Bonus edicole 2022: come funziona, requisiti, domanda

La guida completa al bonus edicole 2022. Ecco a chi spetta, come si calcola e come presentare domanda

edicola
Photo credit: Cineberg / Shutterstock.com

Dal 1° settembre è possibile presentare richiesta per il bonus edicole 2022 destinato agli esercenti che si occupano, in via esclusiva, della vendita al dettaglio di giornali, riviste e periodici.

Il credito d’imposta è riconosciuto anche alle imprese di distribuzione della stampa che riforniscono giornali alle rivendite situate nei Comuni con una popolazione inferiore a 5.000 abitanti o in quelli con un solo punto vendita.

In questa guida vi spieghiamo come funziona il bonus edicole 2022, a chi spetta, a quanto ammonta e come presentare domanda.

BONUS EDICOLE 2022, COS’È

Il bonus edicole è un credito d’imposta destinato sia agli esercenti che vendono al dettaglio, in via esclusiva, riviste, giornali e periodici, sia alle imprese di distribuzione della stampa. Ha un importo variabile che cambia a seconda di specifici requisiti, e più arrivare ad un un massimo di 4.000 euro. A livello normativo, il tax credit edicole è stato introdotto dalla Legge di Bilancio 2019, ma poi modificato dal Decreto Sostegni Bis convertito in Legge che ha stabilito il limite di spesa di 15 milioni di euro per per il 2021 e il 2022.

Dal punto di vista operativo, a disciplinare questo credito d’imposta è il DPCM 31 maggio 2019, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 177 del 30 luglio 2019, mentre la Circolare del Capo del Dipartimento per l’informazione e l’editoria del 17 luglio 2020 ha fornito precisazioni in merito alle modalità applicative dall’anno 2020 in poi. Ma andiamo a vedere a chi spetta esattamente il bonus edicole 2022, come funziona e come richiederlo.

A CHI SPETTA

Il tax credit che permette di recuperare le spese sostenute dall’attività di vendita è riconosciuto ai seguenti soggetti:

  • agli esercenti attività commerciali che operano esclusivamente nel settore della vendita al dettaglio di giornali, riviste e periodici;

  • alle imprese di distribuzione della stampa che riforniscono giornali quotidiani o periodici a rivendite situate nei Comuni con una popolazione inferiore a 5.000 abitanti e nei Comuni con un solo punto vendita.

Si precisa che il Decreto Sostegni Bis convertito in Legge ha ristretto la platea dei destinatari previsti rispetto agli anni 2019 e 2020, escludendo dal 2021 le attività abilitate al commercio al minuto dei giornali che non possiedono il requisito dell’esclusività.

REQUISITI

Sono ammessi al tax credit edicole 2022 i soggetti che rispecchiano i seguenti requisiti:

  • hanno sede legale in uno Stato dell’unione europea o nello Spazio economico europeo;

  • hanno residenza fiscale in Italia, ovvero una stabile organizzazione sul territorio nazionale, a cui sia riconducibile l’attività commerciale cui sono correlati i benefici.

Inoltre, per gli anni 2021 e 2022, i richiedenti devono presentare l’indicazione nel Registro delle Imprese dei codici di attività ATECO indicati nel DPCM 31 maggio 2019 e nella Circolare del Capo del Dipartimento del 17 luglio 2020 e, in particolare:

  • nel caso di attività commerciali che operano esclusivamente nel settore della vendita al dettaglio di giornali, riviste e periodici: la presenza del codice attività primario 47.62.10;

  • nel caso di imprese di distribuzione della stampa che riforniscono giornali quotidiani o periodici: la presenza del codice attività primario 82.99.20.

A QUANTO AMMONTA IL BONUS EDICOLE

Il bonus edicole 2022 è riconosciuto nella misura massima di 4.000 euro per ciascun esercente, nel rispetto dei limiti di cui al Regolamento UE sugli aiuti di Stato de minimis. Il valore del credito viene parametrato agli importi pagati dal titolare del singolo punto vendita per i locali in cui si esercita la vendita, nell’anno precedente a quello della domanda di accesso al credito d’imposta, con riferimento alle seguenti voci:

  • imposta municipale unica (IMU);
  • tassa per i servizi indivisibili (TASI);
  • canone per l’occupazione di suolo pubblico (COSAP);
  • tassa sui rifiuti (TARI);
  • spese per locazione, al netto dell’imposta sul valore aggiunto (IVA).

Dall’anno 2020, il credito di imposta può essere anche parametrato agli importi pagati nell’anno precedente per i servizi:

  • di fornitura di energia elettrica;
  • telefonici e di collegamento a Internet;
  • di consegna a domicilio delle copie di giornali.

Infine, a partire dagli anni 2021 e 2022, il tax credit viene calcolato anche in base agli importi pagati nell’anno precedente per l’acquisto o il noleggio di:

  • registratori di cassa o registratori telematici;
  • dispositivi POS.

COME FUNZIONA IL BONUS EDICOLE 2022

Il bonus edicole è valido fino a un massimo di 4.000 euro per ogni esercente o impresa avente diritto. Il tax credit può essere riconosciuto soltanto in compensazione tramite il modello F24 presentato esclusivamente attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate. La Risoluzione n. 107/E del 18 dicembre 2019 ha stabilito, per la fruizione, il codice tributo “6913”.

Dopo la richiesta e terminata l’istruttoria delle domande, l’elenco dei beneficiari del credito e degli importi attribuiti viene approvato con Decreto del capo Dipartimento per l’Informazione e l’Editoria e pubblicato online entro il 31 dicembre di ciascuno anno cui si riferisce l’agevolazione. Il credito è utilizzabile, per compensare debiti fiscali, dal 5° giorno lavorativo successivo alla pubblicazione dell’elenco dei beneficiari.

SCADENZA DOMANDA 2022

Gli esercenti che intendono accedere al bonus edicole per l’anno 2022 devono presentare domanda al Dipartimento dell’informazione e dell’editoria tra il 1° settembre ed il 30 settembre 2022.

COME PRESENTARE DOMANDA PER IL BONUS EDICOLE

La richiesta del tax credit edicole 2022 avviene tramite l’accesso al portale impresainungiorno.gov.it seguendo questi step:

  • si accede alla sezione “L’impresa e la PA centrale” e si seleziona l’area “Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per l’informazione e l’editoria”;

  • l’accesso al servizio di compilazione e presentazione della domanda è consentito dal link “La mia scrivania”.

L’autenticazione è possibile esclusivamente attraverso SPID o CNS o CIE.

ASSISTENZA ALLA DOMANDA

Per tutte le istruzioni sulla compilazione della domanda è possibile consultare il manuale utente della procedura. Invece, per l’assistenza tecnica per l’accesso al portale o per la compilazione della domanda si può contattare l’Help Desk al numero 0664892717, dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 17:00. Per richieste di chiarimento sul credito di imposta è anche possibile inviare un messaggio all’indirizzo di posta elettronica [email protected].

RIFERIMENTI NORMATIVI

Legge di Bilancio 2019 (Pdf 705 Kb);
Decreto Sostegni Bis convertito in Legge – Testo coordinato (Pdf 2 Mb);
DPCM 31 maggio 2019 (Pdf 93 Kb);
Circolare del Capo del Dipartimento per l’informazione e l’editoria del 17 luglio 2020 (Pdf 309 Kb).

ALTRI AIUTI E AGGIORNAMENTI

Se volete conoscere tutte le agevolazioni a favore di aziende e attività commerciali è possibile visitare la nostra pagina dedicata agli aiuti alle imprese. Consigliamo inoltre di iscriversi gratis alla nostra newsletter, per ricevere tutti gli aggiornamenti, e al nostro canale Telegram, per avere le notizie in anteprima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.



Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti