Supplenze ATA terza fascia 2021 2022: le novità

scuola, aula

Il nuovo anno scolastico vede diverse novità per le supplenze dalle graduatorie ATA di terza fascia.

Per l’a.s. 2021-2022, infatti, sono previste ulteriori assunzioni, oltre a quelle ordinarie, per le esigenze legate all’emergenza coronavirus e supplenze per sostituire il personale privo di green pass. Torna, inoltre, l’organico covid, ma i contratti durano solo fino a fine anno, e diventano disponibili per incarichi di supplenza i posti residuati dalle immissioni in ruolo degli ex LSU ATA.

Ti spieghiamo in modo semplice e chiaro cosa cambia per le supplenze ATA terza fascia 2021/22.

NOVITA SUPPLENZE ATA TERZA FASCIA

Dal mese di settembre partono le convocazioni relative alle nomine per le supplenze ATA da terza fascia. Gli Uffici scolastici hanno provveduto, infatti, a pubblicare le graduatorie ATA terza fascia definitive valide per il triennio scolastico 2021/23, da cui le scuole possono attingere per assumere supplenti. Ricordiamo che le supplenze ATA, sia annuali che temporanee, sono conferite utilizzando la terza fascia delle graduatorie ATA solo una volta esaurite le graduatorie di prima fascia (graduatorie ATA 24 mesi) e seconda fascia.

Quest’anno il MIUR ha introdotto diverse novità per l’assegnazione delle supplenze dalle graduatorie ATA di terza fascia. Vediamo nel dettaglio quali:

1. Nuovi contratti per l’organico covid.

Anche per il prossimo anno scolastico le scuole potranno ricorrere al c.d. organico covid per far fronte alle esigenze legate alla prevenzione del rischio di contagio da covid e allo svolgimento in sicurezza delle attività scolastiche. Si tratta di assunzioni straordinarie autorizzate dal decreto sostegni-bis, che ha previsto la possibilità di attivare ulteriori contratti a tempo determinato per docenti e personale ATA per l’a.s. 2021/22. Stando a quanto riportato nel parere tecnico del 13 agosto rilasciato dal MIUR sul decreto-legge n. 111/2021, sono 22.000 i posti riservati al personale ATA – amministrativo, tecnico e ausiliario da assumere per le finalità connesse all’emergenza epidemiologica (altri 20.000 posti sono riservati invece ai docenti).

Gli incarichi di lavoro sono a tempo determinato, con termine al 30 dicembre 2021. Dunque, al contrario dello scorso anno, non dureranno fino al termine delle lezioni. Tuttavia i contratti potrebbero essere prorogati per l’intero anno scolastico. Il Ministero dell’Istruzione ha sottoscritto, infatti, con i sindacati, il protocollo di sicurezza del 14 agosto 2021 per l’avvio del nuovo anno scolastico, che prevede l’impegno del MIUR a garantire le attività scolastiche in presenza per tutto l’anno scolastico e il recupero degli apprendimenti.

Quindi, se lo stato emergenziale dovesse richiederlo, l’organico covid potrebbe essere impiegato fino al termine dell’anno scolastico. Inoltre, il presidente Commissione Cultura Scienza e Istruzione, Vittoria Casa, ha chiesto un emendamento al decreto-legge 6 agosto 2021, n. 111 che, per il prossimo anno scolastico, autorizza i dirigenti degli USR ad assumere a tempo determinato docenti e personale ATA fino al termine delle lezioni.

2. Supplenze al personale senza green pass.

Il decreto-legge n. 111/2021 prevede l’obbligo di possedere ed esibire la certificazione verde covid, ovvero il c.d. green pass, per il personale scolastico, dal 1° settembre al 31 dicembre 2021. Docenti e ATA sprovvisti di certificazione sono considerati assenti ingiustificati e sospesi dal servizio a partire dal quinto giorno di assenza. Questo personale sarà sostituito da supplenti, che saranno convocati dalle graduatorie di istituto direttamente dai dirigenti scolastici. Il MIUR, nel parere tecnico del 13 agosto, ha chiarito che le supplenze avranno decorrenza dal quinto giorno di assenza ingiustificata, ossia dal primo giorno di sospensione dal servizio. La durata degli incarichi sarà variabile, in quanto dureranno fino al rientro dell’assente ingiustificato.

3. Ulteriori assunzioni per controlli covid.

Il protocollo di sicurezza del 14 agosto per l’avvio delle attività scolastiche in presenza autorizza l’impiego di ulteriori unità di personale ATA di supporto per le attività di controllo relative alle norme di contrasto del contagio da covid-19. Nello specifico, stabilisce che, in base a necessità, è possibile reclutare, su richiesta della singola istituzione scolastica, una o più unità di personale ATA a tempo determinato presso ciascuna istituzione scolastica, per supportare il dirigente scolastico negli adempimenti derivanti dall’applicazione della normativa anticovid.

4. Supplenze su posti ex LSU ATA.

I posti residuati dalle immissioni in ruolo del personale ATA ex LSU sono disponibili per l’assegnazione di supplenze temporanee fino al termine delle attività didattiche (30 giugno). Il MIUR, attraverso la nota n. 26615 del 26 agosto 2021, ha fornito agli USR le indicazioni operative per il conferimento dei contratti di supplenza sui posti eventualmente residuati, al fine di garantire il regolare svolgimento delle attività didattiche in idonee condizioni igienico-sanitarie. Per tutti i dettagli potete leggere questo approfondimento.

COME RESTARE AGGIORNATI

Vi terremo informati su tutte le novità per le supplenze ATA da terza fascia. Continuate a seguirci, iscrivendovi gratis alla nostra newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti e al nostro canale telegram per vedere le notizie in anteprima. Per confrontarsi con altri candidati è disponibile inoltre il gruppo telegram dedicato al personale ATA.

Visitate anche la nostra sezione dedicata agli ATA, per essere aggiornati su concorsi, assunzioni, immissioni in ruolo, graduatorie e normative.

Subscribe
Notificami
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments