Incentivi logistica mercati all’ingrosso: Bando e domanda 2022 2023

La guida su come funzionano gli incentivi per la logistica nei mercati all’ingrosso promossi dal MIPAAF: aiuti fino a 10 milioni di euro

Ministero politiche agricole alimentari e forestali, Mipaaf

A partire dal 31 ottobre 2022 è possibile presentare domanda per gli incentivi per la logistica nei mercati all’ingrosso, le sovvenzioni fino a un massimo di 10 milioni di euro per ogni progetto di investimento.

Si tratta di agevolazioni dedicate a soggetti, pubblici o privati, gestori di mercati all’ingrosso operanti nei settori agroalimentare, ittico e florovivaistico.

In questa guida vi spieghiamo come funzionano gli incentivi per la logistica nei mercati all’ingrosso 2022 2023, a chi spettano e come richiederli.

COSA SONO GLI INCENTIVI LOGISTICA MERCATI ALL’INGROSSO

Gli incentivi per la logistica nei mercati all’ingrosso sono sovvenzioni dirette rivolte a soggetti, pubblici o privati, gestori di mercati all’ingrosso operanti nei settori agroalimentare, ittico, florovivaistico. Le agevolazioni, fino a un massimo di 10 milioni di euro per progetto di investimento, supportano iniziative per lo sviluppo della logistica agroalimentare tramite il miglioramento della capacità logistica dei mercati agroalimentari all’ingrosso.

Promossi dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali sono disciplinati dal Decreto Ministeriale 5 agosto 2022 e rientrano nella misura generale di “sviluppo della logistica agroalimentare” che vi spieghiamo in questo articolo.  A disposizione ci sono 150 milioni di euro nell’ambito della competente direttrice del PNRR, l’Investimento 2.1 della Missione 2, Componente 1. Un importo pari almeno al 40% delle risorse è riservato al finanziamento di progetti da realizzare nelle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. Vediamo i dettagli.

A CHI SPETTANO GLI INCENTIVI

Possono presentare domanda per gli incentivi per la logistica nei mercati all’ingrosso e la realizzazione dei relativi interventi di ammodernamento:

  • i soggetti, pubblici o privati, gestori di mercati agroalimentari all’ingrosso;

  • eventuali altri soggetti comunque aventi titolo, ai sensi dell’organizzazione e dell’ordinamento del mercato interessato e della disciplina generale di riferimento, alla realizzazione degli interventi medesimi.

I settori dei mercati interessati sono:

  • agroalimentare;
  • pesca e acquacoltura (ittico);
  • silvicoltura;
  • floricoltura;
  • vivaismo.

REQUISITI

Per ottenere gli incentivi per la logistica nei mercati all’ingrosso, i soggetti alla data della presentazione della domanda, devono essere in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere regolarmente costituiti ed iscritti come attivi nel Registro delle imprese;

  • risultare nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essere sottoposti a procedura concorsuale e non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione coattiva o volontaria, di amministrazione controllata, di concordato preventivo (ad eccezione del concordato preventivo con continuità aziendale) o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente;

  • essere in regola con le disposizioni vigenti in materia di normativa edilizia e urbanistica, del lavoro, della prevenzione degli infortuni e della salvaguardia dell’ambiente ed essere in regola in relazione agli obblighi contributivi;

  • non essere destinatari di un ordine di recupero pendente per effetto di una precedente decisione della Commissione europea che dichiara un aiuto illegale e incompatibile con il mercato interno ed essere in regola con la restituzione di somme dovute in relazione a provvedimenti di revoca di agevolazione concesse dal Ministero;

  • non risultare destinatari, nei 3 anni precedenti alla domanda di agevolazione, di provvedimenti di revoca totale di agevolazioni concesse dal Ministero, ad eccezione di quelli derivanti da rinunce;

  • non trovarsi in condizioni tali da risultare impresa in difficoltà, così come definita all’articolo 2, punto 18 del Regolamento GBER. Inoltre, non trovarsi in condizioni ostative ai sensi della disciplina antimafia di cui Decreto Legislativo 6 settembre 2011, n. 159, ovvero in altre condizioni previste dalla legge come causa di incapacità a beneficiare di agevolazioni finanziarie pubbliche o comunque a ciò ostative.

COME FUNZIONANO GLI INCENTIVI

Gli incentivi per la logistica nei mercati all’ingrosso sono concesse come sovvenzioni dirette agli aventi diritto, sulla base di una procedura valutativa. Per ottenere le agevolazioni fino a un massimo di 10 milioni di euro, i richiedenti devono presentare dei progetti di investimento finalizzati a finanziare la realizzazione o l’ammodernamento di infrastrutture locali mercatali. I progetti devono essere volti a migliorare, a livello locale, il clima per imprese e consumatori e ad ammodernare e sviluppare la base industriale.

Una volta valutati i progetti il MIPAAF formerà una graduatoria secondo questi criteri. Successivamente concederà le agevolazioni fino ad esaurimento della dotazione finanziaria e tenendo conto del vincolo di destinazione territoriale di assegnazione delle risorse.

PROGETTI AMMISSIBILI

Sono ammissibili agli incentivi per la logistica nei mercati all’ingrosso i progetti di investimento volti all’ammodernamento delle infrastrutture di tali spazi. Ogni progetto dovrà avere un costo complessivo non superiore a 20 milioni e non inferiore a 5 milioni di euro. In particolare poi, i progetti devono essere riconducibili a una o più delle seguenti linee d’azione:

  • efficientamento e miglioramento della capacità commerciale e logistica. Ciò, ad esempio attraverso interventi volti a migliorare la capacità di immagazzinaggio, stoccaggio e trasformazione delle materie prime, preservare la differenziazione dei prodotti per qualità, sostenibilità, tracciabilità e caratteristiche produttive; riduzione degli impatti ambientali attraverso interventi di riqualificazione energetica o comunque in grado di ridurre l’impatto ambientale delle attività di commercio e di incrementare la sostenibilità dei prodotti commerciati;

  • riduzione degli sprechi alimentari attraverso, ad esempio, il rafforzamento dei controlli merceologici e la distribuzione delle eccedenze alimentari;

  • rifunzionalizzazione, ampliamento, ristrutturazione e digitalizzazione di aree, spazi e immobili connessi alle attività e ai processi logistici delle aree mercatali;

  • miglioramento dell’accessibilità ai servizi hub e rafforzamento della sicurezza delle infrastrutture mercatali anche mediante l’utilizzo di tecnologie innovative e a zero emissioni.

Per conoscere i dettagli operativi, nonché i requisiti tecnici dei progetti ammissibili, è consigliabile leggere l’articolo 6 comma 2 del bando.

A QUANTO AMMONTANO GLI INCENTIVI

Come accennato, le agevolazioni sono concesse nella forma della sovvenzione diretta fino ad un massimo di euro 10 milioni di euro per progetto di investimento, ferme restando le soglie di costo complessivo del progetto. L’importo dell’agevolazione non può comunque superare la differenza tra i costi ammissibili e il risultato operativo dell’investimento. Ma cos’è il risultato operativo?

Il risultato operativo, del quale il proponente deve fornire gli elementi di calcolo all’atto della presentazione della domanda di agevolazione, viene dedotto dai costi ammissibili ex ante, sulla base di proiezioni ragionevoli e commisurate al periodo di ammortamento dell’infrastruttura locale, o mediante un meccanismo di recupero. Il modello di calcolo da utilizzare per la quantificazione dell’aiuto, nonché le informazioni occorrenti per la corretta compilazione dello stesso, sono quelli definiti dal bando all’articolo 10, comma 2.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili agli incentivi per la logistica nei mercati all’ingrosso, le spese strettamente funzionali alla realizzazione dei progetti, relative a investimenti materiali e immateriali.

Non sono in ogni caso ammissibili le spese per:

  • servizi di consulenza continuativi o periodici o connessi alla consulenza fiscale, alla consulenza legale o alla pubblicità;
  • l’acquisto di beni usati o in leasing;
  • lavori in economia;
  • pagamenti a favore di soggetti privi di partita IVA;
  • prestazioni gestionali;
  • singoli beni di importo inferiore a 500 euro, al netto di IVA;
  • commesse interne;
  • pagamenti effettuati cumulativamente, in contanti e in compensazione.

Non sono ammesse neppure le spese effettuate o fatturate al soggetto beneficiario da società con rapporti di controllo o di collegamento oppure che abbiano in comune soci, amministratori o procuratori con poteri di rappresentanza.

CUMULABILITÀ

Gli incentivi non sono cumulabili con altre fonti di finanziamento pubbliche anche di diversa natura, per lo stesso progetto. La cumulabilità è ammessa per costi diversi all’interno di un progetto o per diverse quote parti del costo di uno stesso bene. Valgono le regole vigenti in materia di aiuti di Stato.

COME PRESENTARE DOMANDA

Le domande di accesso agli incentivi per la logistica nei mercati all’ingrosso devono essere presentate a Invitalia, esclusivamente tramite posta elettronica certificata (PEC), all’indirizzo: [email protected]. Le richieste sono aperte dalle ore 12.00 del 31 ottobre 2022 e fino alle ore 12.00 del giorno 30 novembre 2022.

Tali domande dovranno essere firmate digitalmente dal legale rappresentante ovvero dal procuratore del soggetto proponente. Dovranno essere formulate secondo gli schemi che saranno disponibili nell’apposita sezione dedicata alla misura agevolativa su Invitalia. Vi aggiorneremo non appena saranno online.

BANDO INCENTIVI LOGISTICA MERCATI ALL’INGROSSO

Mettiamo a vostra disposizione il testo integrale del bando per gli incentivi per la logistica nei mercati all’ingrosso 2022 2023 (Pdf 519 Kb). Forniamo anche il testo del Decreto MIPAAF 5 agosto 2022 (Pdf 1 Mb).

ALTRI APPROFONDIMENTI E AGGIORNAMENTI

Se volete conoscere tutte le misure previste dal MIPAAF per lo sviluppo della logistica agroalimentare, vi consigliamo di leggere il nostro articolo sulla misura generale. Se volete invece informazioni sulle misure introdotte dal Governo per aiutare le imprese della filiera agroalimentare, vi consigliamo di leggere il nostro approfondimento sul bonus e-commerce agricoltura e l’articolo dedicato agli incentivi per il fotovoltaico Parco Agrisolare.

Inoltre, potete conoscere tutti gli aiuti per le aziende, visitando la nostra sezione riservata ai bonus e alle agevolazioni disponibili per il mondo delle imprese. Se volete restare aggiornati, è possibile iscriversi gratis alla nostra newsletter e al nostro canale Telegram, per avere le notizie in anteprima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.



Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti