10 motivi per cambiare lavoro

motivi cambiare lavoro

Perché si dovrebbe cambiare lavoro? Quali sono i motivi?

A volte non è semplice capire quando è arrivato il momento di cambiare lavoro e cercare alternative all’attuale situazione lavorativa.

MOTIVI PER CAMBIARE LAVORO

Ti invitiamo a fare una riflessione: esistono dei buoni motivi per cambiare lavoro, noi te ne proponiamo dieci.

Se ti riconosci in due motivi ci sono i presupposti per guardarsi attorno e valutare nuove opportunità. Se ti ritrovi in tre di questi motivi non devi perdere altro tempo, è giunto il momento di rimboccarsi le maniche e iniziare una seria ricerca di impiego. Se ti riconosci in più di tre motivazioni, significa che vorresti già cambiare lavoro ma hai paura: il tuo primo problema da affrontare è la paura del cambiamento.

In ogni caso, leggere questi motivi per cambiare lavoro ti aiuterà ad analizzare e valutare la tua attuale situazione.

1. INSOFFERENZA NELL’ANDARE AL LAVORO

Il primo sintomo dell’insofferenza è svegliarsi al mattino e non avere nessuna voglia di andare a lavorare. Provare frustrazione e pesantezza nel recarsi al lavoro, nel prendere la macchina o i mezzi pubblici. Angosciarsi all’idea di affrontare una giornata lavorativa. 

2. DISINTERESSE PER ANDARE AL LAVORO E MANCANZA DI MOTIVAZIONI

Hai perso ogni motivazione, non ti importa nulla di quello che fai al lavoro o di come lo fai. Cerchi di svolgere il minimo indispensabile delle attività che ti sono state assegnate, non hai spirito d’iniziativa o desiderio di dimostrare quanto vali.

3. RISENTIMENTO VERSO L’AZIENDA E CHI VI LAVORA

Provi risentimento, rabbia verso il capo, i tuoi superiori o il direttore. Non sopporti chi lavora con te, i tuoi responsabili o colleghi oppure i clienti e le persone con cui sei costretto a collaborare. Non ti senti compreso.

4. DESIDERIO DI SFOGO E PETTEGOLEZZO

Senti il bisogno di sfogarti con qualcuno, di parlare dei tuoi problemi lavorativi con i colleghi. Sfrutti le pause per parlare male e mettere in luce aspetti negativi di responsabili o collaboratori che non sopporti. Ti sfoghi e ti lamenti con i tuoi familiari e amici. Dopo questi momenti di sfogo ti senti meglio.

5. SENSO DI INSODDISFAZIONE E INVIDIA

Ti senti sempre insoddisfatto di quello che fai, della tua qualifica, delle attività che svolgi, dello stipendio oppure degli orari di lavoro. Provi invidia per chi ha un ruolo più elevato, per chi guadagna molto di più e per chi è felice del proprio lavoro.

6. AGGRESSIVITA’, SRESS E DIFFICOLTA’ DI RELAZIONE

Non sei sereno, hai della rabbia repressa che a volte non sai controllare. Per questo ti rivolgi male ai collaboratori, ti arrabbi facilmente e per motivi futili, hai difficoltà nel relazionarti con gli altri. Spesso rimani arrabbiato anche quando torni a casa. Ti senti stressato e non sei mai calmo e rilassato.

7. CONFUSIONE, DISORGANIZZAZIONE

Dimentichi gli impegni, perdi gli oggetti, non ricordi quello che il capo ti ha detto poche ore fa. Commetti errori di distrazione, ti senti confuso e non sai da che parte iniziare il lavoro.

8. LENTEZZA E APATIA

Tutto quello che fai ti pesa, per questo ogni attività la svolgi con lentezza, non hai voglia di fare nulla nemmeno i lavori che in passato apprezzavi. 

9. ASSENTEISMO

Desideri rimanere a casa dal lavoro, trovi scuse per prendere permessi o chiedi giorni di malattia per un mal di pancia. Ti senti bene sono nei giorni in cui non vai al lavoro.

10. DISTURBI PSICOSOMATICI

Il tuo corpo manda dei segnali: le tue difese immunitarie si sono abbassate, ti senti fiacco e privo  di forze, oppure hai degli sfoghi cutanei, sempre mal di stomaco o mal di testa. Nei casi più gravi si può anche soffrire di ansia e di depressione.

COSA FARE?

Sei consapevole di avere buoni motivi per cambiare lavoro. Come procedere? La prima cosa da fare è prendere consapevolezza del fatto che il cambiamento di impiego potrebbe essere l’unica soluzione per stare meglio. La tua salute e il tuo benessere sono più importanti del lavoro. 

Quando ci si ritrova in questa situazione le circostanze sono sempre complicate e spesso non è possibile licenziarsi, stare a casa dal lavoro o trovare in poco tempo un impiego differente. Il cambiamento però non deve avvenire dall’oggi al domani, quello che bisogna fare è iniziare a creare i presupposti affinché il cambiamento avvenga.

Già solo l’idea di poter trovare un lavoro diverso e di dare una svolta alla tua vita lavorativa ti permetterà di affrontare meglio ogni giornata. Avrai così la forza e l’entusiasmo per cercare attivamente un nuovo impiego.

Ti consigliamo di leggere una bellissima storia sulla paura di cambiare lavoro, ti farà riflettere e ti permetterà di fare la scelta giusta.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments