Supplenze docenti 2022 2024: tutte le regole

docenti, insegnanti, scuola infanzia, scuola primaria

In questa guida utile spieghiamo in modo semplice e chiaro tutte le nuove regole per l’assegnazione delle supplenze ai docenti per gli l’anno scolastico 2022/2023 e 2023/2024.

Con il decreto per l’aggiornamento delle GPS, il Ministero dell’Istruzione ha pubblicato anche il nuovo regolamento per l’attribuzione degli incarichi di lavoro a tempo determinato al personale docente. In sostanza, il provvedimento regola il conferimento degli incarichi di supplenza agli insegnanti per il prossimo biennio scolastico.

Ecco tutte le regole MIUR per le supplenze ai docenti 2022/2024.

REGOLAMENTO SUPPLENZE DOCENTI 2022 2024

Con l’Ordinanza Ministeriale n. 112 del 6 maggio 2022, infatti, il Ministero dell’Istruzione ha disciplinato l’aggiornamento, il trasferimento e il nuovo inserimento nelle graduatorie provinciali per le supplenze e nelle graduatorie di istituto su posto comune e di sostegno, nonché l’attribuzione degli incarichi a tempo determinato del personale docente nelle istituzioni scolastiche statali, su posto comune e di sostegno, e del personale educativo. In pratica il provvedimento ministeriale, oltre a dare avvio alla procedura di aggiornamento delle GPS per gli aa.ss. 2022/2023 e 2023/2024, contiene le regole per le supplenze ai docenti relative al prossimo biennio scolastico.

Vediamo in dettaglio il nuovo regolamento per le supplenze ai docenti 2022/2024:

  • le scuole ricorrono alle supplenze quando non è possibile assegnare alle cattedre e ai posti di insegnamento a qualsiasi titolo vacanti e/o disponibili personale con contratto a tempo indeterminato, qualora non sia possibile provvedere con il personale docente di ruolo delle dotazioni organiche, compreso il personale soprannumerario in utilizzazione;

  • i posti di insegnamento a qualsiasi titolo disponibili all’esito delle operazioni di immissione in ruolo sono coperti prioritariamente con i docenti dell’organico dell’autonomia, in possesso di specifica abilitazione o specializzazione sul sostegno. Inoltre:

    il dirigente scolastico può utilizzare i docenti di ruolo in classi di concorso diverse da quelle per le quali sono abilitati, se possiedono i titoli di studio validi per l’insegnamento della disciplina o percorsi formativi e competenze professionali coerenti con gli insegnamenti da impartire, in assenza di aspiranti in possesso del predetto titolo di abilitazione nelle GAE, nelle GPS e nelle graduatorie di istituto;

    nella scuola secondaria di primo e di secondo grado, il dirigente scolastico può, in subordine, coprire le ore di insegnamento pari o inferiori a sei ore settimanali, che non concorrono a costituire cattedra, attribuendole, con il loro consenso, ai docenti in servizio che possiedono specifica abilitazione per l’insegnamento di cui trattasi, prioritariamente al personale con contratto a tempo determinato avente titolo al completamento di orario e, successivamente al personale con contratto ad orario completo (prima al personale con contratto a tempo indeterminato, poi a quello a tempo determinato), fino al limite di 24 ore settimanali come ore aggiuntive oltre l’orario d’obbligo;- se rimangono ore che non è stato possibile assegnare al personale in servizio nella scuola, i dirigenti scolastici provvedono all’assunzione di nuovi supplenti utilizzando le graduatorie di istituto;


  • i posti rimasti vacanti vengono coperti mediante contratti a tempo determinato;

  • i contratti a tempo determinato vengono attivati nei casi di:

    supplenze annuali per la copertura delle cattedre e posti d’insegnamento, su posto comune o di sostegno, vacanti e disponibili entro la data del 31 dicembre e che rimangano presumibilmente tali per tutto l’anno scolastico;

    supplenze temporanee sino al termine delle attività didattiche per la copertura di cattedre e posti d’insegnamento, su posto comune o di sostegno, non vacanti ma di fatto disponibili, resisi tali entro la data del 31 dicembre e fino al termine dell’anno scolastico e per le ore di insegnamento che non concorrano a costituire cattedre o posti orario;- supplenze temporanee per ogni altra necessità diversa dai casi precedenti;


  • le supplenze annuali e temporanee fino al termine delle lezioni sono coperte mediante scorrimento delle GAE, o, se queste sono esaurite o incapienti, mediante scorrimento delle GPS e, in subordine, in caso di esaurimento o incapienza di queste ultime, delle graduatorie di istituto;

  • i supplenti sono individuati dal dirigente dell’ufficio scolastico territorialmente competente per le GAE e per le GPS, o dal dirigente scolastico per le graduatorie di istituto;

  • il conferimento della supplenza si perfeziona con la stipula del contratto di lavoro a tempo determinato, sottoscritto dal dirigente scolastico e dal docente interessato;

  • i contratti a tempo determinato per le supplenze durano, a seconda della tipologia di supplenza:

    – fino al 31 agosto per le supplenze annuali;
    – fino al giorno indicato dal calendario scolastico come termine delle attività didattiche;
    – fino all’ultimo giorno di effettiva permanenza delle esigenze di servizio;


  • le operazioni di conferimento delle supplenze annuali e fino al termine delle lezioni sono informatizzate;

  • per il conferimento della supplenza su posti di sostegno, si procede prioritariamente allo scorrimento degli elenchi aggiuntivi alle GAE, divisi per grado, e, in subordine, delle GPS di prima e poi di seconda fascia per il sostegno per il relativo grado. In caso di incapienza si procede all’individuazione dell’aspirante privo di titolo di specializzazione, attraverso lo scorrimento delle GAE e, in subordine, delle GPS, limitatamente agli aspiranti non inclusi nelle GPS di sostegno del grado relativo, sulla base della migliore collocazione di fascia col relativo miglior punteggio;

  • i posti disponibili per rinuncia del supplente all’incarico sono attribuiti agli aspiranti collocati in posizione di graduatoria successiva rispetto all’ultimo dei candidati convocati;

  • gli aspiranti che rinunciano all’assegnazione della supplenza conferita o che non prendono servizio non possono partecipare ad ulteriori fasi di attribuzione delle supplenze anche per disponibilità sopraggiunte, per tutte le graduatorie cui hanno titolo per l’anno scolastico di riferimento;

  • l’aspirante cui è conferita una supplenza a orario non intero in caso di assenza di posti interi conserva titolo, in relazione alle utili posizioni occupate nelle diverse graduatorie di supplenza, a conseguire il completamento d’orario, esclusivamente nell’ambito della provincia di inserimento, fino al raggiungimento dell’orario obbligatorio di insegnamento previsto per il corrispondente personale di ruolo, tramite altre supplenze a orario non intero, assegnate dagli uffici scolastici territorialmente competenti anche al di fuori della procedura informatizzata;

  • il completamento dell’orario si può conseguire con più contratti di lavoro a tempo determinato da svolgere contemporaneamente solo nel caso di insegnamenti per i quali risulti omogenea la prestazione dell’orario obbligatorio di insegnamento prevista per il corrispondente personale di ruolo;

  • per il personale docente della scuola secondaria il completamento dell’orario di cattedra può realizzarsi per tutte le classi di concorso, sia di primo che di secondo grado, sia cumulando ore appartenenti alla medesima classe di concorso sia con ore appartenenti a diverse classi di concorso;

  • gli aspiranti a cui è conferita una supplenza a orario non intero pur in presenza di disponibilità di posti interi, non hanno titolo a conseguire il completamento d’orario;

  • per conferire le supplenze brevi e temporanee le scuole procedono in questo modo:

    – utilizzano la procedura informatica di consultazione delle proprie graduatorie per verificare la situazione di occupazione totale o parziale o di inoccupazione degli aspiranti;

    – attraverso la procedura informatica, convocano solo gli aspiranti che possono accettare la supplenza breve, ovvero quelli parzialmente occupati o totalmente occupati, e ne verificano la disponibilità o meno ad accettare la proposta di assunzione, che deve essere trasmessa con un preavviso di almeno 24 ore rispetto al termine utile per la risposta di disponibilità da parte dell’aspirante nel caso di supplenza pari o superiori a 30 giorni, o di almeno 12 giorni per le supplenze inferiori a 30 giorni;- il dirigente scolastico, acquisite le disponibilità da parte degli aspiranti, individua il destinatario della supplenza con riferimento all’ordine di graduatoria e ne acquisisce, anche telematicamente, la formale accettazione, dandogli 24 ore di tempo per la presa di servizio effettiva (salvo eccezioni previste dalla normativa vigente). Per le supplenze brevi fino a 10 giorni nelle scuole dell’infanzia e primaria, con il supporto del sistema informativo sono attivate particolari e celeri modalità di interpello con immediata presa di servizio;


  • le supplenze brevi possono essere prorogate al medesimo supplente già in servizio, quando al primo periodo di assenza del titolare ne consegue un altro, a decorrere dal giorno successivo a quello di scadenza del precedente contratto, mentre nel caso in cui al primo periodo di assenza del titolare ne consegua un altro intervallato da un periodo di sospensione delle lezioni, si procede alla conferma del supplente già in servizio a decorre dal primo giorno di effettivo servizio dopo la ripresa delle lezioni;

  • le supplenze temporanee non si possono conferire per il primo giorno di assenza del titolare e per i posti del potenziamento, fatti salvi i casi previsti dalla normativa vigente.

RIFERIMENTI NORMATIVI

Ordinanza Ministeriale n. 112 del 6 maggio 2022.

ULTERIORI INFORMAZIONI

Visita la nostra sezione dedicata alle assunzioni nella scuola e la nostra pagina riservata ai docenti, per conoscere tutte le novità su graduatorie, concorsi, contratto e normative.

Continua a seguirci per restare informato e iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e al nostro canale Telegram, per ricevere tutti gli aggiornamenti e avere le notizie in anteprima. E’ disponibile anche il gruppo Telegram dedicato esclusivamente ai docenti e aspiranti docenti, utile per confrontarsi e chiedere consigli.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti