Call veloce: come funziona, posti disponibili, come fare domanda

scuola, ata, docenti

Le immissioni in ruolo per docenti dell’anno scolastico 2020/21 prevedono la possibilità di essere chiamati per assunzioni a tempo indeterminato tramite la call veloce.

Questa procedura a chiamata diretta permette ai docenti di ottenere la cattedra presso regioni o province diverse da quelle di pertinenza delle graduatorie a cui si appartiene. Gli aspiranti insegnanti possono presentare domanda dal 29 agosto 2020 al 2 settembre 2020 (le date sono state così modificate a causa dei ritardi nell’avvio della procedura).

Vediamo nel dettaglio come funziona la call veloce, a chi è rivolta e come fare domanda.

COME FUNZIONA LA CALL VELOCE

Ecco gli step dell’intera procedura:

  1. Gli Uffici Scolastici Regionali, entro il 28 agosto, pubblicano online l’elenco dei posti rimasti disponibili.
  2. I docenti, dal 29 agosto al 2 settembre, presentano domanda online tramite la piattaforma ministeriale.
  3. Gli USR, a partire dal 3 settembre 2020, pubblicano gli elenchi degli insegnanti ammessi.
  4. Le procedure di assunzioni si concludono entro il 10 settembre.

POSTI DISPONIBILI PER REGIONE

Gli Uffici scolastici regionali stanno rendendo noti i posti disponibili. Alcuni USR hanno già pubblicato documenti e tabelle dei posti disponibili mentre altri procederanno alla pubblicazione nelle prossime ore. Di seguito pubblichiamo i link ai portali degli USR e il link alla pagina diretta dove scaricare le tabelle dei posti, per quelli che sono già online.

Alcuni USR hanno pubblicato una errata corrige con modifica dei posti che vi abbiamo segnalato nell’elenco qui sopra. Continueremo ad aggiornare l’elenco per segnalare le eventuali variazioni.

CHI PUO’ FARE DOMANDA

I destinatari della procedura di call veloce sono:

  • soggetti presenti nelle GAE docenti di ogni ordine e grado e personale educativo.
  • soggetti presenti in graduatoria regionale di merito dei concorsi 2016 e 2018 di ogni ordine e grado e soggetti presenti nelle graduatorie di merito dell’ultimo concorso del personale educativo.

Sono esclusi dalla procedura i soggetti già di ruolo ovvero già destinatari di proposte di assunzione a tempo indeterminato in ciascun anno scolastico di riferimento.

CAMBI DI DATE PER INVIO DOMANDA

L’apertura della procedura è slittata di un giorno rispetto a quanto previsto dal decreto. Questo ritardo è stato utile per consentire al Ministero di poter scaricare tutti i dati dei posti rimasti disponibili dai singoli Uffici Scolastici Regionali in modo corretto e metterli così a disposizione dei docenti che aspirano al ruolo. La chiamata veloce ha quindi preso avvio dal 29 agosto e le domande potranno essere effettuate fino alle ore 23.59 del 2 settembre. Il MIUR ha fatto sapere che subito dopo l’assegnazione dei posti con la chiamata veloce si procederà con le supplenze. Ecco la comunicazione del MIUR. Inoltre, considerati i problemi legati al malfunzionamento del portale si ipotizza un possibile slittamento del termine di invio domanda. 

COME PRESENTARE DOMANDA

Gli aspiranti insegnanti devono presentare un’unica domanda online sull’apposita piattaforma ministeriale raggiungibile da istanze online nel periodo compreso tra il 29 agosto e il 2 settembre.

Nella domanda di partecipazione sarà necessario:

  • scegliere la regione;
  • indicare la provincia o le province di destinazione situate nella regione scelta;
  • indicare le classi di concorso/tipo posto di interesse e le relative graduatorie di inserimento, che costituiscono titolo di accesso alla procedura di chiamata;
  • indicare, nel caso di più province di destinazione, l’ordine di preferenza tra le stesse e, per ciascuna provincia, l’ordine di preferenza tra le classi di concorso/tipo posto per i quali si partecipa;
  • indicare nel caso di un’unica provincia di destinazione, l’ordine di preferenza tra le classi di concorso/tipo posto per i quali si partecipa;
  • indicare la regione/provincia di provenienza e l’USR responsabile della procedura concorsuale nel caso in cui sia stata disposta l’aggregazione territoriale dei concorsi.

Limiti per la scelta di regione e provincia:

  • i soggetti presenti in GAE possono fare domanda per una sola regione diversa da quella in cui sono inseriti, con la facoltà di indicare la provincia o le province di destinazione e l’ordine di preferenza delle stesse, oppure, in alternativa, fare domanda per altre province della stessa regione in cui sono già inseriti.
  • i soggetti presenti nelle graduatorie di merito possono presentare domanda per una sola regione diversa da quella in cui sono inseriti, con la facoltà di indicare la provincia o le province di destinazione (della regione prescelta), e l’ordine di preferenza nel caso di più province;

Il punteggio, le preferenze e le precedenze possedute, già registrate al sistema informativo, sono visualizzate e salvate nella base dati dell’istanza.

ORDINE DELLE GRADUATORIE PER LE ASSUNZIONI

Le assunzioni nelle scuole sono disposte rispettando la ripartizione al 50% tra graduatorie concorsuali e GAE. Ai docenti viene fatta una proposta di assunzione rispettando la posizione in graduatoria e tenendo conto della priorità indicata tra le diverse province e anche dell’ordine di priorità tra i diversi tipi di posto indicati per quella provincia.

Per le graduatorie concorsuali si seguirà il seguente ordine:

a) graduatorie di concorsi pubblici per titoli ed esami nell’ordine temporale dei bandi.
b) graduatorie dei concorsi riservati selettivi per titoli ed esami, nell’ordine dei bandi.
c) graduatorie di concorsi riservati non selettivi, nell’ordine temporale dei bandi.

Anche se le procedure di assunzioni si chiuderanno entro il 10 settembre, l’immissione in ruolo avrà decorrenza dal 1° settembre.

VINCOLI LEGATI ALL’ASSUNZIONE

Gli insegnanti che ottengono l’assunzione in ruolo, dopo l’esito positivo del periodo di prova, decadono da ogni altra graduatoria, ad eccezione delle graduatorie di concorsi ordinari di altre procedure nelle quali siano inseriti.

I docenti assunti avranno il vincolo di restare per 5 anni presso la sede scelta. Ciò significa che per 5 anni non possono chiedere il trasferimento, l’assegnazione provvisoria, l’utilizzazione in altra istituzione scolastica o ricoprire incarichi di insegnamento a tempo determinato in altro ruolo o classe di concorso (come previsto dal DL 29 ottobre 2019, n. 126).

RIFERIMENTI NORMATIVI

Mettiamo a vostra disposizione il DECRETO MIUR n.25 – 08 giugno 2020 (Pdf 397Kb) relativo alla procedura di assunzione per chiamata ex art. 1, commi da 17 a 17-septies, del decreto-legge 29 ottobre 2019 n. 126, convertito, con modificazioni, dalla legge 20 dicembre 2019 n. 159.

COME RESTARE AGGIORNATI

Continuate a seguirci per restare aggiornati sulla call veloce (aggiorneremo questo articolo) e sui posti di lavoro per insegnanti. Potete inoltre visitare la nostra sezione dedicata alle assunzioni nella scuola e la pagina riservata a tutte le novità per i docenti e iscrivervi alla nostra newsletter gratuita.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments