Guardarobiere

0 – 8

5,50

16,60

48,00

9 – 14

6,00

18,30

53,00

15 – 20

6,50

19,50

57,00

21 – 27

6,90

20,80

60,00

28 – 34

7,20

21,70

63,00

da 35

7,40

22,40

65,00

Coordinatore amministrativo e tecnico

0 – 8

6,30

18,90

55,00

9 – 14

7,00

21,00

61,00

15 – 20

7,60

22,90

67,00

21 – 27

8,20

24,70

72,00

28 – 34

8,70

26,40

77,00

da 35

9,20

27,70

81,00

Direttori dei servizi generali ed amministrativi

0 – 8

7,20

21,90

63,00

9 – 14

8,10

24,50

70,00

15 – 20

8,90

26,80

77,00

21 – 27

9,70

29,30

84,00

28 – 34

10,50

31,80

92,00

da 35

11,30

34,30

99,00

Docente scuola dell’infanzia ed elementare

0 – 8

6,30

19,20

56,00

9 – 14

7,00

21,30

62,00

15 – 20

7,70

23,10

67,00

21 – 27

8,30

25,00

73,00

28 – 34

8,80

26,70

78,00

da 35

9,30

28,10

82,00

Docente diplomato istituti secondari II grado

0 – 8

6,30

19,20

56,00

9 – 14

7,00

21,30

62,00

15 – 20

7,70

23,10

67,00

21 – 27

8,50

25,80

75,00

28 – 34

9,10

27,60

80,00

da 35

9,60

29,00

84,00

Docente scuola media – Insegnante educazione fisica scuola media

0 – 8

6,90

20,80

60,00

9 – 14

7,70

23,30

68,00

15 – 20

8,40

25,40

74,00

21 – 27

9,10

27,50

80,00

28 – 34

9,80

29,60

86,00

da 35

10,30

31,10

91,00

Docente laureato istituti secondari II grado

0 – 8

6,90

20,80

60,00

9 – 14

7,90

23,90

69,00

15 – 20

8,70

26,20

76,00

21 – 27

9,60

29,20

85,00

28 – 34

10,30

31,10

91,00

da 35

10,80

32,70

95,00

(1) Il valore a decorrere dal 1.1.2017 comprende ed assorbe l’incremento corrisposto dal 1.1.2016.

(2) Il valore a decorrere dal 1.3.2018 comprende ed assorbe l’incremento corrisposto dal 1.1.2017.

NUOVI STIPENDI PERSONALE ATA E NUOVI STIPENDI INSEGNANTI

Ecco la Tabella B1 relativa agli aumenti di salario per Amministrativi, Tecnici e Ausiliari della Scuola e per gli Insegnanti.

Tabella B1 – SCUOLA

Nuova retribuzione tabellare annua

Valori in Euro per 12 mensilità cui aggiungere la 13^ mensilità

 

Anzianità di servizio

Dal 1.1.2016

Dal 1.1.2017

Dal 1.3.2018

Collaboratore scolastico

0 – 8

14.962,74

15.081,54

15.419,94

9 – 14

16.306,39

16.435,99

16.806,79

15 – 20

17.289,12

17.427,12

17.821,92

21 – 27

18.258,09

18.402,09

18.810,09

28 – 34

18.987,71

19.138,91

19.561,31

da 35

19.499,89

19.654,69

20.095,09

Collaboratore scolastico dei servizi/Addetto aziende agrarie

0 – 8

15.345,97

15.468,37

15.813,97

9 – 14

16.674,55

16.807,75

17.185,75

15 – 20

17.658,47

17.797,67

18.200,87

21 – 27

18.656,39

18.803,99

19.231,19

28 – 34

19.362,80

19.516,40

19.959,20

da 35

19.891,14

20.049,54

20.497,14

Assistente amministrativo e Tecnico / Cuoco / Infermiere / Guardarobiere

0 – 8

16.762,06

16.895,26

17.272,06

9 – 14

18.483,10

18.630,70

19.047,10

15 – 20

19.758,15

19.914,15

20.364,15

21 – 27

21.039,60

21.206,40

21.676,80

28 – 34

21.952,36

22.126,36

22.621,96

da 35

22.651,43

22.831,43

23.342,63

Coordinatore amministrativo e tecnico

0 – 8

19.164,92

19.316,12

19.749,32

9 – 14

21.279,16

21.447,16

21.927,16

15 – 20

23.142,65

20 23.326,25

23.855,45

21 – 27

24.951,89

25.149,89

25.717,49

28 – 34

26.735,64

26.948,04

27.555,24

da 35

28.065,43

28.287,43

28.927,03

Direttori dei servizi generali ed amministrativi

0 – 8

22.159,50

22.335,90

22.829,10

9 – 14

24.804,37

25.001,17

25.547,17

15 – 20

27.137,97

27.352,77

27.955,17

21 – 27

29.633,74

29.868,94

30.525,34

28 – 34

32.197,98

32.453,58

33.175,98

da 35

34.692,43

34.968,43

35.744,83

Docente scuola dell’infanzia ed elementare

0 – 8

19.399,87

19.554,67

19.996,27

9 – 14

21.538,06

21.709,66

22.198,06

15 – 20

23.424,46

23.609,26

24.136,06

21 – 27

25.254,26

25.454,66

26.030,66

28 – 34

27.058,49

27.273,29

27.888,89

da 35

28.403,59

28.629,19

29.275,99

Docente diplomato istituti secondari II grado

0 – 8

19.399,87

19.554,67

19.996,27

9 – 14

21.538,06

21.709,66

22.198,06

15 – 20

23.424,46

23.609,26

24.136,06

21 – 27

26.151,63

26.359,23

26.949,63

28 – 34

27.942,06

28.164,06

28.792,86

da 35

29.302,69

29.535,49

30.195,49

Docente scuola media – Insegnante educazione fisica scuola media

0 – 8

21.056,02

21.222,82

21.693,22

9 – 14

23.537,15

23.724,35

24.260,75

15 – 20

25.724,09

25.928,09

26.511,29

21 – 27

27.848,07

28.068,87

28.698,87

28 – 34

29.931,65

30.169,25

30.846,05

da 35

31.475,67

31.725,27

32.444,07

Docente laureato istituti secondari II grado

0 – 8

21.056,02

21.222,82

21.693,22

9 – 14

24.157,31

24.349,31

24.890,51

15 – 20

26.512,09

26.722,09

27.319,69

21 – 27

29.510,15

29.745,35

30.414,95

28 – 34

31.475,67

31.725,27

32.444,07

da 35

33.041,77

33.304,57

34.052,17

RIFERIMENTI NORMATIVI E DOCUMENTI UTILI

Per ulteriori informazioni mettiamo a vostra disposizione la seguente documentazione:

IPOTESI DI ACCORDO 9 febbraio 2018 (Pdf 1,19Mb) relativa al CCNL del comparto Istruzione e Ricerca;
LEGGE 13 luglio 2015, n. 107 (Pdf 209Kb) relativa alla riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione, pubblicata sulla GU Serie Generale n.162 del 15-07-2015;
COMUNICATO STAMPA MIUR 9 febbraio 2018 (Pdf 56Kb) relativo al rinnovo del contratto per i dipendenti del comparto Istruzione e Ricerca;
COMUNICATO STAMPA MIUR 11 febbraio 2018 (Pdf 21Kb) relativo ai criteri per l’assegnazione del cosiddetto ‘bonus docenti’ previsti in base al rinnovo contrattuale siglato il 9 febbraio 2018.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments