Come superare la delusione di un colloquio di lavoro andato male?

Tante sono le dinamiche che entrano in gioco quando si viene rifiutati dopo un colloquio di lavoro. La sintesi della tua reazione: non perdere di vista l’obiettivo. Anche quando la delusione si fa sentire. Come risolvere il problema?

Colloquio lavoro andato male

Un passaggio che tutti devono affrontare. Il colloquio di lavoro andato male è uno degli step che nessuno vorrebbe vivere. Ma fa parte del gioco, non si può iniziare la ricerca del lavoro senza mettere in conto la possibilità di essere scartati. E di aver fatto l’ennesimo colloquio inutilmente.

Ma non si può e non è giusto parlare di passaggio inutile. Un colloquio andato male è comunque parte del bagaglio di conoscenze ed esperienze.

Da un confronto negativo – nel senso che si è concluso con un nulla di fatto – con quelli che potevano essere i tuoi prossimi datori di lavoro può nascere una consapevolezza nuova. Che ti aiuterà a migliorare i futuri colloqui.

Non anticipare l’esito e concentrarti sul peggio 

Il primo passo da affrontare è la consapevolezza. Spesso il vero problema non è l’esito ma l’attesa di un’eventuale risposta. I giorni si susseguono e non arrivano notizie, una condizione che aumenta l’ansia e l’agitazione.

La preoccupazione si fa sentire perché è normale esigere un feedback dopo il colloquio di selezione per il lavoro. Anche se è stato via telefono.

Nella maggior parte dei casi gli esaminatori avvisano il candidato rispetto ai tempi di una possibile risposta, sia negativa che positiva. Se il colloquio si interrompe senza riferimenti in merito alle possibili date si può sempre chiedere, prima di lasciare la sala, eventuali chiarimenti sull’esito.

Come capire se il colloquio è andato male?

Tanti possono essere i segnali. L’esaminatore chiude in modo frettoloso il colloquio, ignora le risposte dopo un passaggio, dal punto di vista della postura e del linguaggio del corpo incrocia le braccia ed evita il contatto visivo con chi si trova di fronte. Potrebbero essere segnali di insuccesso?

Sì. Ma non anticipare subito eventuali risultati dell’incontro. Ci sono mille modi per tentare di capire se un colloquio di lavoro è andato male o bene, in realtà potrebbero esserci altrettante combinazioni per metterti fuori strada.

Durante il colloquio concentrati sulle domande, dopo aspetta l’esito. Al massimo chiedi chiarezza rispetto alle date di comunicazione.

Cosa fare se il colloquio di lavoro è andato male?

Due alternative: nessuna risposta dopo il colloquio o esito negativo. In ogni caso è chiaro un punto, bisogna andare avanti. Ma come?


Essere scartati a un colloquio non vuol dire che la tua ricerca deve interrompersi. A volte è segno che ci può essere qualcosa di meglio.

C’è da dire che dopo i colloqui di lavoro finiti male bisogna rimboccarsi le maniche. In che modo? Ecco una serie di consigli utili per affrontare il tema.

Come ringraziare dopo un colloquio andato male

A volte l’esito dell’incontro viene comunicato immediatamente, in sede. In altre circostanze si deve aspettare qualche giorno, o magari settimane.

In ogni caso è utile rispondere all’esito negativo con educazione e propensione all’accordo. Una prova di lavoro andata male non vuol dire rinunciare ad avere relazioni con l’azienda che ha scartato la candidatura.


Forse il colloquio non è andato male, sei solo inadeguato per quella posizione. In futuro potrebbero aver bisogno della tua figura e ringraziare con educazione ricordando che sei sempre pronto a rispondere a nuove occasioni di lavoro può essere il modo giusto per lasciare una porta aperta.

Pensa con la mente dell’azienda

Potrebbe essere questa la soluzione per iniziare a riflettere in modo diverso rispetto al colloquio di lavoro andato male. Tu cosa avresti fatto al posto di chi ha ascoltato le tue risposte? Prova a valutare in modo oggettivo.

Non viziare questo esercizio con quella che può essere la percezione positiva del tuo operato. Ci sono elementi che non si devono ignorare. Dove hai sbagliato? Tu cosa avresti fatto di fronte alla risposta così come l’hai presentata al pubblico che ti ascoltava? Dando una valutazione onesta a questi dubbi puoi trovare delle spiegazioni per fare un passo avanti.

Cercare di capire perché sei stato rifiutato

Questa è la fase più importante per avere sotto controllo le future attività. Che sia un colloquio motivazionale o una selezione avanzata, devi cercare di fare mente locale per capire cosa hai sbagliato. A volte basta un’incertezza.


Spesso è la risposta d’impulso a rovinare il colloquio. Oppure può essere un’immagine errata della tua persona come, ad esempio, un abbigliamento che non ti appartiene. O, ancora, un’opinione legata alla politica.

Ricominciare subito con altri colloqui di lavoro

Il passo fondamentale: riprendere il ritmo senza perdere di vista l’obiettivo. Fare tanti colloqui di lavoro può essere sfibrante, soprattutto se le sedi si trovano lontano da casa e in altre regioni d’Italia, ma l’esito di un incontro andato male (o addirittura non comunicato) non deve trasformarsi in freno.

Essere scartati a un colloquio può diventare motivo di delusione, soprattutto se è l’ennesimo rifiuto d’incarico, ma non bisogna mai concentrarsi sulle risposte negative come un giudizio verso la propria identità. L’esaminatore non giudica la tua persona tout court ma gli aspetti che riguardano la singola condizione. E riflettendo sugli errori puoi solo migliorare.

Come trasformare amarezza in voglia di ricominciare

Bisogna guardare verso il futuro ed evitare di soffermarsi su quelle che sono state le incertezze e le valutazioni errate in fase di colloquio.


Il punto più importante è stato già citato: non bisogna considerare il rifiuto come una valutazione sulla persona. Anche se è stato un incontro sbrigativo, intorno ai 10 minuti, non vuol dire che hai ricevuto una sentenza su tutto ciò che puoi fare per trovare lavoro.

Anzi, il modo migliore per trasformare l’amarezza in nuova grinta e lena per ricominciare a trovare lavoro deve essere proprio questo. Devi concentrarti sul miglioramento che puoi mettere in campo per presentarti nel miglior modo possibile al prossimo incontro. Magari attivando i consigli per superare un colloquio di lavoro con successo, come ad esempio:

  • Informarsi prima di arrivare all’incontro.
  • Curare l’abbigliamento ed evitare ritardi.
  • Evita di parlare male di altre persone.

Puoi trovare altri suggerimenti efficaci in questa guida. Nel frattempo lasciamo un punto: devi selezionare le aziende e le imprese a cui chiedere la possibilità di fare un colloquio. A volte il susseguirsi di rifiuti riguarda un’errata valutazione di quello che potrebbe essere il tuo posto di lavoro ideale.




© RIPRODUZIONE RISERVATA.

Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.


Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments