Bonus lavoratrici madri 2024 con tre o più figli: come funziona e novità

La guida al Bonus lavoratrici madri 2024 con tre o più figli. Ecco come funziona, a chi si rivolge, a quanto ammonta e come richiederlo

bonus mamma figli
adv

Dal 1° gennaio è partito il bonus lavoratrici madri 2024 con tre o più figli, ossia un’esenzione dal pagamento dei contributi previdenziali a carico delle mamme che lavorano.

In pratica, grazie a questa decontribuzione le donne con 3 o più figli non dovranno pagare i contributi IVS, nel caso delle dipendenti del settore privato, e il contributo FAP, nel caso delle dipendenti della Pubblica Amministrazione (PA), vedendo di conseguenza la loro busta paga crescere.

Al fine di agevolare l’accesso alla misura, l’INPS il 6 maggio ha pubblicato un messaggio chiarendo le modalità di richiesta del bonus.

In questa guida chiara e dettagliata vi spieghiamo cos’è, come funziona, a chi spetta e a quanto ammonta il bonus lavoratrici madri 2024 con tre o più figli.

COS’È IL BONUS LAVORATRICI MADRI CON 3 O PIÙ FIGLI

Il bonus lavoratrici madri 2024 con tre o più figli è un esonero della contribuzione previdenziale (9,19% della retribuzione), fino ad un massimo di 3.000 euro annui da riparametrare su base mensile, per le lavoratrici assunte con contratto di lavoro dipendente a tempo indeterminato, che abbiano almeno 3 figli.

Quindi, grazie a questo bonus, le lavoratrici non sono tenute a versare:

  • il contributo IVS se dipendenti del settore privato, cioè l’insieme dei contributi previdenziali dovuti per invalidità, vecchiaia e superstiti (IVS);

L’agevolazione ha una durata triennale, dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2026.

Il bonus rientra tra le novità della Legge di Bilancio 2024, insieme agli incentivi assunzioni neo mamme per le imprese e, come confermato dal comunicato stampa INPS del 28 marzo 2024, sarà concesso a tutte le mamme in possesso dei requisiti dal 1° gennaio 2024.

Con il messaggio n. 1702 del 6 maggio 2024, inoltre, l’INPS ha chiarito che l’effettiva fruizione dell’esonero avviene – previa comunicazione, da parte della lavoratrice interessata al proprio datore di lavoro, della volontà di beneficiarne.

Vediamo quali sono i requisiti.

A CHI SPETTA IL BONUS LAVORATRICI MADRI CON 3 O PIÙ FIGLI

Il bonus lavoratrici madri con 3 o più figli 2024 in busta paga spetta alle mamme dipendenti del settore pubblico e privato con almeno 3 figli, che siano assunte a tempo indeterminato. La misura spetta anche alle lavoratrici con figli adottivi o affidati.

I requisiti sono stati chiariti da INPS nella Circolare n.27 del 31-01-2024, dove è stato precisato anche che:

  • il figlio più giovane deve avere meno di 18 anni;
  • Inoltre, sono ammessi anche i rapporti di lavoro a scopo di somministrazione, i casi in regime part-time o apprendistato, con l’esclusione dei rapporti di lavoro domestico.

COME FUNZIONA IL BONUS LAVORATRICI MADRI CON 3 O PIÙ FIGLI

Il bonus lavoratrici madri 2024 con tre o più figli funziona mediante il meccanismo di decontribuzione, ovvero viene riconosciuto uno sconto del 100% dei contributi previdenziali direttamente in busta paga alle mamme che lavorano e sono in possesso dei requisiti richiesti.

Questa esenzione è applicata mensilmente e tiene conto dell’aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche.

In pratica, la quota dei contributi a carico delle lavoratici (pari al 9,19% dello stipendio) viene coperta dallo Stato e, quindi, non viene tolto il corrispondente ammontare dalla busta paga, permettendo così alle mamme con tre o più figli di ottenere uno stipendio netto più elevato.

Inoltre, nel caso in cui il contratto a tempo indeterminato venga stipulato successivamente alla condizione di essere madre di tre o più figli, l’esenzione in questione, se i requisiti sono soddisfatti, sarà applicata a partire dalla data di inizio del contratto a tempo indeterminato.

INPS nel messaggio n. 1702 del 6 maggio 2024 precisa al riguardo che, l’effettiva fruizione dell’esonero avviene, previa comunicazione da parte della lavoratrice interessata al proprio datore di lavoro, della volontà di beneficiare del bonus e mediante esposizione nella denuncia contributiva (flussi Uniemens) dei codici di conguaglio appositamente predisposti, secondo le indicazioni operative fornite con la Circolare n.27 del 31-01-2024.

La compilazione da parte del datore di lavoro delle denunce contributive con le informazioni relative, consente all’Istituto, in collaborazione con gli Enti preposti alla detenzione e al trattamento delle informazioni riguardanti la genitorialità, di effettuare i controlli circa la coerenza e la correttezza di quanto dichiarato e, qualora i dati dichiarati risultassero non veritieri, di provvedere tempestivamente al disconoscimento dell’esonero in oggetto.

A QUANTO AMMONTA IL BONUS

Il bonus mamme lavoratrici con tre o più figli ammonta al 9,19% dello stipendio, ossia è pari alla quota di contributi da versare come contributo IVS per le dipendenti del settore privato e contributo FAP per quelle della PA.

Poiché l’esonero contributivo massimo è di 3.000 euro annui, la soglia massima mensile è di 250 euro (3.000 euro / 12).

Per i rapporti di lavoro instaurati o risolti nel corso del mese, tale soglia va riproporzionata assumendo a riferimento la misura di 8,06 euro (250 euro / 31) per ogni giorno di fruizione dell’esonero contributivo.

Gli stessi limiti valgono per i rapporti di lavoro part-time, per i quali non è richiesta una riparametrazione dell’ammontare dell’esonero spettante.

COME RICHIEDERE IL BONUS LAVORATRICI MADRI CON 3 O PIÙ FIGLI

Per richiedere il bonus lavoratrici madri con 3, 4, 5 o più figli, l’INPS nella Circolare n.27 del 31-01-2024, specifica che le lavoratrici in possesso dei requisiti possono seguire due strade:

1) rivolgersi al datore di lavoro e comunicare l’intenzione di usufruire dell’esonero, indicando il numero dei figli e fornendo il codici fiscale degli stessi. In questo caso le interessate devono presentare richiesta scritta usando questo modulo (o altro modulo fac simile fornito dall’azienda), consegnandolo debitamente compilato e sottoscritto. Pertanto, come specificato nel messaggio n. 1702 del 6 maggio 2024, la fruizione dell’esonero in oggetto non è subordinata alla presentazione di una specifica domanda di accesso all’Istituto da parte della lavoratrice interessata;


2) comunicare direttamente all’INPS le informazioni relative ai codici fiscali dei figli mediante un’applicazione denominata “Utility Esonero Lavoratrici Madri” e attivata con il messaggio n. 1702 del 6 maggio 2024, con il quale è stato precisato anche che l’utilizzo di tale applicativo è limitato ai soli casi in cui per la lavoratrice, già fruitrice del bonus in trattazione, non siano stati inseriti i codici fiscali dei figli nei flussi Uniemens.

L’applicativo “Utility Esonero Lavoratrici Madri”, è disponibile mediante accesso al sito dell’Istituto, in questa pagina, al seguente percorso: “Imprese e Liberi Professionisti” > “Esplora Imprese e Liberi Professionisti” > sezione “Strumenti” > “Vedi tutti” > “Portale delle Agevolazioni (ex DiResCo)” > “Utilizza lo strumento”, autenticandosi con la propria identità digitale di tipo SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) almeno di Livello 2, CNS (Carta Nazionale dei Servizi) o CIE (Carta di Identità Elettronica) 3.0.

La lavoratrice interessata a fornire direttamente all’Istituto le informazioni relative ai figli, dopo aver selezionato la voce “Utility Esonero Lavoratrici Madri”in “Elenco domande di sgravio”, può procedere con la dichiarazione degli identificativi, fornendo i codici fiscali o, in via alternativa, laddove non sia in possesso dei codici fiscali, le informazioni anagrafiche dei figli.

A questo punto, ultimata la procedura, l’esonero al 100% dei contributi dovuti sarà applicato automaticamente in busta paga, non appena disponibile.

adv

QUANDO ENTRA IN VIGORE

Il bonus lavoratrici madri con 3 o più figli è entrato in vigore il 1° gennaio 2024.

Tuttavia, l’INPS ha pubblicato in ritardo le istruzioni per richiederlo, che sono arrivate solo il 31 gennaio 2024, per cui alcuni potrebbero aver perso tempo. Ma, niente paura. I mesi persi da chi lo ha richiesto dopo o lo deve ancora richiedere sono recuperabili secondo le indicazioni fornite nella Circolare n.27 del 31-01-2024.

COSA FARE IN CASO DI ESITO NEGATIVO

In caso di esito negativo delle verifiche effettuate, INPS nel messaggio n. 1702 del 6 maggio 2024 spiega che le lavoratrici madri che risultano registrate ai servizi on-line dell’Istituto, riceveranno opportuna comunicazione tramite posta elettronica ordinaria (allo stesso indirizzo mail comunicato in fase di richiesta) al fine di potersi attivare con l’eventuale integrazione della documentazione, sia tramite l’Utility che presso le Strutture territorialmente competenti dell’INPS, per consentire un’istruttoria integrativa.

Al riguardo, si evidenzia che la mancata comunicazione dei codici fiscali dei figli da parte del datore di lavoro nelle denunce Uniemens o, in via alternativa, da parte della lavoratrice mediante utilizzo dell’apposito applicativo nel termine di sette mesi – evidenziato nella comunicazione inviata dall’Istituto – comporterà la revoca del beneficio fruito secondo le indicazioni che saranno fornite con successivo messaggio.

QUANDO SCADE IL BONUS LAVORATRICI MADRI

Il bonus lavoratrici madri con tre o più figli scade il 31 dicembre 2026 o, nel caso in famiglia i minori siano solo tre, nel mese di compimento del 18° anno di età del figlio più piccolo qualora tale evento si realizzi prima della scadenza prevista del 31 dicembre 2026.

RIFERIMENTI NORMATIVI E DI PRASSI

ALTRI AIUTI E AGGIORNAMENTI 

Tra le novità della Legge di Bilancio 2024, il Parlamento ha previsto altre misure a sostegno della genitorialità, come il bonus nido potenziato e il congedo parentale aggiuntivo, che vi invitiamo ad approfondire. Altre novità le trovate nel pacchetto famiglia della Manovra.

Vi consigliamo anche l’articolo sugli incentivi assunzioni neo mamme e mettiamo a vostra disposizione l’elenco aggiornato dei bonus in busta paga nel 2024 già confermati e prorogati e quello sul bonus mamme nella pubblica amministrazione.

Potrebbero interessarvi infine le nostre guide sui bonus figli attivi nel 2024 e sui bonus famiglia 2024.

Per scoprire altri aiuti, agevolazioni e bonus per lavoratori, persone e famiglie potete consultare questa pagina.

Vi ricordiamo che per restare aggiornati è possibile iscriversi gratis alla nostra newsletter e al nostro canale Telegram, per avere le notizie in anteprima. È anche possibile restare aggiornati seguendo il nostro canale Whatsapp e il nostro canale TikTok @ticonsigliounlavoro. Seguiteci anche su Google News cliccando su “segui” dove c’è la stellina.

di Valeria C.
Giornalista, esperta di leggi, politica e lavoro pubblico.
© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.

Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita e al nostro Canale Telegram. Seguici su Google News cliccando su "segui".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *