Agevolazioni idrogeno verde 2022 MITE: cosa sono e a chi spettano

La guida agli incentivi per chi installa impianti di elettrolisi per la produzione dell’idrogeno verde

energia, luce, ambiente

Al via le agevolazioni per chi produce idrogeno verde erogate dal MITE. Sul piatto un totale di 450 milioni di euro stanziati dal Decreto PNRR 2.

Previsto il rimborso, per soggetti pubblici e privati che abbiano installato impianti di elettrolisi, degli oneri di rete pagati per l’energia prodotta da fonti rinnovabili e utilizzata per alimentare impianti di produzione di idrogeno verde (elettrolizzatori).

In questa guida vi spieghiamo come funzionano le agevolazioni per l’idrogeno verde del MITE, a chi spettano e come fare per ottenerle.

AGEVOLAZIONI PER L’IDROGENO VERDE 2022, COSA SONO

Le agevolazioni per l’idrogeno verde del MITE, anche chiamati “bonus idrogeno”, consistono in rimborsi degli oneri di rete sostenuti per produrre energia elettrica da fonti rinnovabili, utilizzata per alimentare impianti di produzione di idrogeno green (cosiddetti elettrolizzatori). In buona sostanza, i soggetti pubblici e privati che installano tali sistemi sono esonerati dal pagamento degli oneri generali per l’elettricità utilizzata per il loro funzionamento. Parliamo cioè di quei costi destinati a finanziare specifici obiettivi collettivi che riguardano il sistema elettrico come, ad esempio, la produzione di energia rinnovabile o il finanziamento del bonus sociale per le famiglie bisognose (di cui vi parliamo nell’articolo dedicato al bonus bollette).

La misura gestita dal MITE mette a disposizione 450 milioni di euro totali per finanziare progetti finalizzati allo sviluppo della filiera dell’idrogeno verde, elemento fondamentale nel processo di decarbonizzazione dell’industria, dei trasporti e del terziario. Possono richiedere tali agevolazioni i soggetti privati o pubblici in relazione ai consumi annui di energia elettrica da fonti rinnovabili utilizzata per la produzione di idrogeno verde. A livello normativo, le agevolazioni sono state introdotte dal Decreto PNRR 2 e sono disciplinate dal Decreto MITE 21 settembre 2022 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.223 del 23-9-2022.

COS’È L’IDROGENO VERDE

Prima di spiegare come funzionano le agevolazioni previste dal MITE, è bene capire cos’è l’idrogeno verde e perché è importante potenziarne l’utilizzo. Questo elemento rappresenta la variante “green” dell’idrogeno che ad alte concentrazioni crea il cosiddetto “effetto serra” altamente nocivo. L’idrogeno verde on è presente in natura e si produce attraverso il processo di elettrolisi (tramite impianti alimentati da energia elettrica) e a sua volta produce energia e vapore acqueo, senza generare effetti inquinanti. L’idrogeno verde è un elemento importante per la decarbonizzazione di alcuni settori, quali per esempio l’industria chimica e altre attività energivore come la siderurgia e il cemento, l’aviazione e il trasporto marittimo.

A CHI SPETTANO LE AGEVOLAZIONI MITE IDROGENO VERDE

Le agevolazioni messe in campo dal MITE spettano a soggetti, pubblici o privati, in relazione ai consumi annui di energia elettrica da fonti rinnovabili utilizzata per la produzione di idrogeno verde. Ulteriori requisiti generali relativi ai soggetti beneficiari degli incentivi, potrebbero essere resi noti da un successivo provvedimento dell’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (ARERA) su cui vi aggiorneremo.

Ai fini dell’accesso alle agevolazioni, l’energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili deve rispettare quanto previsto dall’articolo 2, comma 1, lettera a) del Decreto Legislativo 8 novembre 2021, n. 199 Deve cioè essere energia proveniente da fonti non fossili (ad esempio energia eolica, solare, termica e fotovoltaica).

COME FUNZIONANO

Grazie ai fondi stanziati dal MITE, l’energia elettrica rinnovabile impiegata in impianti di elettrolisi per la produzione di idrogeno verde non è assoggettata al pagamento della quota variabile degli oneri generali afferenti al sistema elettrico, di cui all’articolo 3, comma 11, del Decreto Legislativo 16 marzo 1999, n. 79. Dunque, l’incentivo viene riconosciuto a consuntivo (quindi a rimborso), a titolo di ristoro degli oneri versati nel rispetto della disciplina in materia di aiuti di Stato.

È cumulabile con le agevolazioni di qualunque natura concesse in favore di impianti di produzione di idrogeno verde, in relazione sia ai costi di investimento che ai costi di funzionamento. L’agevolazione però vale solo per alcuni tipi di impianti e nel rispetto di specifici requisiti. Vediamoli insieme.

IMPIANTI AMMESSI ALLE AGEVOLAZIONI

Gli impianti di produzione di idrogeno verde che danno diritto alle agevolazioni devono soddisfare i seguenti requisiti:

  • essere collegati agli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili attraverso una rete con obbligo di connessione di terzi. In tal caso, l’energia elettrica fornita agli elettrolizzatori è munita di garanzie di origine rinnovabile ai sensi dell’articolo 46 del Decreto Legislativo 8 novembre 2021, n. 199;

  • utilizzare energia elettrica prodotta da impianti a fonte rinnovabile direttamente connessi all’elettrolizzatore.

COME FARE DOMANDA

Non sono stati ancora resi noti i termini con cui è possibile richiedere le agevolazioni per l’idrogeno verde. Entro la fine ottobre 2022, l’ARERA determinerà le modalità di fruizione dell’agevolazione dedicata sia a soggetti pubblici che privati. Non appena vi saranno novità in tal senso, vi aggiorneremo.

RISORSE FINANZIARIE

Dei 450 milioni complessivi previsti dal PNRR, il MITE ha assegnato:

  • 250 milioni a progetti IPCEI (Importanti Progetti di Comune Interesse Europeo) per la realizzazione di impianti per la produzione di elettrolizzatori;

  • 200 milioni ad ulteriori progetti che saranno selezionati attraverso avvisi pubblici di prossima pubblicazione, finalizzati alla realizzazione sia di ulteriori impianti per la produzione di elettrolizzatori, sia di impianti per la produzione di componenti a servizi degli elettrolizzatori stessi.

AGEVOLAZIONI IDROGENO VERDE, OBIETTIVI

Le agevolazioni per l’idrogeno verde descritte danno attuazione all’Investimento 5.2 (M2C2) del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Gli obiettivi di questa misura sono:

  • realizzare entro giugno 2026 una filiera tutta italiana con stabilimenti che producano elettrolizzatori e componenti associati, per una potenza complessiva annua di almeno 1 gigawatt, che consentirà di soddisfare la domanda di idrogeno verde;

  • espandere il mercato dell’idrogeno e a diventare leader in un settore altamente innovativo, creando nuove competenze e posti di lavoro.

RIFERIMENTI NORMATIVI

Decreto Legge PNRR 2 (Pdf 546 Kb) pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.100 del 30 aprile 2022;

Decreto 21 settembre 2022 (Pdf 116 Kb) pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.223 del 23-9-2022.

ALTRI APPROFONDIMENTI E AGGIORNAMENTI

Se volete conoscere le misure introdotte dal Governo per l’ambiente leggere il nostro approfondimento sul piano nazionale di contenimento dei consumi e la guida sul bonus bollette Per scoprire altri bonus e agevolazioni disponibili per famiglie e lavoratori è possibile visitare la nostra pagina dedicata agli aiuti alle persone. Inoltre, per conoscere tutte le agevolazioni a favore dei datori di lavoro, professionisti e partite IVA è possibile visitare la nostra pagina dedicata agli aiuti alle imprese. Consigliamo inoltre di iscriversi gratis alla nostra newsletter, per ricevere tutti gli aggiornamenti, e al nostro canale Telegram, per avere le notizie in anteprima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.



Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti