Regole Messa a Disposizione 2022 2023: tutte le novità

Tutte le regole per la messa a disposizione docenti 2022/2023: ecco cosa cambia per la domanda MAD e tutte le indicazioni

scuola, insegnanti, insegnare

In questa guida utile ti spieghiamo in modo semplice e chiaro le regole della messa a disposizione 2022/2023 per le supplenze ai docenti.

Anche quest’anno il Ministero dell’Istruzione ha autorizzato il ricorso alla MAD per reclutare i supplenti da assumere a copertura dei posti che non è stato possibile coprire attingendo dalle graduatorie GPS, GAE E GI.

Vediamo in dettaglio cosa cambia per la messa a disposizione a.s. 2022/23 e le nuove norme del Ministero dell’Istruzione.

NOVITÀ MESSA A DISPOSIZIONE 2022/23

Anche quest’anno, dunque, i dirigenti scolastici possono ricorrere alla messa a disposizione per assumere docenti supplenti. Si tratta della domanda che gli aspiranti insegnanti inviano alle scuole per dichiarare la propria disponibilità ad effettuare delle supplenze per l’a.s. 2022/2023. In base a quanto previsto dal regolamento per le supplenze ai docenti pubblicato dal MIUR con la circolare del 29 luglio 2022 e con l’Ordinanza Ministeriale n. 112 del 6 maggio 2022, questa procedura viene attivata per coprire i posti che non è stato possibile assegnare mediante le convocazioni da GPS, GAE e GI.

I supplenti, infatti, vengono convocati dalle graduatorie provinciali per le supplenze (GPS), dalle graduatorie ad esaurimento (GAE) e dalle graduatorie di istituto (GI). Per tutti i dettagli sull’ordine di convocazione per le supplenze ai docenti 2022/23 puoi leggere questo approfondimento. Una volta esaurite le graduatorie di istituto, comprese quelle delle istituzioni scolastiche più vicine, i dirigenti scolastici possono avvalersi degli aspiranti docenti che hanno fatto istanza di MAD per conferire gli incarichi di supplenza.

Vediamo nel dettaglio tutte le regole per inviare la MAD per i docenti valide per il prossimo anno scolastico.

NUOVE REGOLE MESSA A DISPOSIZIONE – MAD

Ecco le regole MIUR per la messa a disposizione docenti 2022/23:

  • i dirigenti scolastici possono ricorrere alle MAD solo dopo l’esaurimento delle graduatorie di istituto;

  • l’istanza MAD si può inviare per una sola provincia, che deve essere dichiarata espressamente nella domanda;

  • possono fare domanda di messa a disposizione solo i docenti che non sono iscritti nelle graduatorie della stessa o di altra provincia;

  • se pervengono più domande viene data precedenza ai docenti in possesso dell’abilitazione e della specializzazione;

  • le domande MAD rese in autocertificazione devono contenere tutte le dichiarazioni necessarie per consentire la verifica puntuale dei requisiti da parte dei dirigenti scolastici, compresi gli estremi del conseguimento del titolo di abilitazione e/o di specializzazione;

  • i contratti a tempo determinato stipulati tramite MAD sono soggetti agli stessi vincoli e criteri previsti dall’Ordinanza MIUR n. 112/2022, che regole le supplenze ai docenti, incluse le sanzioni previste dall’articolo 14 per la mancata accettazione o l’abbandono dell’incarico di supplenza, che vi spieghiamo in questo approfondimento.

La circolare MIUR sulle supplenze per l’a.s. 2022/23 non prevede norme specifiche per il sostegno. Inoltre non indica specifiche disposizioni per la MAD ATA per la quale, dunque, non ci sono vincoli relativi al prossimo anno scolastico.

COME INVIARE LA MAD

Per tutte le informazioni su come inviare la MAD 2022/23, scaricare i moduli di domanda gratis e gli indirizzari delle scuole puoi consultare queste pagine:

ULTERIORI INFORMAZIONI E AGGIORNAMENTI

Continua a seguirci per restare informato su tutte le novità su assunzioni, graduatorie e concorsi per docenti, visitando la nostra pagina riservata ai docenti.

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita per ricevere tutti gli aggiornamenti e al nostro canale telegram per avere le notizie in anteprima. E’ inoltre disponibile il gruppo telegram dedicato ai docenti e aspiranti docenti, utile per confrontarsi e avere consigli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.



Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti