Bonus acqua potabile 2024 pari al 6,45 %: come richiederlo, a chi spetta, novità

Tutte le informazioni sul bonus acqua potabile, il credito di imposta per chi installa impianti di depurazione, filtri e non solo

acqua potabile, bonus
adv

L’Agenzia delle Entrate ha stabilito che la percentuale del credito d’imposta effettivamente fruibile grazie al bonus acqua potabile è pari al 6,45 % dell’importo richiesto nel 2024.

Ricordiamo che il bonus acqua potabile nasce come un credito d’imposta per le spese sostenute per la razionalizzazione del consumo dell’acqua potabile, per l’acquisto di sistemi che migliorano la qualità dell’acqua dei nostri rubinetti.

Le domande per richiedere il bonus dovevano essere inviate dal 1° al 28 febbraio 2024 in riferimento alle spese sostenute nel 2023.

Quindi, terminato il conto delle richieste pervenute per l’attribuzione del bonus, il 22 marzo 2024 sono state comunicate le percentuali del credito d’imposta effettivamente fruibile nel 2024. Dal prossimo anno, invece, non sarà possibile richiedere l’agevolazione, in quanto non rinnovata nel 2025.

In questa guida quindi spieghiamo in maniera chiara chi ha diritto al bonus acqua potabile, come ottenerlo e a quanto ammonta, anche alla luce delle ultime novità.

adv

COS’È IL BONUS ACQUA POTABILE

Il bonus acqua potabile è un aiuto economico per chi acquista sistemi per migliorare la qualità dell’acqua da bere in casa oppure in un’attività commerciale, professionale o imprenditoriale, nonché in un ente del terzo settore o religioso.

Il credito di imposta è riconosciuto per le spese sostenute nel corso dell’anno precedente per l’acquisto e l’installazione di sistemi (filtri, depuratori o gasatori) che hanno come scopo il miglioramento qualitativo delle acque per il consumo umano erogate da acquedotti. L’obiettivo è ridurre il consumo dei contenitori di plastica per l’acqua potabile e inizialmente il bonus riconosceva uno sgravio fino al 50%, poi abbassato per il boom di domande.

Infatti, in relazione alle spese sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2023, per l’acquisto di sistemi che migliorano la qualità dell’acqua dei nostri rubinetti, il provvedimento n. 151739/2024 firmato il 22 marzo 2024, dal direttore dell’Agenzia delle entrate, Ernesto Maria Ruffini, ha stabilito che la percentuale del credito d’imposta effettivamente fruibile è pari al 6,45 % dell’importo richiesto.

L’agevolazione è stata introdotta, inizialmente per il biennio 2020-2021 poi rinnovata dalla Legge di Bilancio 2022 nel 2022 e nel 2023 (con bonus richiedibile nel 2024). Le risorse disponibili sono 5 milioni di euro per il 2022 e 1,5 milioni euro per i 2023.

Nella Legge di Bilancio 2024 il bonus invece non è stato rinnovato. Ciò vuol dire che nel 2024 sarà possibile richiederlo per le spese sostenute nel 2023, mentre la stessa richiesta non potrà essere avanzata nel 2025 relativamente alle spese sostenute per l’anno precedente (ovvero, appunto, il 2024).

Ma vediamo i dettagli della misura.

COME RICHIEDERE IL BONUS ACQUA POTABILE 2024

Per avere il bonus acqua potabile è necessario comunicare le spese sostenute, documentate da una fattura elettronica o un documento commerciale in cui sia riportato il codice fiscale del soggetto che richiede il credito, all’Agenzia delle Entrate. Quindi, per il bonus acqua potabile 2023 le domande dovevano essere inviate entro il 28 febbraio 2024 tramite comunicazione telematica, accedendo all’area riservata sul sito AE.

Le richieste dovevano essere compilate secondo le indicazioni riportate in questa Guida (Pdf 36 Kb) e seguendo le specifiche tecniche consultabili in questa pagina (Pdf 787 Kb).

A CHI SPETTA IL BONUS ACQUA POTABILE

Il bonus acqua potabile spetta a tutti coloro che hanno acquistato e installato sistemi di depurazione e di filtraggio che vi elencheremo di seguito nel periodo che va dal 1° gennaio al 31 dicembre 2023.

Si tratta, nello specifico, delle seguenti categorie di soggetti:

  • persone fisiche;

  • soggetti esercenti in arti, professioni o attività di impresa;

  • enti non commerciali, compresi gli enti religiosi civilmente riconosciuti e gli enti del terzo settore.

Quanto deve essere l’ISEE per avere il bonus acqua? È bene chiarire che la misura è aperta a tutti, senza limiti ISEE o di reddito.

COME FUNZIONA IL BONUS ACQUA POTABILE

Il bonus acqua potabile funziona come credito d’imposta sulle spese sostenute. I beneficiari, dunque, possono ricevere un rimborso pari fino alla metà della spesa sostenuta per acquistare questi sistemi.

Nella pratica, questi sono gli step da seguire per ottenere il credito:

  • una volta effettuato l’acquisto è necessario che si conservi tutta la documentazione necessaria ad attestare le spese sostenute, fatture elettroniche o documento commerciale in cui è riportato il codice fiscale del richiedente il credito;

  • una volta comunicato le spese all’Agenzia delle Entrate, in sede di dichiarazione dei redditi si potrà evidenziare la fruizione del credito di imposta. Si ricorda che il bonus può essere utilizzato in compensazione tramite F24, oppure, per le persone fisiche non esercenti attività d’impresa o lavoro autonomo, anche nella dichiarazione dei redditi riferita all’anno della spesa e in quelle degli anni successivi fino al completo utilizzo del bonus;

  • le informazioni sugli interventi andranno trasmesse da AdE in via telematica all’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA).

Infatti, si precisa che la misura punta a razionalizzare l’uso dell’acqua e ridurre anche il consumo di contenitori di plastica per le acque destinate all’uso potabile. L’ente incaricato (ENEA) trasmetterà, quindi, telematicamente una relazione sui risultati al Ministero dell’Ambiente a quello dell’Economia e delle Finanze e al Ministero dello Sviluppo Economico (ora Ministero del Made in Italy).

PERCENTUALE BONUS ACQUA POTABILE

In relazione alle spese sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2023, per l’acquisto di sistemi che migliorano la qualità dell’acqua dei nostri rubinetti, il provvedimento n. 151739/2024 dell’Agenzia delle Entrate, firmato il 22 marzo 2024, ha stabilito che la percentuale del credito d’imposta effettivamente fruibile è pari al 6,45 % dell’importo richiesto.

adv

AQUISTI AGEVOLABILI

In base a quanto indicato nel provvedimento Agenzia Entrate bonus acqua potabile, l’agevolazione si può utilizzare per l’acquisto e l’installazione di sistemi di:

  • mineralizzazione;

  • filtraggio;

  • addizione di anidride carbonica alimentare (E 290) o raffreddamento.

A QUANTO AMMONTA IL BONUS ACQUA POTABILE

L’importo del bonus acqua potabile è pari al 6,45 % delle spese ammesse, ma varia da un massimo 1.000 a un massimo di 5.000 euro, a seconda che si tratti di persone fisiche o meno. Più precisamente, l’importo massimo dell’agevolazione è fissato a:

  • 1.000 euro per ciascun immobile, per le persone fisiche;

  • 5.000 euro per ogni immobile adibito all’attività commerciale o istituzionale, per gli esercenti attività d’impresa, arti e professioni e gli enti non commerciali.

SCADENZA BONUS ACQUA POTABILE

Il bonus acqua potabile scade nel 2024, poiché il governo ha deciso con la Legge di Bilancio 2024 di non prorogare tale agevolazione. Pertanto, chi è riuscito a inviare la domanda entro il 28 febbraio potrà usufruirne quest’anno, dopo di che il credito di imposta non sarà più utilizzabile.

QUANDO VIENE RIMBORSATO IL BONUS ACQUA POTABILE

Il bonus acqua potabile viene rimborsato dopo la chiusura delle domanda e la comunicazione della percentuale reale di fruizione del credito, in base al numero di richieste. Dunque, si ottiene dopo alcuni mesi e solo a seguito di rendicontazione, come vi spieghiamo più avanti.

RIFERIMENTI NORMATIVI E DI PRASSI

ALTRI AIUTI E COME RESTARE INFORMATI

Vi consigliamo anche di leggere i nostri approfondimenti sui bonus 2024 e sui bonus famiglia 2024.

A vostra disposizione anche i nostri articoli su bonus casa e bonus ristrutturazione 2024.

Potrebbe interessarvi approfondire inoltre come funziona il bonus sociale elettrico utilizzabile anche per gas e luce.

Se volete, invece, sapere tutte le agevolazioni disponibili per lavoratori e famiglie, e quelle in arrivo, visitate la nostra sezione dedicata agli aiuti alle persone.

Vi invitiamo anche a iscrivervi alla nostra newsletter gratuita per ricevere tutti gli aggiornamenti e al canale Telegram, per leggere le notizie in anteprima. È anche possibile restare aggiornati seguendo il nostro canale Whatsapp e il nostro canale TikTok @ticonsigliounlavoro.

di Valeria C.
Giornalista, esperta di leggi, politica e lavoro pubblico.
© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.

Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita e al nostro Canale Telegram. Seguici su Google News cliccando su "segui".

31 Commenti

Scrivi un commento
    • La misura è aperta a tutti, senza limiti ISEE o di reddito. Le ricordiamo però che nella Legge di Bilancio 2024 il bonus non è stato rinnovato. Ciò vuol dire che nel 2024 è possibile richiederlo per le spese sostenute nel 2023, mentre la stessa richiesta non potrà essere avanzata nel 2025 relativamente alle spese sostenute per l’anno precedente (ovvero, appunto, il 2024).

  1. Vorrei capire la procedura. Se faccio la richiesta del bonus acqua tramite il portale dell’AdE poi aspetto solo la conferma tramite la mail dove sarà indicata la cifra del rimborso? E poi? i soldi arriveranno sul conto? oppure bisogna compilare il modulo 730?

    • Salve, per le persone fisiche il bonus è pari fino al 50% delle spese sostenute fino a un massimo di 1.000 euro (5.000 euro per ogni immobile adibito all’attività commerciale o istituzionale, per gli esercenti attività d’impresa, arti e professioni e gli enti non commerciali). Vediamo bene quali sono i passaggi da seguire:

      – lei potrà presentare richiesta del bonus tra il 1° febbraio e il 28 febbraio dell’anno successivo a quello di sostentamento della spesa tramite il servizio web dell’Agenzia delle Entrate (nel 2024 potrà chiedere il bonus per le spese ammesse sostenute nel 2023);
      – dopo aver ricevuto la conferma del diritto al bonus, deve attendere il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate che verifica il rispetto del tetto massimo di spesa per la misura nell’anno in corso. Ad esempio, con il Provvedimento del 3 aprile 2023 l’AdE ha fatto sapere che sono arrivate richieste oltre limite, ovvero pari a 27.932.195 euro. Dunque, per il 2022, l’importo del credito d’imposta analizzando il numero di domande presentate e ritenute valide per ottenere tale bonus, è stato in percentuale pari al 17,9005% (rispetto al limite massimo del 50%) della metà delle spese sostenute da ogni avente diritto.

      Inoltre, le chiariamo che trattandosi di un credito d’imposta il bonus può essere utilizzato in compensazione tramite F24, oppure, per le persone fisiche non esercenti attività d’impresa o lavoro autonomo, anche nella dichiarazione dei redditi riferita all’anno della spesa e in quelle degli anni successivi fino al completo utilizzo del bonus. Non riceverà, quindi, i soldi sul conto.

      Le ricordiamo, infine, che i termini per il bonus 2022 sono scaduti. Per le spese sostenute nel 2023 va, invece, inviata dal 1° al 28 febbraio 2024.

  2. Ma perché ci devono sempre prendere per fessi a noi italiani? Buttano fumo negli occhi e poi i governi sotto sotto fanno come gli pare? Tutto questo per creare lavoro a discapito di altri cittadini, e loro se ne lavano le mani.
    Con tutte queste leggi contorte e confuse, il cittadino non si fida più. La Patria del Diritto!!!
    Rita D’Ortenzio

  3. io ho pagato in contanti perche non posso essere retribuita….sono 2.000.00 che ho pagato non sapevo di questa normativa

  4. Buongiorno
    Ho ricevuto il credito d’imposta per il bonus acqua per € 500,00
    Perchè dalla precompilata mi riconoscono solo € 89,00 ?
    gRAZIE

    • Perché a causa del gran numero di domande arrivate per le spese 2022, la percentuale di fruizione è stata abbassata e fissata al 17,9005%. Qui sopra nel testo dell’articolo lo spieghiamo.

    • Mi sta capitando la stessa cosa a me, ho speso €3200 per metterlo, lo sto pagando a rate, ho fatto la richiesta all’agenzia delle entrate dove mi confermano la richiesta e la retribuzione di € 500 e nel 730 mi dicono il massimale di riconoscimento e di €89, è una presa in giro verso la popolazione ci facciamo mettere i piedi in testa

  5. Il calcolo da fare è 50% di 1000 euro = 500 euro, di questi si ha diritto al 17% quindi 89 euro.
    Fai meno plastica, aiuti l’ambiente ma alla fine come ogni volta che c’è lo stato di mezzo lo prendi in tasca…

  6. Buongiorno, volevo chiedere, se non è stata fatta la comunicazione entro il 28/02/2023 per spese dell’anno 2022, si può fare ancora la comunicazione, e se non si può, si può riportare all’anno prossimo, o è perso tutto, poi è stata mandata una fattura elettronica, a che serviva questa comunicazione? e chi doveva informarmi? Serve solo per prendere xxx la gente, E quanti soldi si prendono? Mi sembra di capire solo 89,00€?

    • Se non si rispetta la scadenza credo proprio che si perda. Con questo bonus si prendono proprio due spiccioli dovendo rispettare tutte le procedure burocratiche, è vero che è meglio di niente, però avrebbero potuto rendere il sistema più semplice.

    • si , una grossa fregatura.
      In Italia siamo solo capaci di fregare i contribuenti.
      Io ho installato il depuratore anche facendo affidamento su questo incentivo.

  7. Ma qualcuno è riuscito ad inviare i file tramite il programma. Io no. Ho fatto solo comunicazione tramite sito e nulla più. Quel software è impossibile da utilizzare.

    • -No. non chiedono documentazione perché faranno controlli incrociando i suoi dati con quelli dell’azienda che le ha installato il depuratore e le ha emesso regolare fattura.

  8. Ho acquistato un depuratore per l’acqua di casa e adesso mi devo accingere a compilare e inviare il modulo di rimborso all’ufficio dell’entrate. A chi mi devo rivolgere per poterlo compilare esattamente?

  9. Ho acquistato un miscelatore depurante “FRANKE” con regolare fattura e pagamento a mezzo bonifico.
    l’acquisto va comunicato all’ENEA? grazie

  10. aiutatemi ho fatto la domanda nei termini previsti dal bonus acqua potabile, su agenzia delle entrate risulta esito accolto, ma sono passati 4 mesi e ancora nn ho ricevuto il mio credito. Cosa devo fare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *