Bonus partite IVA e professionisti 2021: requisiti, domanda, guida Agenzia Entrate

Tutte le informazioni sul nuovo bonus partite IVA e professionisti introdotto dal decreto Sostegni: a chi spetta, requisiti, come fare domanda e le guide Pdf da scaricare pubblicate dall’Agenzia delle Entrate

soldi, euro, denaro, aiuti economici

Il nuovo bonus partite IVA e professionisti introdotto dal decreto Sostegni consiste in un contributo a fondo perduto fino a 150 mila euro per imprese e liberi professionisti.

In sostanza si tratta di un nuovo aiuto economico a sostegno delle aziende e dei professionisti danneggiati dagli effetti dell’emergenza da covid-19.

La domanda è telematica e va presentate online all’Agenzia delle Entrate, dal 30 marzo al 28 maggio 2021. Ecco cosa sapere sul bonus partite IVA e professionisti 2021, a chi spetta, i requisiti, come si calcola, il modello di domanda e le guide pdf da scaricare.

BONUS PARTITE IVA E PROFESSIONISTI DECRETO SOSTEGNI

Il decreto-legge 22 marzo 2021. n. 41 ha introdotto un nuovo bonus per aziende e liberi professionisti con fatturato fino a 10 milioni di euro, che hanno subito cali di fatturato a causa degli effetti delle disposizioni nazionali adottate per prevenire il contagio da coronavirus. I beneficiari ricevono un contributo a fondo perduto, cioè una somma di denaro corrisposta dall’Agenzia delle Entrate, di importo diverso a seconda della diminuzione del fatturato. Il beneficio è escluso da tassazione, sia per quanto riguarda le imposte sui redditi sia per l’Irap. Inoltre non incide sul calcolo del rapporto per la deducibilità delle spese e degli altri componenti negativi di reddito, compresi gli interessi passivi. Viene erogato dall’Agenzia delle Entrate direttamente sul conto corrente dei beneficiari o mediante credito d’imposta.

A CHI SPETTA

Possono richiedere il bonus 2021 soggetti titolari di partita IVA che svolgono attività di impresa o di lavoro autonomo o che sono titolari di reddito agrario, in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere residenti o stabiliti in Italia;
  • non aver cessato la partita IVA prima del 23 marzo 2021;
  • aver avviato l’attività prima del 24 marzo 2021;
  • aver conseguito, nell’anno 2019, un ammontare di ricavi o compensi non superiore a 10 milioni di euro. Per persone fisiche, società semplici e enti non commerciali titolari di reddito agrario e attività agricole connesse (per esempio, agriturismi, allevamento e simili) si fa riferimento all’ammontare del volume d’affari risultante dal modello dii dichiarazione IVA 2020 (per l’anno2019), o all’ammontare complessivo del fatturato e dei corrispettivi del 2019 per coloro che non sono tenuti a presentarla;
  • aver subito un calo di fatturato pari almeno al 30% nel 2020 rispetto al 2019, calcolato sulla media mensile, o aver attivato la partita IVA partire dal 1° gennaio 2019.

Il beneficio spetta anche agli eredi che proseguono l’attività di persone fisiche decedute, fermi restando i requisiti.

SOGGETTI ESCLUSI

Non hanno diritto all’agevolazione i soggetti che:

  • hanno attivato la partita IVA successivamente al 23 marzo 2021, ad eccezione degli eredi che l’hanno attivata successivamente per proseguire l’attività economica;
  • hanno cessato l’attività alla data del 23 marzo 2021;
  • rientrano tra gli enti pubblici di cui all’art. 74 del Tuir (Testo Unico delle Imposte sui Redditi);
  • rientrano tra gli intermediari finanziari e le società di partecipazione di cui all’art. 162-bis del Tuir.

IMPORTO

Il bonus imprese e professionisti ha un importo variabile in base al calo di fatturato subito dai beneficiari e non può superare i 150.000 euro. Inoltre ha una soglia minima che non piò essere inferiore a 1.000 euro per le persone fisiche e a 2.000 euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

CALCOLO DEL CONTRIBUTO

L’importo del contributo economico è calcolato confrontando la media mensile del fatturato e dei corrispettivi del 2020 e del 2019. L’ammonotare del beneficio è determinata applicando le seguenti percentuali alla differenza tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi 2020 e l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi 2019, basate sui ricavi e compensi 2019:

  1. 60% – se i ricavi e i compensi non superano la soglia di 100 mila euro;
  2. 50% – se ricavi e compensi sono compresi tra 100 mila e 400 mila euro;
  3. 40% – per ricavi e compensi tra 400 mila euro e 1 milione di euro ;
  4. 30% – per ricavi e compensi tra 1 milione e 5 milioni di euro;
  5. 20% – se ricavi e compensi superano la soglia di 5 milioni fino a 10 milioni di euro.

COME FARE DOMANDA

Per richiedere il contributo a fondo perduto occorre presentare l’apposito MODELLO (Pdf 49Kb) di domanda bonus partite IVA e professionisti online, a partire dal 30 marzo 2021 e fino al 28 maggio 2021. Le domande vanno compilate e inoltrate esclusivamente in via telematica, seguendo le indicazioni contenute nella GUIDA OPERATIVA (Pdf 49Kb), in una delle seguenti modalità:


  1. tramite i canali telematici dell’Ageniza delle Entrate, nello specifico il canale telematico Entratel/Fisconline attraverso cui sono trasmesse le dichiarazioni dei redditi;
  2. mediante la piattaforma web Sogei, raggiungibile del portale Fatture e Corrispettivi, nella sezione Contributo a fondoperduto.

Entrambi i canali sono raggiungibili dal portale web dell’Agenzia Entrate. Per accedere alla procedura occorrre utilizzare le credenziali SPID (Sistema Pubblico dell’Identità Digitale), CIE (Carta di Identità Elettronica) o Carta Nazionale dei Servizi (CNS) oppure Entratel. Per predisporre e trasmettere l’istanza, il soggetto richiedente può avvalersi anche di un intermediario.

ESITO DELLE ISTANZE

L’esito finale di elaborazione delle domande è esposto tempestivamente e consultabile seguendo il link Consultazione esito nella sezione Contributo a fondo perduto del portale Fatture e Corrispettivi. Nel caso di scarto dell’istanza, i richiedenti possono trasmettere una nuova domanda entro e non oltre il 28 maggio 2021.

PAGAMENTO BONUS PARTITE IVA E PROFESSIONISTI

Come viene pagato il bonus partite IVA e professionisti? L’Agenzia delle Entrate eroga l’intero contributo in una delle seguenti modalità, a scelta del beneficiario:

  1. mediante bonifico sul conto corrente intestato (o cointestato) al richiedente;
  2. tramite attribuzione di credito d’imposta da utilizzare in compensazione (modello F24).

Come specificato dall’Agenzia delle Entrate attraverso l’AVVISO (Pdf 185Kb) del 24 marzo 2021, la modalità di erogazione va indicata nella domanda e può essere modificata solamente fino al momento del riconoscimento del contributo, il cui esito si può verificare nell’area riservata del portale web Fatture e Corrispettivi, nella sezione Contributo a fondo perduto – Consultazione esito. Una volta che il contributo a fondo perduto è stato riconosciuto non è più possibile modificare la scelta.

GUIDA

Per ulteriori informazioni rendiamo scaricabile la GUIDA (Pdf 2,34Mb) predisposta dall’Agenzia delle Entrate, con le indicazioni utili per richiedere e ottenere il bonus partite IVA e professionisti 2021.

RIFERIMENTI NORMATIVI

PROVVEDIMENTO AGENZIA ENTRATE (Pdf 347Kb) n. 77923 del 23 marzo 2021;
DECRETO SOSTEGNI (Pdf 237Kb) – decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41.

ALTRI AIUTI E INFORMAZIONI

Per conoscere altri bonus e agevolazioni disponibili potete visitare la nostra pagina dedicata agli aiuti alle imprese e la nostra sezione riservata agli aiuti per lavoratori e famiglie.

Vi terremo informati su tutte le novità relative al bonus decreto Sostegni per professionisti e imprese. Continuate a seguirci per restare aggiornati, iscrivendovi alla nostra newsletter gratuita.

Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments