Aumento stipendi dipendenti statali fino a 190 euro: quando arriva e per chi

La guida su come funziona l’aumento stipendi per i dipendenti statali pari a circa 190 euro

stipendio, salario
adv

Grazie ai rinnovi dei CCNL pubblici per il triennio 2022 2024, da quest’anno è in corso un aumento degli stipendi dei dipendenti statali fino a 190 euro circa mensili.

Il rialzo in busta paga è del 6% ed equivale a un aumento medio di 160 euro al mese per il personale PA ma, per alcune categorie, l’incremento dello stipendio è maggiore (fino a 190 euro appunto).

In questo articolo spieghiamo quando arriva e a chi spetta, nonché come funziona l’aumento dello stipendio 2024 per i dipendenti statali.

adv

AUMENTO STIPENDI DIPENDENTI STATALI FINO A 190 EURO

A confermare l’arrivo degli aumenti previsti nel 2024 per gli stipendi dei dipendenti statali è il Ministro per la Pubblica Amministrazione, Paolo Zangrillo, in una recente intervista.

Tali incrementi, che per alcune categorie possono arrivare fino a 190 euro mensili, sono di fatto il risultato di un processo negoziale accelerato per chiudere i rinnovi dei CCNL pubblici, già annunciato alla vigilia dell’ok alla Legge di Bilancio 2024.

Con i rinnovi dei CCNL, a cui il Governo ha destinato 5 miliardi di euro a decorrere dal 2024, le retribuzioni sono già aumentate di circa il 6%, come riportano le stime di ARAN, rese note nel Rapporto Semestrale dell’ARAN sulle retribuzioni dei pubblici dipendenti, pubblicato in questa pagina.

In aggiunta alle risorse dedicate ai rinnovi contrattuali vi sono però anche altre risorse, previste per alcuni settori o comparti da specifiche disposizioni di legge, pari a circa 700 milioni di euro, che portano l’incremento medio riconosciuto sul triennio 2022 2024 a una percentuale del 6,2%.

Vediamo, nel dettaglio, a chi spettano gli aumenti.

PER CHI AUMENTA LO STIPENDIO

L’aumento stipendi con i rinnovi CCNL coinvolge gli statali, ossia il personale dipendente delle Pubbliche Amministrazioni (PA) italiane in servizio al 1° gennaio 2024.

Quindi, spetta ai dipendenti di:

  • tutte le Amministrazioni dello Stato;

  • aziende e amministrazioni dello Stato a ordinamento autonomo, le Regioni, le Province, i Comuni, le Comunità montane, loro consorzi e associazioni;

  • Enti del Servizio sanitario nazionale;

  • istituzioni scolastiche e universitarie;

  • Istituti autonomi case popolari (IACP);

  • Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura e loro associazioni;

  • Enti pubblici non economici nazionali, regionali e locali, le amministrazioni e le loro aziende;

  • Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni (ARAN);

La norma – come chiarito dalla Legge di Bilancio – è estesa anche al “personale statale in regime di diritto pubblico”.

Cioè:

  • magistrati, avvocati e procuratori dello Stato;

  • personale militare, delle Forze di polizia e del Corpo nazionale dei vigili del fuoco;

  • professori universitari;

  • personale delle carriere diplomatica, prefettizia e dirigenziale penitenziaria.

Ma quando arrivano questi aumenti per gli statali interessati? Scopriamolo insieme.

QUANDO ARRIVANO GLI AUMENTI PER GLI STATALI

Da gennaio 2024 la maggior parte dei dipendenti statali ha ottenuto il rialzo spettante direttamente in busta paga. Per questi gli aumenti sono confermati e li continueranno a ricevere ogni mese.

Chi non lo ha ancora ricevuto, quindi, lo riceverà presto, con i relativi arretrati.

DI QUANTO AUMENTA LA BUSTA PAGA NEL 2024

Per gli statali la busta paga nel 2024 aumenta di un importo pari al 6% dello stipendio grazie ai rinnovi contrattuali. Tale incremento, di fatto, può riconoscere fino a un massimo di 190 euro circa al mese in più. 

C’è da dire, però, che gli importi sono diversi a seconda della categoria di riferimento. Infatti, il Rapporto Semestrale dell’ARAN, mostra che l’aumento medio registrato nel 2024 per la maggior parte del personale PA è pari a 160 euro al mese, mentre per il personale pubblico non dirigente per il quale gli incrementi retributivi sono determinati in sedi differenti dall’ARAN (come Forze armate e dell’ordine) gli incrementi sono maggiori e arrivano, appunto, fino a 190 euro.

Tutti gli aumenti e gli importi relativi a ogni categoria sono disponibili e consultabili in questa pagina.

ALTRI AUMENTI PER GLI STIPENDI STATALI NEL 2024

Oltre all’aumento delle retribuzioni per i dipendenti PA con i rinnovi, il Governo con la Legge di Bilancio 2024 e i provvedimenti successivi adottati fino a ora, ha messo in campo anche altri importanti aumenti in busta paga nel 2024 per gli statali. Tra questi ci sono:


  • l’indennità di vacanza contrattuale, il cui importo è pari all’1,5% della retribuzione spettante. Per sapere come funziona la misura, vi invitiamo a leggere la guida sul bonus dipendenti pubblici;

adv

LA GUIDA AGLI AUMENTI STIPENDI 2024

Mettiamo a vostra disposizione questa guida sull’aumento degli stipendi per il personale PA, come deciso in Legge di Bilancio 2024. Da leggere anche l’approfondimento sugli altri casi di aumenti in busta paga nel 2024, per statali e non.

ALTRE GUIDE UTILI 

Ricordiamo che dal 2002 – anno di insediamento del Governo Meloni – a oggi, sono stati rinnovati molti CCNL pubblici quali:

ALTRI AIUTI E AGGIORNAMENTI

Vi invitiamo a leggere l’approfondimento sulle detrazioni e deduzioni con la riforma fiscale e la guida sui bonus in busta paga nel 2024 già confermati e prorogati.

Per conoscere tutte le nuove agevolazioni, bonus e aiuti per lavoratori e famiglie potete visitare questa pagina.

Vi invitiamo anche ad iscrivervi alla nostra newsletter gratuita per ricevere tutti gli aggiornamenti e al canale Telegram, per leggere le notizie in anteprima. È anche possibile restare aggiornati seguendo il nostro canale Whatsapp e il nostro canale TikTok @ticonsigliounlavoro.

Seguiteci inoltre su Google News cliccando su “segui” dove c’è la stellina.

di Valeria C.
Giornalista, esperta di leggi, politica e lavoro pubblico.
© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.

Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita e al nostro Canale Telegram. Seguici su Google News cliccando su "segui".

Un Commento

Scrivi un commento
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *