Bonus prima casa Basilicata, contributi fino a 40.000 euro: Bando e domanda 2022

Tutti i dettagli sull’agevolazione per giovani coppie, single under 35 e genitori soli con figli minori acquistano casa in Basilicata

bonus edilizi, credito, casa, superbonus

Al via il bonus prima casa in Basilicata, un contributo che può arrivare fino a 40.000 euro per chi compra la prima abitazione nel territorio lucano.

L’aiuto è destinato alle giovani coppie, ai nuclei familiari mono-genitoriali con figli minori, ai single o ai giovani maggiorenni ancora a carico della propria famiglia.

In questa guida vi spieghiamo come funziona il bonus 2022 prima casa in Basilicata, a chi spetta e come ottenere il contributo.

BONUS PRIMA CASA IN BASILICATA 2022, COS’È

Il bonus prima casa in Basilicata è un contributo destinato alle giovani coppie, ai nuclei familiari mono-genitoriali con figli minori e ai giovani maggiorenni ancora a carico dei genitori che vogliono comprare la loro prima abitazione. L’aiuto si rivolge a coloro che vivono o vogliono trasferirsi nel territorio regionale e copre il 30% del costo dell’immobile indicato nel contratto di acquisto, fino a un massimo di 40.000 euro.

Prevista anche una premialità per coloro che intendono acquistare casa nei centri storici dei Comuni lucani e nelle aree soggette a piani di recupero urbano o simili, al fine di favorirne il ripopolamento. Il contributo è stato introdotto dalla Deliberazione di Giunta Regionale n. 566 del 24 agosto 2022 ed è finanziato dal Fondo per lo Sviluppo e la Coesione del Piano Sviluppo e Coesione della Regione Basilicata, che conta 10 milioni di euro. Per ottenere l’aiuto economico è necessario dimostrare di essere in possesso dei requisiti previsti dal bando e che la casa acquistata rispetti dei precisi canoni. È possibile presentare domanda fino al 5 novembre 2022.

Vediamo insieme a chi spetta e come richiedere il bonus prima casa Regione Basilicata.

A CHI SPETTA IL BONUS PRIMA CASA BASILICATA

Il bonus prima casa messo a disposizione dalla Regione Basilicata si rivolge a:

  • coppie: si intende un nucleo familiare costituito, alla data di pubblicazione dell’avviso (il 26 settembre 2022), da coniugi o da conviventi more uxorio. Per “convivente more uxorio” si intende quella persona che ha una relazione affettiva e solidaristica stabile ed in comunione di vita con un’altra persona. Non sono ammesse le coppie coniugate in cui uno dei componenti sia residente all’estero, anche se non legalmente separato;

  • famiglie monoparentali: nuclei familiari che, alla data del 26 settembre 2022, sono composti anagraficamente ed esclusivamente da un solo genitore (cioè vedovi, separati, celibi o nubili, divorziati) e da uno o più figli a carico. Si considerano separati coloro che sono in possesso di sentenza o di provvedimento di omologa della separazione emessi in data anteriore a quella di pubblicazione dell’avviso;

  • single: si intendono nuclei familiari che, alla data del 26 settembre 2022, sono composti anagraficamente esclusivamente da una persona (cioè vedovi, separati, celibe o nubile, divorziati);

  • figli a carico: si intende figli maggiorenni che, alla data del 26 settembre 2022, risultano ancora anagraficamente inseriti nel nucleo familiare di origine, anche se percettori di Reddito di cittadinanza.

REQUISITI

I requisiti soggettivi che il richiedente deve possedere alla data del 26 settembre 2022 sono i seguenti:

  • maggiore età;
  • cittadinanza italiana o di stati appartenenti all’Unione europea regolarmente soggiornanti in Italia e loro familiari;
  • stranieri titolari di permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo ai sensi del Decreto Legislativo 8 gennaio 2007, n. 3;
  • stranieri di cui all’articolo 41 del Decreto Legislativo 25 luglio 1998, n. 286;
  • non aver mai usufruito di altri contributi pubblici, in qualunque forma concessi dallo Stato, dalla Regione o altro Ente pubblico, per l’acquisto di una abitazione. Questo criterio vale per le coppie, le famiglie monoparentali e i single.

Se a presentare domanda cittadini non residenti in Regione Basilicata, i richiedenti, in caso di ammissione al contributo, assumono l’obbligo di trasferire la residenza e di conservarla presso l’immobile acquistato per il periodo di 5 anni.

CASI DI ESCLUSIONE

È inoltre necessario – questo criterio vale per le coppie, le famiglie monoparentali e i single – che vi sia la non titolarità del diritto di proprietà, comproprietà, nuda proprietà, usufrutto, o quote parti di essi, ovunque ubicati sul territorio nazionale. Sono previste le seguenti eccezioni:

  • in caso si tratti di immobili dichiarati inagibili o sottoposti a procedure di esproprio che risultino già attivate alla data di presentazione della domanda;
  • nel caso si tratti di quote di proprietà, inferiori al 100%, di immobili ricevuti per successione ereditaria, purché la somma delle rispettive quote non corrisponda all’intera unità immobiliare;
  • in caso di nuda proprietà di immobili, il cui usufrutto, è in capo a parenti o affini entro il 2° grado;
  • nel caso si tratti di comproprietà o proprietario esclusivo della sola casa coniugale che, in sede di separazione dei coniugi o di scioglimento degli effetti civili del matrimonio, è stata assegnata al coniuge o all’ex coniuge e non è nella disponibilità del richiedente.

REQUISITI DEGLI IMMOBILI AMMESSI AL BONUS

Il contributo vale solo per gli immobili da acquistare e gli immobili acquistati a far data dal 1° giugno 2022 che rispecchino le seguenti caratteristiche:

  • devono essere ubicati nella Regione Basilicata;

  • devono essere accatastati al NCEU (Nuovo Catasto Edilizio Urbano) nelle categorie A/2, A/3, A/4, A/5, A/6, A/7;

  • devono essere dotati di certificato di agibilità o, se in costruzione o da ristrutturare, deve essere presentata la dichiarazione ad eseguire i lavori nel rispetto delle norme per ottenere la futura agibilità;

  • non devono essere di proprietà di ascendenti entro il 2° grado dei richiedenti (ad esempio i nonni);

  • non devono essere immobili di proprietà di operatori (ad esempio Imprese, Cooperative, ecc) che hanno beneficiato di contributo pubblico per la realizzazione degli stessi;

  • non devono essere immobili di edilizia residenziale pubblica inseriti nei Piani di vendita per cui il bonus vuole essere vantato dagli affittuari.

A QUANTO AMMONTA

Il bonus prima casa è un contributo che corrisponde al 30% del costo dell’immobile indicato nel contratto di acquisto, comprese le eventuali pertinenze, fino ad un massimo di:

  • 30.000 euro per le categorie “coppie” e “famiglie monoparentali”;

  • 40.000 euro per le categorie “coppie” e “famiglie monoparentali”, e l’immobile acquistato è ricompreso nel centro storico dei Comuni (zona A del Piano Regolatore Generale) o nelle aree soggette a piani di recupero urbano comunque denominati;

  • 20.000 euro per le categorie “single” e “figli a carico”;

  • 30.000 euro per le categorie “single” e “figli a carico”, se l’immobile acquistato è ricompreso nel centro storico dei Comuni (zona A del Piano Regolatore Generale) o nelle aree soggette a piani di recupero urbano comunque denominati.

COME FUNZIONA IL BONUS PRIMA CASA BASILICATA

Il contributo economico arriva ad un massimo di 40.000 euro che viene erogato, a domanda, agli aventi diritto distinti per le diverse categorie. Le domande saranno poi valutate secondo i criteri dell’articolo 8 del bando e collocate in graduatoria. A parità di punteggio, sarà data priorità all’ISEE più basso (da presentare in fase di domanda). Qualora persistano le condizioni di parità, precederà in graduatoria il soggetto più giovane. Saranno ammessi a finanziamento i soggetti aventi diritto sino ad esaurimento del budget a disposizione.

A partire dalla data di invio della lettera di accettazione del contributo, il beneficiario deve procedere all’acquisto dell’immobile entro e non oltre 12 mesi, pena la revoca del contributo. Il bonus viene erogato in un’unica soluzione, previa presentazione, entro 120 giorni dal termine di acquisto e dopo la consegna dei documenti obbligatori previsti dal bando all’articolo 12. La liquidazione del contributo, infine, avviene attraverso accredito diretto sul conto corrente indicato dal destinatario al momento della presentazione della domanda.

COME PRESENTARE DOMANDA

Gli aventi diritto al bonus prima casa Basilicata possono presentare domanda, dal 27 settembre 2022 ed entro il 5 novembre 2022, esclusivamente compilando il formulario di candidatura disponibile nella sezione “Avvisi e Bandi” del portale istituzionale della Regione Basilicata accessibile a questo indirizzo. Le modalità di accesso sono le seguenti:

  • SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale): utilizzare le credenziali SPID (uguale o 7 superiore al II livello);
  • per i residenti della Regione Basilicata, mediante Carta Nazionale dei Servizi. Le istanze dovranno essere firmate elettronicamente ai sensi dell’articolo 21 del Codice Amministrazione Digitale con FEA (Firma Elettronica Avanzata).

Nell’istanza è obbligatorio, a pena di inammissibilità, indicare la categoria dei soggetti per la quale si partecipa al bando. I moduli utili sono scaricabili a questo indirizzo.

ASSISTENZA ALLA DOMANDA

Per assistenza alla compilazione della domanda è possibile consultare queste istruzioni messe a disposizione dalla Regione Basilicata. Inoltre, sul sito istituzionale c’è anche questa sezione utile, con le risposte ai principali quesiti e la possibilità di inviarne dei propri. Infine, per qualsiasi informazione in merito al bando, le persone interessate potranno rivolgersi all’Ufficio dedicato mediante:

  • i seguenti recapiti telefonici e telematici: 0971668406 e 0971668443;
  • e-mail: [email protected].

OBIETTIVI BONUS PRIMA CASA BASILICATA

Il bonus prima casa in Basilicata ha l’obiettivo di:

  • sostenere progetti di acquisto del patrimonio edilizio esistente, con priorità per gli immobili ubicati nei centri storici e nelle aree soggette a piani di recupero urbano comunque denominati;
  • rimuovere gli squilibri economico-sociali rivolgendosi specificatamente a famiglie con disagio e bisogno abitativo;
  • aiutare coloro che hanno da poco costituito un nucleo familiare ed hanno la necessità di individuare un’autonoma sistemazione alloggiativa;
  • dare una mano a chi ha figli maggiorenni che risultano ancora anagraficamente inseriti nel nucleo familiare di origine, che intendono avviarsi verso una sistemazione alloggiativa autonoma.

TESTO DEL BANDO BONUS PRIMA CASA BASILICATA 2022

Per tutti i dettagli tecnico operativi sul bonus prima casa Basilicata, vi consigliamo di consultare anche il testo integrale del bando (Pdf 1 Mb).

RIFERIMENTI NORMATIVI

Deliberazione di Giunta Regionale Basilicata n. 566 del 24 agosto 2022 (Pdf 176 Kb).

ALTRI AIUTI E AGGIORNAMENTI

Vi consigliamo di leggere i dettagli sul bonus nazionale per la prima casa per gli under 36 che vi spieghiamo in questo articolo e quelli sulla misura rivolta ai giovani, sempre a livello statale, “bonus affitto giovani under 31“. Per conoscere altri aiuti, bonus e agevolazioni disponibili per famiglie e lavoratori potete visitare la nostra sezione dedicata agli aiuti alle persone. Vi invitiamo anche ad iscrivervi alla nostra newsletter gratuita per ricevere tutti gli aggiornamenti e al canale Telegram, per leggere le notizie in anteprima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.



Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita.
Subscribe
Notificami
0 Commenti
Inline Feedbacks
Leggi i commenti