IRPEF pensioni 2024, nuovi scaglioni di reddito da Marzo: chi paga meno?

La guida agli scaglioni IRPEF per le pensioni 2024 con esempi di calcolo per scoprire chi paga meno dal 1° marzo 2024

pensioni, pensione, pensionati

Dal 1° marzo 2024 entrano in vigore le nuove regole IRPEF per le pensioni 2024.

Con un messaggio, INPS ha comunicato quali sono i nuovi scaglioni IRPEF, per cui è possibile scoprire chi paga di meno e cosa cambia da questa data per i titolari di pensioni.

In questa guida spieghiamo quali sono le nuove regole IRPEF per le pensioni 2024, diamo esempi di calcolo e simulazioni, tenendo conto delle novità relative ai nuovi scaglioni.

NOVITÀ IRPEF PENSIONI 2024, COSA CAMBIA

Dal rateo di pensione di marzo 2024 l’INPS procede all’applicazione delle novità introdotte dalla riforma IRPEF 2024. A spiegarlo è l’Istituto stesso nel Messaggio n. 755 del 20-02-2024.

Cosa cambia? Nello specifico, a cambiare sono le aliquote IRPEF applicate alle pensioni, dopo l’introduzione dei nuovi scaglioni di reddito e le conseguenti detrazioni previste, in accordo con i principi della riforma fiscale 2024.

Ecco, nel dettaglio, le nuove aliquote progressive per i diversi scaglioni di reddito, applicate dal 1° marzo 2024 ai redditi da pensione:

  • 23% per redditi fino a 28.000 euro;

  • 35% per redditi superiori a 28.000 euro fino a 50.000 euro;

  • 43% per redditi oltre i 50.000 euro.

Confermata senza modifiche dalla riforma IRPEF 2024, invece, la no tax area per i pensionati, ovvero nei casi in cui il reddito non supera 8.500 euro l’imposta non è dovuta.

Insomma, la principale novità è che è stata abolita l’aliquota del 25% che comprendeva i redditi tra 15.001 euro e 28.000 euro.

Rispetto al passato, come spiegato in questa guida, ora il primo scaglione è quello con l’aliquota del 23% e assorbe tutti i redditi fino a 28.000 euro, mentre restano invariati gli altri scaglioni di reddito IRPEF e le relative aliquote.

A quali pensioni si applicano queste novità? Scopriamolo insieme.

A QUALI PENSIONI SI APPLICANO LE ALIQUOTE IRPEF 2024

Le nuove aliquote IRPEF 2024 si applicano a tutte le pensioni e le prestazioni di accompagnamento a pensione soggette a tassazione ordinaria ai fini delle imposte sul reddito delle persone fisiche.

Ricordiamo invece che le prestazioni di invalidità civile, le pensioni o gli assegni sociali, e le prestazioni non soggette a tassazione per specifiche ragioni (detassazione per residenza estera, vittime del terrorismo) non subiscono trattenute fiscali.

NUOVA IRPEF PENSIONI 2024, CHI PAGA DI MENO?

Con l’introduzione delle nuove aliquote IRPEF 2024 e degli scaglioni di reddito che passano da 4 a tre, i pensionati che pagheranno una quota minore di tasse sono quelli che hanno un reddito compreso tra 15.001 euro e 28.000 euro annui.

Questo perché, prima della riforma IRPEF 2024 a questi veniva applicata l’aliquota del 25% (soppressa), mentre dal 1° marzo 2024 è valida quella del 23% per i redditi fino a 28.000 euro.

SIMULAZIONI SCAGLIONI IRPEF PENSIONI 2024

Per capire bene chi paga di più e chi meno con i nuovi scaglioni IRPEF 2024, è bene provare a fare delle simulazioni di calcolo e degli esempi.

Prima di tutto, per calcolare l’IRPEF dovuta, che è progressiva, è necessario:

  • determinare il reddito mensile includendo la pensione netta, indennità e assegni vari;

  • sottrarre eventuali oneri deducibili per ottenere l’imponibile fiscale;

  • applicare le aliquote IRPEF relative al proprio reddito e calcolare l’imposta lorda.

Ad esempio, nel caso di un pensionato con un reddito lordo di 20.000 euro, pagherà l’IRPEF seguendo solo l’aliquota del 23%, che si applica al reddito fino a 28.000 euro. Quindi, l’IRPEF complessiva sarà di 4.600 euro per i suoi 20.000 euro.

Poi bisogna ricordare che il principio di progressività dell’IRPEF prevede che l’applicazione dell’aliquota aumenti più che proporzionalmente rispetto all’incremento del reddito. Per cui, per esempio, a un pensionato con un reddito lordo di 30.000 euro, poiché rientra in due scaglioni di reddito diversi, verranno applicate due aliquote IRPEF diverse, ovvero:

  • aliquota del 23% si applica al reddito fino a 28.000 euro;

  • aliquota del 35% si applica sulla parte eccedente, ovvero i restanti 2.000 euro.

Quindi, l’IRPEF sarà di 6.440 euro per i primi 28.000 euro e 700 euro sui 2.000 euro eccedenti. Per un totale di 7.140 euro.

QUANDO SCATTA LA NUOVA IRPEF SULLE PENSIONI 2024

La nuova IRPEF verrà applicata a partire dai pagamenti pensione relativi alla mensilità di marzo 2024.

Le pensioni di marzo 2024 includono anche i conguagli relativi alle mensilità di gennaio e febbraio 2024, come chiarito in questa guida che contiene gli importi e i calendari dei pagamenti.

LA GUIDA ALLE PENSIONI

Per conoscere tutti gli strumenti di pensione attivi fino al 2025, vi consigliamo di leggere questa guida su quando andare in pensione. Per approfondire, mettiamo a vostra disposizione anche la guida alle pensioni 2024, con tutte le novità.

RIFERIMENTI DI PRASSI

ALTRI AIUTI E AGGIORNAMENTI

Per approfondire, mettiamo a vostra disposizione la nostra guida che fa il punto sull’aumento pensioni nel 2024. Vi consigliamo di consultare anche tabelle e requisiti per le pensioni 2024, approvate dall’INPS.

Da leggere anche l’approfondimento su Opzione donnapensione Quota 103 o sul riscatto contributi pensione nel 2024.

Inoltre, per conoscere tutte le novità per i pensionati, vi invitiamo a visitare questa sezione.

Per restare aggiornati su tutte le novità è possibile iscriversi gratis alla nostra newsletter e al nostro canale Telegram. È anche possibile restare aggiornati seguendo il nostro canale Whatsapp e il nostro canale TikTok @ticonsigliounlavoro.

di Valeria C.
Giornalista, esperta di leggi, politica e lavoro pubblico.
© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.

Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita e al nostro Canale Telegram. Seguici su Google News cliccando su "segui".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *