Decreto Riaperture 2022 convertito in Legge: novità in 12 punti

La guida su cosa prevede il Decreto Riaperture convertito in Legge. Ecco tutte le novità sulle regole per la gestione della pandemia

Decreto, Senato Palazzo Madama
Photo credit: fluydo stock / Shutterstock.com

Con il Decreto Riaperture convertito in Legge arrivano numerose novità per il mondo del lavoro, soprattutto nel settore medico, e sul fronte della gestione del contagio da Covid.

Nel nuovo testo sono stati previsti più fondi a copertura della proroga fino al 30 giugno 2022 del diritto allo smart working per i fragili e nuove regole sulla formazione obbligatoria dei lavoratori. 

In questa guida, vi spieghiamo per punti, in modo chiaro e dettagliato, cosa prevede il Decreto Riaperture 2022 convertito in Legge e quali sono le novità introdotte dal Parlamento.

DECRETO RIAPERTURE CONVERTITO IN LEGGE, COSA PREVEDE

Il Decreto Riaperture convertito nella Legge 19 maggio 2022, n. 52 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.119 del 23-5-2022. Il testo, esaminato da Camera e Senato, è stato emendato in più punti e prevede delle importanti novità per il mondo del lavoro per il comparto sanitario e per la gestione del Covid. Vediamo insieme quali sono le principali novità in arrivo con il testo coordinato.

1) PROROGA SMART WORKING FRAGILI E REGIME SEMPLIFICATO

Il Decreto Riaperture convertito in Legge prevede la proroga, fino al 30 giugno 2022, dello smart working per i lavoratori fragili e l’equiparazione al ricovero ospedaliero dell’assenza per quei lavoratori fragili che non possono svolgere le loro mansioni in modalità agile, come vi spieghiamo in questa guida. Per le sostituzioni dei fragili del personale scolastico, poi, è stata autorizzata una spesa di 5.402.619 euro per il 2022. Nel testo anche il differimento al 31 agosto 2022 delle disposizioni per l’attivazione semplificata del lavoro agile per i lavoratori del settore privato. Potete leggere tutti i dettagli sullo smart working semplificato in questa guida.

2) FORMAZIONE A DISTANZA SU SALUTE E SICUREZZA

Al via la formazione obbligatoria in materia di salute e sicurezza sul lavoro a distanza. Il Decreto convertito contempla che può essere erogata sia con la modalità in presenza sia con la modalità da remoto. La norma introdotta dall’esame alla Camera, prevede la formazione anche attraverso la metodologia della videoconferenza in modalità sincrona. Ciò è escluso per le attività formative per le quali siano previsti un addestramento o una prova pratica, che devono svolgersi obbligatoriamente in presenza.

3) INCARICHI PER PERSONALE SANITARIO IN PENSIONE

Arriva anche la proroga al 31 dicembre 2022 della possibilità di conferire incarichi di lavoro autonomo, anche di collaborazione coordinata e continuativa, a dirigenti medici, veterinari e sanitari, nonché al personale del ruolo sanitario del comparto sanità, collocati in quiescenza. Vale anche per quelli non iscritti al competente albo professionale in conseguenza del collocamento a riposo. La proroga è estesa anche agli operatori socio-sanitari collocati in quiescenza. La norma riesaminata dalla Camere, consente inoltre, il cumulo tra pensione e compensi per gli incarichi avuti anche per tutto l’anno 2022, anziché solo per il primo trimestre del 2022.

4) PROROGA RICONOSCIMENTO QUALIFICHE SANITARIE

Il Decreto Riaperture 2022 convertito in Legge proroga le deroghe alle norme in materia di riconoscimento delle qualifiche professionali sanitarie. In sostanza, proroga al 31 dicembre 2022 l’efficacia delle disposizioni di cui all’articolo 3-quater del Decreto Legge n. 127 del 2021. Tali norme escludono la possibilità di svolgimento di altre attività lavorative da parte del personale degli enti ed aziende del Servizio sanitario nazionale. La possibilità transitoria concerne lo svolgimento di altre prestazioni al di fuori dell’orario di servizio e per un monte ore complessivo settimanale non superiore a quattro ore. Tale chance vale per il personale rientrante nelle professioni infermieristiche od ostetrica, ovvero nelle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione ed appartenente al comparto contrattuale pubblico della sanità. Ora dunque, potranno svolgere queste attività extra fino al 31 dicembre 2022.

5) ASSUNZIONI NELLA LEGA ITALIANA LOTTA CONTRO I TUMORI

Previsto nel Decreto Riaperture convertito in Legge il potenziamento dell’attività della Lega italiana per la lotta contro i tumori. Il comma 1, dell’articolo 2 bis autorizza la Lega italiana per la lotta contro i tumori (LILT) a bandire procedure concorsuali pubbliche e ad assumere a tempo indeterminato un contingente complessivo di 4 unità di personale. In totale è prevista una spesa pari a 45.907 euro per il 2022 e a 183.628 euro annui a decorrere dal 2023.

6) TELEMEDICINA: NOVITÀ PER GLI SPECIALISTI

Il testo emendato prevede nuove disposizioni sulla medicina trasfusionale. Al fine di ridurre il rischio di contagio degli operatori e degli assistiti si prevede che le prestazioni sanitarie relative alla medicina trasfusionale siano inserite nell’elenco delle prestazioni di telemedicina. Devono essere organizzate secondo le linee guida emanate dal Centro nazionale sangue sulla base delle Indicazioni nazionali per l’erogazione di prestazioni in telemedicina.

7) NORME ANTI CONTAGIO DA COVID 19

Il Decreto Riaperture convertito in Legge conferma, con delle piccole modifiche temporali a integrazione di nuove ordinanze pubblicate nel corso dell’iter di conversione, l’uso di mascherine. Previsto l’impiego prolungato, fino al 15 giugno, di mascherine sui mezzi di trasporto, per gli spettacoli al chiuso e nelle strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali. Hanno, così, l’obbligo di indossare i DPI lavoratori, utenti e visitatori di:

  • strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali, comprese le strutture di ospitalità e lungodegenza, le residenze sanitarie assistite;
  • hospice;
  • strutture riabilitative, le strutture residenziali per anziani, anche non autosufficienti.

Sono indicati i casi di esclusione dall’obbligo di DPI taluni soggetti come ad esempio:

  • i bambini di età inferiore ai 6 anni;
  • le persone con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina e coloro che devono comunicare con quest’ultimi;
  • coloro che stanno svolgendo attività sportiva.

8) NUOVE REGOLE VISITE STRUTTURE SANITARIE

Con il Decreto Riaperture convertito in Legge, vi sono nuove regole che delimitano il potere del direttore delle strutture sanitarie. Sarà più difficile adottare misure precauzionali più restrittive anche in relazione allo specifico contesto epidemiologico. Non sarà possibile “chiudere alle visite” i reparti, a priori. Tuttavia, il direttore sanitario potrà adottare misure precauzionali più restrittive in relazione allo specifico contesto epidemiologico, solo previa comunicazione al dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria locale competente per territorio. Qualora il Dipartimento trovi non sussistenti le condizioni di rischio sanitario addotte, ordina, nel termine perentorio di tre giorni, con provvedimento motivato, che non si dia corso alle misure più restrittive. Previsto in fase di conversione, anche il ripristino del protocollo per le relazioni con i familiari dei pazienti affetti da Covid 19 presso le strutture sanitarie.

9) INCARICHI AI CORSISTI DI MEDICINA GENERALE

Il Decreto convertito proroga al 31 dicembre 2024 la possibilità per i corsisti del corso di formazione specifica in medicina generale, di partecipare all’assegnazione degli incarichi convenzionali. Tali incarichi sono disciplinati dai contratti nazionali collettivi del lavoro.

10) SOSTEGNI ALLE PERSONE AFFETTE DA AUTISMO

Il Decreto Riaperture 2022 convertito in Legge prevede l’attuazione degli interventi a tutela delle persone con disturbi dello spettro autistico. In sostanza, le risorse già previste dalla Legge di Bilancio del 2016, poi successivamente incrementate, dovranno essere destinate, in quote differenziate a:

  • sviluppo di progetti di ricerca;
  • incremento di personale;
  • sviluppo di una rete di cura territoriale;
  • progetti di vita individualizzati.

11) VACCINI ANTINFLUENZALI SOMMINISTRATI DA FARMACISTI

Ok dal Parlamento nella conversione in Legge del Decreto Riaperture 2022 per la somministrazione di vaccini antinfluenzali da parte dei farmacisti. Dovranno, tuttavia, avere una specifica formazione.

12) ORGANIZZAZIONE SPETTACOLI DAL VIVO

Il testo convertito proroga al 31 dicembre 2022 l’efficacia delle disposizioni di cui all’articolo 38-bis del Decreto Legge n. 76 del 2020. Si prevede, dunque, la proroga delle semplificazioni della disciplina. Vale in materia di autorizzazioni, licenze, nulla osta, segnalazioni e non solo, concernenti la realizzazione di spettacoli dal vivo. Ciò per facilitare la ripartenza di questo settore.

TESTO DEL DECRETO RIAPERTURE 2022 CONVERTITO IN LEGGE

Per maggiori informazioni, si consiglia di leggere il testo coordinato del Decreto Riaperture convertito in Legge (Pdf 234 Kb) pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.119 del 23-5-2022.

ALTRI APPROFONDIMENTI E AGGIORNAMENTI

Per scoprire altre interessanti novità legislative vi invitiamo a visitare questa pagina. Se volete restare aggiornati è possibile iscriversi gratis alla nostra newsletter e al nostro canale Telegram, per avere le notizie in anteprima.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti