Reddito di Emergenza 2021 INPS: requisiti, domanda, pagamento

Tutte le informazioni sul nuovo Reddito di emergenza 2021: requisiti, come funziona, calcolo, come fare domanda Inps, nuova scadenza e rinnovo fino a settembre con il decreto Sostegni bis

soldi denaro

Dal 1° al 31 luglio 2021 è possibile presentare domanda per il Reddito di emergenza 2021 per i mesi di giugno, luglio, agosto e settembre, grazie alla proroga del Rem fino a settembre 2021.

Il bonus Inps per le persone in difficoltà, che offre un sostegno economico tra 400 e 800 euro al mese, è stato rinnovato, infatti, per 4 mensilità con il decreto Sostegni bis.

In questa guida completa ti diamo tutte le informazioni sul Reddito di emergenza e ti spieghiamo cos’è, come funziona, come fare domanda, le ultime notizie e la nuova scadenza per richiedere l’aiuto economico.

REDDITO DI EMERGENZA 2021: ULTIME NOTIZIE

L’INPS ha fornito i chiarimenti sulla misura rinnovata attraverso il messaggio n. 2406 del 24 giugno 2021 confermando le modalità di domanda già previste e i requisiti già determinati con il decreto Sostegni bis che di seguito vi spieghiamo. Inoltre l’istituto ha confermato quanto già espresso nel comunicato del 15 giugno 2021 informando che la nuova scadenza per fare domanda è fissata dal 1° luglio al 31 luglio 2021.

Infatti il Governo guidato da Mario Draghi ha inserito il rinnovo del Reddito di emergenza nel nuovo pacchetto di misure per affrontare gli effetti economici dell’emergenza coronavirus introdotto con il c.d. decreto Sostegni bis (decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73). Nello specifico, il provvedimento prevede il rinnovo del Rem per i mesi di giugno 2021, luglio 2021, agosto 2021 e settembre 2021.

Anche quest’anno la domanda è telematica e può essere presentata attraverso il portale web Inps.

Vediamo in dettaglio come funziona il Reddito di emergenza e a chi spetta in base alla nuova normativa che copre il periodo Giugno – Settembre 2021.

COS’E’ IL REDDITO DI EMERGENZA

Il Reddito emergenza (abbreviato con REM) è una forma di sostegno al reddito introdotta per aiutare i cittadini più in difficoltà che non accedono ad altri aiuti, quali il Reddito di cittadinanza. Si tratta di un contributo economico, di importo compreso tra 400 e 800 euro al mese, variabile in base alla composizione del nucleo familiare.

Il Reddito emergenza è una misura temporanea, introdotta dal  decreto Rilancio e rinnovata dal decreto Ristori. Con il decreto Sostegni e il decreto Sostegni bis è stata nuovamente prorogata e inserita nel pacchetto di ammortizzatori sociali e di misure per il lavoro che fa parte del nuovo piano messo in campo dal Governo italiano per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da covid-19.

COME FUNZIONA

I beneficiari ricevono un sostegno economico, con importo minimo di 400 euro e fino ad un tetto massimo di 800 euro. La cifra dipende dalla composizione del nucleo familiare. Il beneficio è concesso solo alle persone che rispettano determinati requisiti di reddito. In base alle novità introdotte dal decreto Sostegni, i limiti reddituali sono aumentati se i beneficiari vivono in una casa in affitto.

Quanto dura il Reddito di emergenza? In base gli ultimi rinnovi, il Reddito di emergenza 2021 è concesso per 7 mesi, ovvero marzo, aprile, maggio, giugno, luglio, agosto e settembre.

A CHI SPETTA IL REDDITO DI EMERGENZA

Il Reddito di emergenza spetta a disoccupati e persone in difficoltà ed è rivolto ai cittadini che non hanno diritto al Reddito di cittadinanza e ad altri ammortizzatori sociali. In sostanza, possono rientrare tra i beneficiari del nuovo bonus colf e badanti, lavoratori in nero o che hanno perso il lavoro, e tutti coloro che sono esclusi dagli altri aiuti. Dunque tutte le persone che non hanno sostegni al reddito hanno diritto a presentare la domanda Reddito di emergenza, se possiedono i requisiti necessari.

REDDITO DI EMERGENZA REQUISITI

Quali sono i requisiti ISEE Reddito emergenza e del nucleo familiare? Per richiedere il Reddito emergenza occorre possedere i seguenti requisiti generali:

  • il richiedente deve avere residenza in Italia;
  • valore del reddito familiare nel mese di aprile 2021 inferiore all’ammontare del beneficio. Per i richiedenti che vivono in casa in affitto tale valore è incrementato di 1/12 del canone annuo di locazione;
  • valore del patrimonio mobiliare familiare, riferito all’anno precedente, inferiore a 10.000 euro, accresciuto di 5.000 euro per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di 20.000 euro, incrementato di altri 5.000 euro se nel nucleo familiare è presente un componente in condizione di disabilità grave o di non autosufficienza;
  • valore dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) inferiore a 15.000 euro, o a 30.000 euro nel caso dei soggetti che hanno terminato la NASpI o della DIS-COL nel periodo di riferimento previsto per richiedere il beneficio;
  • nessun componente del nucleo familiare deve percepire o aver percepito una delle indennità di cui all’articolo 10 del decreto-legge 22 marzo 2021. n. 41;
  • non essere detenuti o ricoverati in istituti di cura di lunga degenza o altre strutture residenziali a totale carico dello Stato o di altra amministrazione pubblica;
  • non essere titolari di pensione diretta o indiretta, ad eccezione dell’assegno ordinario di invalidità;
  • non percepire il Reddito o la Pensione di cittadinanza;
  • non essere titolari di un rapporto di lavoro dipendente con retribuzione lorda superiore all’importo del Rem.

I requisiti economici sono relativi al nucleo familiare individuato dalla Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) ai fini dell’ISEE valida al momento della presentazione della domanda di Rem.

REDDITO DI EMERGENZA 2021 DOMANDA ONLINE

Come chiedere il Reddito di emergenza?

La richiesta Rem va presentata esclusivamente in via telematica, tramite il sito web dell’Inps. In alternativa è possibile rivolgersi a Patronati e CAF che offrono supporto gratuito ai cittadini per richiedere il Rem usufruendo sempre del modulo domanda online sul sito Inps.

Come fare domanda di Reddito di emergenza online?

Per compilare e inviare la domanda online Inps occorre visitare questa pagina e autenticarsi mediante PIN Inps, identità SPID, Carta di identità elettronica (CIE) o Carta nazionale dei servizi (CNS). Dopo aver effettuato l’autenticazione al servizio, è possibile accedere al modulo domanda Reddito di emergenza. Nella stessa sezione del sito Inps sono consultabili i manuali che forniscono le indicazione per la corretta compilazione della richiesta Reddito di emergenza.

Chi deve presentare la domanda?

Uno dei componenti del nucleo familiare (il richiedente), in nome e per conto di tutto il nucleo familiare.

Quali documenti servono per fare domanda?

Al momento della presentazione della domanda devi possedere una Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) in corso di validità.

Come fare a sapere se la domanda è stata accolta?

L’Inps comunica ai richiedenti l’esito della domanda, cioè se è stata accolta o rifiutata, in questo caso con le motivazioni del mancato accoglimento, tramite sms o mail, utilizzando i dati di recapito indicati nella domanda.

Può essere preso il reddito di emergenza in automatico?

L’INPS non ha fatto riferimento a questa possibilità, quindi, salvo nuovi chiarimenti, è necessario presentare domanda per ottenerlo, non si riceve in automatico.

INCOMPATIBILITÀ CON ALTRE INDENNITÀ E CONDIZIONI

Il Reddito di emergenza non è compatibile con altre indennità Covid, pensioni, alcuni redditi da lavoro e Pensione/Reddito di cittadinanza. Dunque non possono richiedere il Reddito di emergenza:

  1. percettori del Reddito di cittadinanza e della Pensione di cittadinanza;
  2. beneficiari del bonus stagionali turismo spettacolo e del bonus collaboratori sportivi introdotti dal decreto Sostegni (decreto-legge 22 marzo 2021. n. 41);
  3. beneficiari dei bonus introdotti dal decreto Sostegni bis (decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73) tra cui il bonus per lavoratori settore agricolo e pescatori e i bonus per i lavoratori stagionali, del turismo, dello spettacolo, autonomi e atipici;
  4. titolari di pensione diretta o indiretta, ad eccezione dell’assegno ordinario di invalidità;
  5. titolari di un contratto di lavoro subordinato, ad esclusione del contratto di lavoro intermittente senza diritto all’indennità di disponibilità;
  6. titolari di un contratto di collaborazione coordinata e continuativa;
  7. lavoratori con retribuzione lorda complessiva superiore alla soglia massima di reddito familiare per richiedere il Rem.

Nessun membro del nucleo familiare deve trovarsi nelle condizioni di incompatibilità.

Sono invece compatibili con il Rem i trattamenti assistenziali non pensionistici, quali indennità di accompagnamento, assegno di invalidità civile e assegno ordinario di invalidità (legge 222/1984).

CALCOLO REDDITO EMERGENZA

Come si calcola il Reddito di emergenza? Il Rem viene calcolato utilizzando il parametro di scala di equivalenza previsto per il Reddito di cittadinanza. L’ammontare dell’agevolazione è determinato moltiplicando il valore base di 400 euro per il corrispondente parametro della scala di equivalenza, fino ad un massimo di 2, corrispondente a 800 euro, o di 2,1, ovvero 840 euro, nel caso di presenza nel nucleo familiare di componenti disabili gravi o non autosufficienti. Dunque l’importo complessivo va da 400 a 800 euro (840 euro per le famiglie con disabili gravi o soggetti non autosufficienti).

VALORE DELLA SCALA DI EQUIVALENZA

Il valore della scala di equivalenza pari a 1 per il primo componente del nucleo familiare ed incrementato di 0,4 per ogni ulteriore componente di età maggiore di 18 anni e di 0,2 per ogni ulteriore componente minorenne.

Ad esempio, per un nucleo familiare composto da due adulti e un minorenne è pari a 1,6 (1+0,4+0,2), mentre per un nucleo familiare composto da tre adulti e due minori viene abbattuta da 2,2 (1+0,4+0,4+0,2+0,2) a 2, che è il limite massimo previsto. La stessa cosa succede nel caso di componenti con disabilità grave: se la scala di equivalenza supera il limite previsto di 2,1 viene ridotta a 2,1.

ESEMPI CALCOLO REM

Ecco alcuni esempi concreti di calcolo dell’importo del Reddito di emergenza:

Composizione nucleo familiareScala di equivalenzaImporto Rem
Un adulto1400 euro
Un adulto e un minore1,2480 euro (400×1,2)
Due adulti1,4560 euro (400×1,4)
Due adulti e un minore1,6640 euro (400×1,6)
Due adulti e due minori1,8720 euro (400×1,8)
Tre adulti e due minori2 (invece di 2,2)*800 euro (400×2)
Tre adulti e due minori con un disabile grave2,1 (invece di 2,2)**840 euro (400×2,1)
*La scala di equivalenza teorica per questo nucleo sarebbe stata pari a 2.2, ma è abbattuta a 2, come prescritto dalla norma.
**La scala di equivalenza teorica per questo nucleo familiare sarebbe stata pari a 2.2, ma è abbattuta a 2.1 in presenza di componenti in condizioni di disabilità grave o non autosufficienza come definite ai fini ISEE.

ESEMPI CALCOLO REM PER CHI PAGA L’AFFITTO

Per i nuclei familiari che risiedono in abitazione in locazione, il valore del reddito familiare di riferimento è incrementato di un dodicesimo del valore annuo del canone di locazione come dichiarato ai fini ISEE. Dunque gli importi previsti in base alla composizione del nucleo familiare restano invariati ma cambia il limite reddituale con il quale si può accedere al contributo economico. Quindi se, ad esempio, l’affitto annuo è pari a 3.600 euro, l’incremento del reddito ammissibile per accedere al beneficio è di 300 euro (3.600:12).

Ecco alcuni esempi concreti delle soglie di reddito per il calcolo del Rem considerando come valore di base un affitto di 300 euro al mese:

Composizione nucleo familiareScala di equivalenzaSoglie del reddito familiare per il Rem
Un adulto1700 euro (400×1+300)
Un adulto e un minore1,2780 euro (400×1,2+300)
Due adulti1,4860 euro (400×1,4+300)
Due adulti e un minore1,6940 euro (400×1,6+300)
Due adulti e due minori1,81.020 euro (400×1,8+300)
Tre adulti e due minori2 (invece di 2,2)* 1.100 euro (400×2+300)
Tre adulti e due minori con un disabile grave2,1 (invece di 2,2)** 1.140 euro (400×2,1+300)
*La scala di equivalenza teorica per questo nucleo sarebbe stata pari a 2.2, ma è abbattuta a 2, come prescritto dalla norma.
**La scala di equivalenza teorica per questo nucleo familiare sarebbe stata pari a 2.2, ma è abbattuta a 2.1 in presenza di componenti in condizioni di disabilità grave o non autosufficienza come definite ai fini ISEE.

QUANDO VIENE EROGATO IL PAGAMENTO

L’importo viene erogato circa dopo un mese dall’accoglimento della domanda, le tempistiche dipendono dal calendario pagamenti dell’Inps e possono variare.

E’ previsto un altro rinnovo o proroga? Le domande di Reddito emergenza vanno presentate dal 1° al 31 luglio 2021 per le quattro mensilità di giugno, luglio, agosto e settembre concesse con la proroga. Non è da escludere che questa data possa essere ulteriormente prorogata in seguito, come già accaduto per le mensilità precedenti.

RIFERIMENTI NORMATIVI

DECRETO RILANCIO (Pdf 772Kb) e relativa LEGGE DI CONVERSIONE (Pdf 424Kb).
DECRETO RISTORI (Pdf 342Kb) e relativa LEGGE DI CONVERSIONE (Pdf 735Kb).
DECRETO SOSTEGNI (Pdf 237Kb) e relativa LEGGE DI CONVERSIONE (Pdf 43Kb).
DECRETO SOSTEGNI BIS (Pdf 440Kb).
MESSAGGIO INPS n. 1378 (Pdf 86Kb) del 01-04-2021 – indicazioni relative al rinnovo dell’aiuto economico fino a maggio 2021.
CIRCOLARE n. 61 (Pdf 299Kb) del 14-04-2021 – istruzioni operative per presentare la domanda Rem 2021 per i mesi di marzo, aprile e maggio.
COMUNICATO INPS (Pdf 110Kb) del 26-04-2021 – proroga al 31 maggio della scadenza della domanda Reddito emergenza marzo, aprile, maggio.
COMUNICATO INPS (Pdf 119Kb) del 19-05-2021 – definizione entro il 15 giugno delle domande Rem presentate entro il 30 aprile 2021 dagli ex percettori di Naspi e Dis-coll erroneamente escluse.
COMUNICATO INPS (Pdf 123Kb) del 15-06-2021 – presentazione domande Reddito emergenza giugno, luglio, agosto e settembre.
MESSAGGIO INPS n. 2406 (Pdf 121Kb) del 24-06-2021 – chiarimenti domanda Reddito emergenza 2021.

Continua a seguirci per restare aggiornato sul nuovo Reddito di emergenza Inps, iscrivendoti alla nostra newsletter gratuita e al nostro canale telegram per avere le notizie in anteprima. Per scoprire altri aiuti, agevolazioni e bonus per disoccupati, persone e famiglie guarda questa pagina.

Subscribe
Notificami
137 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments