Pagamenti POS commissioni più basse in arrivo: parte il tavolo tecnico MEF

Al via il tavolo del Ministero dell’Economia al fine di trovare soluzioni rivolte ai commercianti e professionisti per cui è obbligatorio il POS

ministero economia e finanze, mef, palazzo delle finanze
adv

È stato istituito presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze un tavolo tecnico ad hoc per garantire nei pagamenti con POS commissioni più basse, come previsto dalla Legge di Bilancio 2023.

L’obiettivo del Ministero è individuare soluzioni per contenere i costi delle transazioni elettroniche e contenere le spese per i pagamenti attraverso i POS.

In questo articolo vi spieghiamo quali soluzioni sono al vaglio del MEF per mitigare le spese fino a 30 euro sui pagamenti con il POS.

adv

PAGAMENTI POS, COMMISSIONI VERSO LA RIDUZIONE

Per i pagamenti con POS si attendono commissioni più basse grazie al tavolo tecnico istituito dal Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) il 4 marzo 2023. Lo strumento mira a trovare soluzioni sulle transazioni digitali e le spese che gli esercenti obbligati ad usare modalità di pagamento elettroniche, sono tenuti a sostenere.

Proprio come stabilito dalla Legge di Bilancio 2023 (articolo 1, commi 386), il tavolo è stato istituito da un provvedimento del Ministro, ovvero il Decreto Ministeriale 3 marzo 2023. Ad annunciarlo, la nota stampa del 4 marzo 2023. Vediamo insieme i dettagli.

PER CHI È OBBLIGATORIO IL POS NEL 2023

Per chi è obbligatorio il POS nel 2023? A dire il vero, nel 2023 l’obbligo POS riguarda coloro per cui il diktat era già scattato dal 1° luglio 2022 a fronte di qualsiasi pagamento e senza limiti. Si tratta di tutti i soggetti che effettuano attività di vendita e prestazione di servizi anche professionali. Si tratta, in particolare, dei seguenti soggetti:

  • commercianti;
  • artigiani;
  • titolari di attività ricettive, di ristorazione, agriturismi;
  • PMI che hanno un rapporto diretto con il cliente per la vendita o prestazione di servizi;
  • professionisti (come avvocati, medici e non solo) che esercitano in proprio e che hanno un rapporto diretto con il cliente per la vendita o prestazione di servizi.

NOVITÀ 2023 SU PAGAMENTI POS E COMMISSIONI

La Legge di Bilancio 2023 lascia obbligatorio, per qualsiasi importo, il pagamento con il POS. Come vi spieghiamo in questo articolo, inizialmente, l’Esecutivo aveva autorizzato esercenti e professionisti a rifiutare i pagamenti sotto i 60 euro senza incorrere in alcun tipo di multa. La norma che sospendeva le sanzioni di 30 euro previste dal Decreto PNRR 2 per esercenti e professionisti che non accettano i pagamenti elettronici sotto i 60 euro, però, è stata bocciata dall’Unione Europea e alla fine è stata eliminata dalla Manovra 2023.

Al contempo, il testo definitivo della Finanziaria, all’articolo 1, comma 385-386, stabilisce che le associazioni di categoria di coloro che sono tenuti ad accettare anche pagamenti attraverso carte elettroniche, e quelle dei prestatori e dei gestori di servizi di pagamento, devono garantire oneri proporzionali alle transazioni.

Infine, sempre per andare incontro ai soggetti per cui è obbligatorio il POS, il Parlamento ha previsto le seguenti misure:

  • ha istituito il tavolo permanente MEF tra le categorie interessate per mitigare l’incidenza dei costi delle transazioni elettroniche fino a 30 euro, come annunciato in questa nota stampa del 4 marzo 2023;

CHI DECIDE SUI PAGAMENTI POS E LE COMMISSIONI

In linea con quanto stabilito dalla Legge di Bilancio 2023, a decidere sugli aiuti per i pagamenti POS e le commissioni a carico dei contribuenti, è il tavolo istituito dal MEF. Il Decreto Ministeriale 3 marzo 2023 indica che è composto nel seguente modo:

  • il Direttore Generale del Dipartimento del Tesoro del Ministero o, come suo delegato, il Dirigente Generale della Direzione V del Dipartimento del Tesoro, con funzioni di presidente;
  • il personale del MEF, della Banca d’Italia e dell’Agenzia delle Entrate;
  • ABI, l’Associazione bancaria italiana;
  • APSP, l’Associazione italiana prestatori servizi di pagamento;
  • Confcommercio;
  • Confesercenti;
  • Confartigianato;
  • il personale del Ministero delle imprese e del made in Italy e dell’Agenzia per l’Italia Digitale.

OBIETTIVO DEL TAVOLO MEF SUI PAGAMENTI POS

L’obiettivo del tavolo MEF, avviato dal 4 marzo 2023, è mitigare le spese fino a 30 euro a carico degli esercenti di attività di impresa, arti o professioni con ricavi e compensi relativi all’anno precedente non superiori a 400.000 euro.

Il tavolo ha il compito di favorire il coordinamento del MEF e il confronto tra istituzioni, associazioni di categoria e altri soggetti interessati sul tema. Vi aggiorneremo sulle decisioni che saranno prese sul tema.

adv

RIFERIMENTI NORMATIVI

Decreto Ministeriale 3 marzo 2023 (Pdf 435 Kb).

Decreto Legge 18 novembre 2022, n. 176 – Decreto Aiuti Quater (Pdf 205 Kb), pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n.270 del 18-11-2022;

Testo integrale (Pdf 1 Mb) della Legge di Bilancio 2023 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.303 del 29-12-2022 – Supplemento Ordinario n. 43.

ALTRI AIUTI E AGGIORNAMENTI

Vi consigliamo di leggere anche l’approfondimento sul bonus benzina 200 euro e la guida dedicata al bonus bollette. Da consultare3anche il nostro approfondimento sulle cartelle esattoriali stralciate grazie alla tregua fiscale e il focus sulla nuova Carta risparmio spesa, anch’esse misure inserite nella Legge di Bilancio 2023. Tra le altre novità, anche il ripristino dei voucher lavoro occasionale.

Vi consigliamo di leggere questa sezione in cui trovate tutti gli aiuti alle imprese, gli incentivi e finanziamenti a fondo perduto per l’imprenditoria. Invece, in questa pagina vi sono tutti gli aiuti per lavoratori e per le famiglie. Vi invitiamo anche ad iscrivervi alla nostra newsletter gratuita per ricevere tutti gli aggiornamenti e al canale Telegram, per leggere le notizie in anteprima.

di Valeria C.
Giornalista, esperta di leggi, politica e lavoro pubblico.
© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.

Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita e al nostro Canale Telegram. Seguici su Google News cliccando su "segui".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *