Pagamento supplenze brevi: stipendio, ritardi, come verificare i pagamenti

personale ATA, scuola
adv

Quali sono le modalità di pagamento per le supplenze brevi?

Quanto viene pagata una supplenza breve? E cosa fare in caso di ritardo dello stipendio?

Di seguito facciamo chiarezza sugli stipendi per i supplenti brevi, sia docenti che ATA, e quanto guadagnano. Vi spieghiamo anche come verificare lo stato dei pagamenti.

adv

PAGAMENTO SUPPLENZE BREVI: A QUANTO AMMONTA LO STIPENDIO?

Lo stipendio per le supplenze brevi e saltuarie, anche ottenute tramite la messa a disposizione (MAD) docenti e la MAD ATA, varia a seconda del profilo professionale, dell’incarico e della durata della supplenza.

Quanto durano le supplenze brevi? I contratti di supplenza breve, sia per il personale docente che per il personale ATA, possono avere durata inferiore o superiore a 30 giorni. Dunque per il calcolo dello stipendio dei supplenti brevi occorre tenere conto dei mesi, dei giorni e delle ore di servizio prestati.

Gli stipendi dei supplenti, inoltre, variano rispetto a quelli del personale di ruolo. Ad esempio, per le supplenze brevi ai docenti, nella retribuzione non rientra la retribuzione professionale docenti, pari a 164 euro, mentre generalmente viene corrisposta la tredicesima mensilità. Invece, per le supplenze brevi al personale ATA, la retribuzione non comprende il compenso individuale accessorio (CIA), pari a circa 70 euro lordi.

Bisogna, poi, considerare variabili quali ferie e permessi eventualmente non goduti, assenze, assegni al nucleo familiare e simili.

COME VENGONO PAGATE LE SUPPLENZE BREVI?

Lo stipendio per le supplenze brevi viene pagato tramite il sistema NoiPA, la piattaforma realizzata dal Dipartimento dell’Amministrazione Generale del personale e dei servizi (DAG) del Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) per la gestione del personale della Pubblica Amministrazione, attraverso il seguente iter:

  • le scuole trasmettono i dati del supplente al Sistema Informativo dell’Istruzione (SIDI) e li inviano alla piattaforma NoiPA, una volta che è stato stipulato il contratto di supplenza e c’è stata la presa di servizio del supplente;

  • NoiPA acquisisce i dati e calcola il trattamento economico spettante;

  • la scuola verifica lo stipendio elaborato dal sistema e comunica eventuali variazioni alla piattaforma NoiPA;

  • la scuola autorizza il pagamento dello stipendio;

  • i dati sono trasmessi alla Ragioneria Generale dello Stato, che verifica se ci sono i soldi per il pagamento e in caso affermativo lo autorizza;

  • NoiPA emette gli stipendi con due emissioni speciali al mese, generalmente una verso metà mese e una verso fine mese. Ad esempio, per il pagamento degli stipendi per le supplenze brevi nel mese di novembre sono state previste due emissioni, nei giorni 8 e 18 novembre, con pagamenti rispettivamente il 17 e il 29 novembre;

  • l’accredito dello stipendio viene effettuato entro 10 giorni lavorativi dall’emissione speciale.

RITARDI STIPENDIO SUPPLENTI BREVI

Da diverso tempo il pagamento degli stipendi per i supplenti brevi, sia per le supplenze ai docenti che per le supplenze al personale ATA, non avviene con regolarità. Si tratta di un problema che da anni affligge i lavoratori precari della scuola.

Da parte sindacale, questo ritardo dei pagamenti degli stipendi dei supplenti è da imputare prevalentemente al sistema adottato per erogare le retribuzioni, troppo articolato e poco funzionale. Per questo i sindacati di settore, nei mesi scorsi, hanno chiesto al Ministero dell’istruzione e del merito di trovare una soluzione al problema di insolvenza, per garantire il pagamento regolare e senza ritardi dello stipendio per le supplenze brevi.

Il Ministero dell’istruzione e del merito (MIM) ha comunicato che sono state definite nuove misure per regolarizzare i pagamenti delle supplenze brevi. Le proposte, attualmente al vaglio del MIM e del MEF, serviranno a garantire lo stipendio mensile ai supplenti.

Nell’attesa di definire gli interventi, il Ministero ha comunicato di aver intanto concordato con i tecnici del MEF le modalità per assicurare la regolarità dei pagamenti fino a giugno 2024. Per tutti i dettagli potete leggere questo approfondimento.

COME VERIFICARE LO STATO DEI PAGAMENTI

Attraverso la piattaforma NoiPa è possibile, in qualsiasi momento, verificare lo stato dei pagamenti relativi allo stipendio per le supplenze brevi. Si tratta di una funzione molto utile per verificare se l’emissione dello stipendio è in corso di lavorazione.

Per farlo, bisogna procedere in questo modo:

  1. accedere all’area riservata sul portale NoiPA, utilizzando le proprie credenziali;
  2. cliccare su Stipendiali nell’Area Servizi e poi selezionare Consultazione pagamenti;
  3. indicare mese e anno della rata di competenza e cliccare su Ricerca.

ULTERIORI INFORMAZIONI E APPROFONDIMENTI

Per ulteriori informazioni sulle ultime novità relative agli stipendi per il personale della scuola potete leggere questo approfondimento sugli aumenti di stipendio per docenti e ATA previsti dal CCNL 2019-2021 e questo approfondimento sugli ulteriori aumenti previsti dalla Legge di Bilancio 2023.

Mettiamo a vostra disposizione anche questa guida sullo stipendio per le supplenze al personale ATA e questa guida sullo stipendio del personale ATA.

COME RESTARE AGGIORNATI

Continuate a seguirci per restare informati e visitate la nostra sezione riservata alla scuola e le nostre pagine dedicate a docenti e ATA, dove trovate tutte le informazioni aggiornate su concorsi, graduatorie, normative e contratti per il personale scolastico.

Iscrivetevi gratuitamente  alla nostra newsletter e al canale Telegram per essere avvisati su tutte le novità. Potete restare aggiornati anche seguendo il nostro canale Whatsapp e il nostro canale TikTok.

Sono disponibili inoltre il gruppo Telegram dedicato esclusivamente ai docenti e aspiranti docenti e il gruppo Telegram dedicato al personale ATA, utili per confrontarsi e chiedere consigli.

di Angela V.
Redattrice, esperta di lavoro pubblico e privato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.

Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita e al nostro Canale Telegram. Seguici su Google News cliccando su "segui".

Un Commento

Scrivi un commento
  1. dopo ottobre non ho ricevuto pagamenti.
    Non capisco come sia possibile una cosa del genere.
    Mandi email a tutto il mondo e chiedi alla scuola, ma nessuno sa niente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *