Assegno Unico per figli maggiorenni fino a 21 anni: come funziona

Tutto quello che c’è da sapere sull’Assegno Unico in caso di figli maggiorenni fino a 21 anni

giovani, maggiorenni, ragazzi

L’Assegno Unico Universale è riconosciuto ai nuclei familiari anche per ciascun figlio maggiorenne a carico, fino al compimento dei 21 anni, per il quale ricorrano determinate condizioni.

Si tratta di un’erogazione economica mensile da parte dell’INPS che, superata la maggiore età del figlio, continua a essere versata ma solo in casi particolari, per esempio se il figlio risulta disoccupato o iscritto ad un corso di formazione scolastica o professionale.

In questa guida vi spieghiamo in modo chiaro e completo quali sono le regole per l’erogazione dell’Assegno Unico alle famiglie al cui interno sono presenti figli maggiorenni fino a 21 anni, dall’importo riconosciuto ai requisiti per la domanda.

REQUISITI ASSEGNO UNICO PER FIGLI MAGGIORENNI

L’Assegno Unico Universale è riconosciuto ai nuclei familiari per ciascun figlio a carico, anche maggiorenne e fino al compimento dei 21 anni di età, se risulta che lo stesso si trovi in una delle seguenti condizioni, ovvero:

  • frequenti di un corso di formazione scolastica o professionale, oppure un corso di laurea;

  • svolga un tirocinio oppure un’attività lavorativa e possieda un reddito complessivo inferiore a 8.000 euro annui;

  • sia registrato come disoccupato e in cerca di un lavoro presso i servizi pubblici per l’impiego;

  • svolga il servizio civile universale.

Tali condizioni, come ha specificato l’INPS nella Circolare n. 23 del 2022, devono sussistere al momento della domanda e per tutta la durata della prestazione. Non sono state previste, con la Legge di Bilancio 2023, maggiorazioni per le famiglie con figli maggiorenni ma solo alcuni aumenti che vi spieghiamo in questo focus.

Ma andiamo a vedere, più da vicino, quali sono le regole specifiche relative a ciascuna condizione sopraindicata.

1) IL CASO DEL FIGLIO LAVORATORE

Nelle ipotesi in cui la richiesta riguardi un figlio maggiorenne fino ai 21 anni che faccia parte del nucleo familiare e svolga un’attività lavorativa bisogna compiere ulteriori precisazioni. Il figlio, affinché venga riconosciuto l’Assegno Unico, deve essere considerato facente parte del nucleo familiare indicato ai fini ISEE, e ciò avviene nei seguenti casi:

  • se convivente con uno o entrambi i genitori a prescindere dal carico fiscale a patto che, nell’anno di riferimento della domanda, il figlio non possieda un reddito complessivo ai fini IRPEF superiore a 8.000 euro;

  • se non convivente con i genitori, sia a carico di questi ai fini IRPEF e non sia coniugato o a sua volta genitore. In tal caso il figlio può comunque fare parte del nucleo dei suoi genitori in cui “viene attratto” ma solo se nei due anni precedenti alla richiesta di Assegno Universale il reddito complessivo lordo non superi la soglia dei 4.000 euro e, nell’anno di riferimento dell’Assegno il reddito complessivo lordo presunto (quello che si presume verrà percepito nell’anno in base a quanto percepito nell’anno precedente) non superi gli 8.000 euro.

Il limite di reddito complessivo lordo presunto, pari a 8.000 euro, non si applica per i figli maggiorenni disabili.

2) IL CASO DEL FIGLIO MAGGIORENNE IN AFFIDAMENTO

Il figlio maggiorenne, per il quale sia stato disposto un provvedimento di affidamento temporaneo prorogato fino ai 21 anni, può scegliere di fare nucleo a sé stante o fare parte del nucleo familiare dell’affidatario. Ciò, in analogia a quanto previsto per i minorenni dall’articolo 3, comma 4, del DPCM n. 159 del 2013. Nel caso di neomaggiorenni in uscita da convivenza anagrafica o affidamento temporaneo, infatti, il principio di attrazione “al nucleo familiare naturale” non si applica. Il figlio fa parte di un nucleo diverso da quello dei genitori presentando direttamente o per il tramite dell’affidatario la domanda di Assegno Unico.

3) IL CASO DELLA MAGGIORE ETÁ RAGGIUNTA DOPO LA DOMANDA

Nell’ipotesi di figli che raggiungono la maggiore età successivamente all’inoltro della domanda (ad esempio, la domanda è presentata a marzo dai genitori per un figlio minorenne, che poi diventa maggiorenne a settembre), è prevista la possibilità che il figlio presenti domanda per conto proprio. In questo caso, la domanda del figlio comporta la decadenza della “scheda” presente nella domanda del genitore che viene quindi cancellata. A quel punto l’erogazione della prestazione prosegue direttamente al figlio maggiorenne, limitatamente alla quota di assegno a lui spettante.

Qualora invece il figlio divenuto maggiorenne non presenti domanda per conto proprio, a partire dal mese di compimento del diciottesimo anno, la domanda verrà messa in stato “Evidenza” per consentire al cittadino l’integrazione delle dichiarazioni relative al figlio maggiorenne sulla base delle ulteriori condizioni previste per i figli maggiorenni fino ai 21 anni sopradescritte. Il genitore deve accedere nella sezione “Consulta e gestisci le domande che hai presentato”, selezionare la “scheda” relativa al figlio neomaggiorenne e accedere alla nuova pagina, nella quale dovrà selezionare la presenza di una delle condizioni alternative.

Dopo il salvataggio dei dati inseriti, la domanda integrata è posta nuovamente in istruttoria per le necessarie verifiche, con riconoscimento, in caso di esito positivo, delle somme arretrate spettanti (dal mese successivo a quello di compimento della maggiore età). Nel Messaggio INPS n° 1714 del 20-04-2022 l’INPS ricorda che l’integrazione è possibile solo fino alla fine dell’anno di riferimento della prestazione e cioè fino al 28 febbraio dell’anno successivo. Una volta scaduta la validità della domanda, non sarà più possibile effettuare l’integrazione dei dati mancanti.

IMPORTO ASSEGNO UNICO FIGLI MAGGIORENNI

Per ciascun figlio maggiorenne fino al compimento dei 21 anni, l’importo dell’Assegno Unico previsto è pari a 85 euro mensili se l’ISEE è uguale o inferiore a 15.000 euro. Per livelli di ISEE superiori, esso si riduce gradualmente fino a raggiungere un valore pari a 25 euro in corrispondenza di un ISEE pari a 40.000 euro (o quando non sia presentato alcun ISEE). Per approfondire come funziona calcolo e aggiornamento ISEE assegno unico 2023 mettiamo a vostra disposizione la nostra guida.

Per l’anno 2023, stando ai dati della Circolare INPS n. 41 del 07-04-2023, gli importi per i figli maggiorenni rivalutati in base all’ISTAT variano da 91,9 euro a 27 euro per l’ISEE superiore a 43.240 euro. Vi rimandiamo all’apposita tabella INPS per conoscere le cifre esatte.

Tali importi valgono anche in caso di figlio maggiorenne con disabilità per cui, come vi spieghiamo nella guida sull’assegno unico per figli disabili e anche nella guida generale sull’Assegno Unico, non sussistono limiti di età ma sono previste delle maggiorazioni .

COME RICHIEDERE L’ASSEGNO UNICO FIGLI MAGGIORENNI

La domanda per l’Assegno Unico per figli maggiorenni può essere avanzata dal genitore oppure direttamente dal giovane fino al compimento dei 21 anni. La somma, va specificato, viene versata a favore del soggetto richiedente.

Se la domanda viene presentata dal genitore, l’istanza può essere presentata attraverso i seguenti canali:

  • in autonomia sul portale web INPS, utilizzando l’apposito servizio che si trova semplicemente cercando ‘assegno unico figli’ nel campo di ricerca (con accesso attraverso SPID, CNS o CIE);
  • con l’aiuto del Contact Center Integrato INPS, contattando il numero verde 803.164 (gratuito da rete fissa) o il numero 06 164.164 (da rete mobile a pagamento, in base alla tariffa applicata dai diversi gestori);
  • con il supporto di istituti di Patronato, utilizzando i servizi offerti gratuitamente dagli stessi. In pratica gli esperti del patronato presentano per nostro conto la domanda, effettuando la procedura sul sito INPS.

Superata la maggiore età del minore, la richiesta per ottenere l’Assegno Unico può partire sia dal genitore che direttamente dal figlio o dalla figlia (fino al compimento dei 21 anni e se ricorrono le condizioni previste dal legislatore). È possibile presentare domanda anche successivamente a quella presentata dal genitore che, in questo caso, viene annullata e sostituita. Per procedere è necessario accedere al servizio online disponibile sul portale INPS che, come per i genitori, è accessibile tramite:

Nella homepage dell’area dedicata all’Assegno Unico bisogna selezionare “nuova domanda come figlio maggiorenne” e indicare i seguenti dati:

  • svolgimento di una delle attività che danno diritto a ricevere i benefici fino ai 21 anni;

  • convivenza con i genitori;

  • codice fiscale dei genitori.

Quando a presentare domanda è il figlio o la figlia maggiorenne, il pagamento dell’Assegno Unico viene erogato direttamente sul conto corrente di chi effettua la richiesta. In questo caso, l’IBAN deve essere intestato al figlio maggiorenne che richiede la prestazione o a lui cointestato.

RIFERIMENTI NORMATIVI E DI PRASSI

LA GUIDA SULL’ASSEGNO UNICO UNIVERSALE 2023

Per aiutare tutte le famiglie che desiderano comprendere meglio il funzionamento dell’Assegno Unico figli, il calcolo, i casi specifici di maggiorazione, i casi di compatibilità, quando e come presentare domanda, abbiamo creato una guida molto chiara e dettagliata che vi invitiamo a consultare visitando questa pagina.

ALTRI AIUTI E AGGIORNAMENTI

Vi consigliamo la lettura del nostro articolo che analizza la proposta al vaglio del Governo di introdurre nuove maggiorazioni assegno unico in caso di secondo figlio. Vi rimandiamo invece alla nostra guida su detrazioni figli a carico per sapere a chi spettano e secondo quali modalità. A vostra disposizione anche l’articolo che riassume le novità riguardo l’aumento Assegno Unico Universale dal 2024: quando scatta e per chi.

Potrebbe interessarvi anche la nostra guida ai pagamenti Assegno Unico di dicembre 2023 e quella su importo minimo assegno unico, a quanto ammonta e come evitarlo.

Per conoscere altri aiuti, bonus e agevolazioni disponibili per famiglie e lavoratori potete visitare la nostra sezione dedicata agli aiuti alle persone. A vostra disposizione anche il nostro articolo che vi spiega come usare il simulatore INPS per il calcolo dell’Assegno Unico. Per approfondire vi rimandiamo inoltre al nostro articolo che spiega come e quanto sono compatibili Reddito di cittadinanza e Assegno unico.

Vi ricordiamo infine che i percettori di Reddito di cittadinanza fino a dicembre e Assegno di Inclusione, nonché i beneficiari di SFL non riceveranno più in automatico l’importo, per cui dovranno presentare nuova domanda secondo le regole che vi abbiamo illustrato nella nostra guida.

Vi invitiamo anche ad iscrivervi alla nostra newsletter gratuita per ricevere tutti gli aggiornamenti e al canale Telegram, per leggere le notizie in anteprima.

di Eleonora C.
Redattrice, esperta di leggi, lavoro pubblico e previdenza.
© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.

Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita e al nostro Canale Telegram. Seguici su Google News cliccando su "segui".

4 Commenti

Scrivi un commento
  1. Mio figlio e maggiorenne, la nostra domanda è stata bloccata da aprile a luglio per cambio invalidità.
    Accettata a inizio luglio, poi il 26 luglio e in stato di decaduta..come possibile?..
    Due anni fa eravamo percettori di rdc poi nn lo ho più rinnovato..
    può essere stata chiusa per errore di fine rdc??..

    • Le consigliamo di chiamare il contact center INPS per chiedere chiarimenti. Il Contact center è raggiungibile componendo il numero 803 164, gratuito da telefono fisso e il numero 06 164 164 da cellulare, a pagamento in base alla tariffa applicata dai diversi gestori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *